Vaccinare il cane: i vaccini obbligatori, quando farli e perché

08 gennaio, 2021
Vaccinare il cane è un modo infallibile per prevenire molte malattie; in questo articolo vi diciamo quando e come farlo.

La salute dei nostri animali domestici può essere influenzata da vari fattori. Uno di questi è la prevenzione. Pertanto, vaccinare il cane è un passo molto importante non solo per promuovere la salute del vostro amico a quattro zampe, ma anche di quella di chi lo circonda. In questo articolo vi diciamo quando e perché vaccinare il cane.

Come funziona un vaccino?

La vaccinazione è senza dubbio una delle scoperte più importanti della storia. Un vaccino si basa sull’inoculazione di una “porzione” dell’agente che causa la malattia, che normalmente è attenuata. In questo modo, quando l’organismo rileva la presenza dell’agente patogeno, genera i cosiddetti anticorpi, che fungono da barriera di difesa contro la malattia.

Per quanto riguarda la salute degli animali, vaccinare i nostri animali domestici è un metodo molto efficace per prevenire molte malattie. Il veterinario si incaricherà di determinare quali sono le condizioni ideali affinché il nostro animale domestico riceva il vaccino, stabilendo un calendario di vaccinazione appropriato.

Vaccinare il cane è obbligatorio?

La risposta è si. Esistono una serie di vaccini che i padroni sono tenuti a somministrare ai propri animali domestici. A seconda della zona in cui ci troviamo o del tipo di vaccino, potrebbero esserci delle leggere variazioni rispetto a tale obbligo.

All’interno dei vaccini obbligatori possiamo trovare cinque tipologie differenti ed essenziali:

  • Vaccino contro la rabbia.
  • Quello contro il cimurro canino.
  • Vaccino contro il parvovirus.
  • Contro l’epatite infettiva.
  • Il vaccino contro la leptospirosi.
Vaccino ad un husky.

La rabbia è una malattia particolarmente pericolosa che si trasmette attraverso i morsi. Colpisce il sistema nervoso e mette in serio pericolo la vita dei cani. La sua prevenzione, quindi, è di vitale importanza.

Il cimurro, che colpisce anche molte specie diverse dal cane, è una malattia che si trasmette per via aerea e per contatto con le aree precedentemente infette. I suoi sintomi sono molto vari, ma dobbiamo sapere che è una malattia grave, altamente contagiosa e con conseguenze disastrose.

Inoltre, all’interno delle vaccinazioni non obbligatorie, alcuni veterinari raccomandano la vaccinazione contro la tosse del canile, o la malattia di Lyme.

Quando bisogna vaccinare il cane?

Nel nostro paese esiste un calendario vaccinale regolamentato, ed è quello seguito da veterinari ed esperti di animali per realizzare i programmi di vaccinazione. A livello generale, questo calendario include le seguenti tappe basilari:

  • A sei settimane di età: viene somministrato un primo vaccino, che include la protezione contro cimurro e parvovirus. In alcuni casi si consiglia di effettuare preventivamente una sverminazione completa.
  • A 8 settimane: a quell’età solitamente viene somministrato quello che è noto come un vaccino polivalente, che garantisce l’immunità contro la cimurro e la leptospirosi, tra gli altri.
  • Cucciolo di tre mesi: a questa età di consueto si applica un richiamo di quello delle otto settimane.
  • A 16-17 settimane: è il momento di vaccinare il cane contro la rabbia. Questo vaccino può essere accompagnato da altri minori.
  • Cani di un anno: quando il nostro cane compie un anno, verrà vaccinato con un richiamo del polivalente e con un altro della rabbia.
  • Ogni anno: ulteriore promemoria del polivalente e rabbia. Questo processo può essere ripetuto ogni due anni, a seconda della regione in cui risiediamo.
Vaccino al cane.


Quanto costa vaccinare un cane?

Ovviamente, il processo di vaccinazione degli animali ha i suoi costi. Di solito variano a seconda del numero di vaccini opzionali che decidiamo di somministrare e anche della taglia del nostro cane. Ancora una volta, il veterinario potrà guidarci per quanto riguarda il calendario di vaccinazione del nostro cane.

Il prezzo può variare anche a seconda della clinica che li somministra, della marca e del tipo di vaccino. Tuttavia, è importante sottolineare che una pratica importante come vaccinare i nostri animali è senza dubbio uno dei migliori regali che possiamo fargli per tutelare la loro salute.

  • Wallace, R. M., Undurraga, E. A., Blanton, J. D., Cleaton, J., & Franka, R. (2017). Elimination of dog-mediated human rabies deaths by 2030: needs assessment and alternatives for progress based on dog vaccination. Frontiers in veterinary science4, 9.
  • Cleaveland, S., Kaare, M., Knobel, D., & Laurenson, M. K. (2006). Canine vaccination—providing broader benefits for disease control. Veterinary microbiology117(1), 43-50.
  • Cleaveland, S., Kaare, M., Tiringa, P., Mlengeya, T., & Barrat, J. (2003). A dog rabies vaccination campaign in rural Africa: impact on the incidence of dog rabies and human dog-bite injuries. Vaccine21(17-18), 1965-1973.