Un uccello capisce altri volatili di specie diverse

7 Marzo 2019
Uno studio della National University in Australia rivela che esiste un uccello che comprende diverse specie in un modo simile a come gli umani comprendono le altre lingue

Molte persone si chiedono se un uccello è in grado di capire gli altri uccelli di specie diverse dalla sua. In realtà questioni come questa non sono ancora state chiarite del tutto.

Nonostante ciò, recenti studi dimostrano che una specie di uccello australiano, lo scricciolo azzurro splendente, è in grado di capire gli altri volatili di specie diverse. Scopriamo di più leggendo questo articolo.

Un uccello che capisce gli altri uccelli: lo scricciolo azzurro splendente

Lo scricciolo azzurro splendente è un piccolo uccello che vive nel sud-est dell’Australia e in Tasmania. Questa specie è in grado di comprendere le chiamate di allarme di altri uccelli che vivono nella stessa area.

Lo scricciolo azzurro splendente è sedentario e abbastanza territoriale. Presenta un dimorfismo sessuale molto sorprendente: i maschi sono di colore blu acceso e nero, mentre le femmine sono marroni. Le femmine, per il loro aspetto, ricordano l’usignolo.

Sembra che lo scricciolo azzurro splendente capisca gli altri uccelli. Ha anche altri comportamenti peculiari.

Ad esempio, sebbene formi delle coppie stabili, è anche promiscuo e si riproduce con altri uccelli che non sono suoi partner.

In effetti, lo scricciolo azzurro splendente non solo si riproduce al di fuori della sua coppia stabile, ma si prende cura anche della prole che genera al di fuori della coppia.

Uccelli australiani

Lo scricciolo azzurro splendente capisce specie diverse di uccelli

Dunque, questo uccello capisce gli altri uccelli e gli allarmi che essi lanciano, anche al di fuori del suo campo visivo.

Questo è davvero sorprendente se si pensa che i versi degli uccelli possono essere davvero complessi, e ancor di più quando il pericolo non è visibile.

Lo studio, pubblicato dalla National University of Australia, dimostra che questo uccello comprende gli altri uccelli in modo simile a come gli umani comprendono le lingue straniere.

Secondo il lavoro degli studiosi, si tratta di un apprendimento sociale attraverso il quale questo uccello capisce gli altri uccelli senza esperienza diretta: semplicemente ascoltando gli allarmi e senza riuscire a vedere il predatore.

Questo è importante, dal momento che studi precedenti avevano dimostrato questo stesso comportamento ma facendo altri tipi di osservazioni.

Secondo gli studi precedenti, infatti, l’uccello che comprende gli altri uccelli nel suo ambiente riesce anche a vedere il predatore che causa l’allarme.

Un altro caso sorprendente di comunicazione fra razze diverse è quello degli uccelli indicatori, che comunicano con gli umani e li aiutano a cercare il miele.

Malurus cyaneus

Questa strategia viene usata anche da altri esseri viventi. Infatti, imparare dagli altri è più semplice che imparare dall’esperienza diretta e, soprattutto, meno rischioso, specialmente quando questa esperienza consiste nell’affrontare un predatore.

Per dimostrarlo, è stato realizzato il seguente esperimento: sono stati addestrati alcuni gruppi di scricciolo azzurro splendente attraverso delle registrazioni.

Questo tipo di studio consente di verificare la natura dell’apprendimento di questi uccelli in libertà.

A cosa serve questo comportamento?

Queste scoperte sono più interessanti di quanto possa sembrare. Infatti, molti uccelli in via di estinzione vengono allevati in cattività e in seguito rilasciati in natura.

Uno dei problemi principali di questi uccelli è che quando vengono rilasciati nell’ambiente sono inesperti e non riconoscono i predatori come i rapaci, per cui non scappano e vengono catturati.

Comprendere gli allarmi di altri uccelli consentirebbe agli uccelli allevati in cattività di essere in grado di fuggire, il che aumenterebbe le loro possibilità di sopravvivenza.

Uccelli come la ghiandaia o il corvo sono dei veri e propri specialisti nel lanciare versi di allarme sulla presenza di predatori al resto degli uccelli.

Tuttavia, curiosamente, i corvidi sono proprio uno dei predatori che caccia lo scricciolo azzurro splendente australiano. Altri suoi predatori sono le volpi, i gatti e i topi neri, che in Australia sono specie invasive.

Questo è il motivo per cui le specie di uccelli provenienti da tutto il mondo potrebbero beneficiare di questo tipo di apprendimento. Ci auguriamo che sia una tattica di protezione presente in molte altre specie animali.