Uistitì dai pennacchi bianchi: quali sono le sue abitudini?

08 novembre, 2020
Lo uistitì dai pennacchi bianchi è un primate unico al mondo. Purtroppo la sua esistenza è seriamente in pericolo a causa dell'eliminazione del suo habitat e dell'esaurimento della popolazione a causa del commercio illegale di animali.

Lo uistitì dai pennacchi bianchi (Saguinus oedipus) è un primate platirrino della famiglia dei Callitrichidae. Questo animale ha una distribuzione limitata ad una piccola area selvaggia, delimitata dalla costa caraibica colombiana.

È conosciuto anche con un lungo elenco di nomi comuni, tra cui tamarino testa di cotone. Questi nomi si riferiscono alla caratteristica più distintiva della specie: il colore bianco dei suoi pennacchi.

Come riconoscere questa piccola scimmia

La cosa che più colpisce di questo primate è la sua dimensione e il suo colore. È piccolo, poiché un esemplare adulto pesa meno di 0,5 kg. Inoltre, le tempie e i lati della testa sono ricoperti di peli color argento. D’altra parte, il suo viso è senza peli e la sua pelle è nera.

Il dorso è prevalentemente nero o marrone, mentre le braccia e le gambe sono prevalentemente bianche o giallastre. La groppa e l’interno delle cosce sono di colore arancione rossastro. Anche la base della coda è di colore rosso-arancio, mentre la punta è nerastra.

D’altra parte, la caratteristica principale che distingue i Callitricidi dagli altri primati è che hanno unghia al posto degli artigli. Altre caratteristiche distintive sono la presenza di due molari invece di tre su ogni lato della mandibola e una coda leggermente più lunga del corpo, che non è prensile.

Un uistití dai pennacchi bianchi col suo piccolo.

Habitat e distribuzione geografica dell’uistitì dai pennacchi bianchi

Lo uistitì dai pennacchi bianchi è endemico della Colombia. Si trova solo in una foresta di 4300 ettari destinata alla protezione della foresta secca. Questo habitat, esclusivo della specie, si trova nel comune di San Juan Nepomuceno, vicino a Barranquilla, capitale del Dipartimento di Atlantico, nei Caraibi colombiani.

Questa piccola scimmia è arboricola, poiché abita la parte superiore della foresta pluviale tropicale e la foresta secca di latifoglie. Inoltre, questo uistitì si è dimostrato adattabile a lembi limitati di foresta secondaria o rimanente e può vivere in habitat relativamente disturbati.

Riproduzione e aspettativa di vita dell’uistitì dai pennacchi bianchi

Lo uistitì dai pennacchi bianchi ha un sistema di riproduzione monogamo. È interessante notare che, due volte all’anno, questa specie ha due gemelli non identici. Inoltre, il metodo per allevare i piccoli è cooperativo, una pratica che non è presente in molti altri primati.

Infatti, la cura dei piccoli coinvolge altri esemplari adulti che rimangono in famiglia e acquisiscono l’esperienza dei genitori invece di riprodursi. Questa pratica può portare al potenziale riproduttivo più alto di tutti i primati.

Secondo gli studi, la specie ha una riproduzione stagionale: le femmine rimangono incinte e allattano solo da gennaio a giugno. La gestazione dura circa 140 giorni. D’altra parte, l’aspettativa di vita in cattività è di circa 25 anni.

Gli uistitì dai pennacchi bianchi sono principalmente insettivori e frugivori, con gli insetti che costituiscono il 40% della loro dieta e la frutta un altro 38%.

Alcune pratiche sociali sorprendenti

Queste piccole scimmie vivono in gruppi che possono raggiungere i 19 esemplari e sono di abitudini diurne. Più comunemente, i gruppi sono composti dalla coppia dominante e da uno a sette individui subordinati, giovani di entrambi i sessi.

Alla fine, questi membri subordinati formano piccoli gruppi e migrano dentro e fuori dal raggio d’azione del gruppo principale. L’estensione dell’area di ogni gruppo varia dai 7 ai 10 ettari.

Lo uistitì dai pennacchi bianchi è territoriale e usa contrassegnare i limiti del suo territorio con tracce del suo odore. Tuttavia, quando entrano in contatto con altri gruppi, invece del contatto fisico, i membri minacciano l’altro gruppo mostrando la parte posteriore e l’area genitale come dimostrazione territoriale.

Uistitì dai pennacchi bianchi su un ramo.

Un primate in serio pericolo di estinzione

Sebbene il numero attuale della popolazione di queste scimmie sia sconosciuto, si presume che la specie sia in netto declino. Si stima quindi che oltre l’80% degli esemplari sia andato perduto nelle ultime tre generazioni (18 anni), fondamentalmente a causa della distruzione del loro habitat.

Purtroppo, l’area di habitat è esposta alla colonizzazione intensiva ed alla deforestazione, poiché già nel 1978 si stimava che il 75 % della distribuzione originaria della specie fosse stata ridotta dall’agricoltura e dal pascolo. Sono necessari sforzi di protezione eccezionali per salvare questa specie dall’estinzione.