Volpe veloce: habitat e caratteristiche

La volpe veloce è stata reintrodotta in Canada nel 1980, mentre negli Stati Uniti si sono iniziati a prelevare esemplari dal 1998. Entrambi i processi hanno avuto successo ed è stato rilevato un aumento della popolazione di questi mammiferi che permane tutt'oggi.
Volpe veloce: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 01 settembre, 2021

La volpe veloce è nota per essere uno dei canidi più piccoli del Nord America e le sue dimensioni potrebbero essere uguali a quelle di un gatto domestico. Questa specie ha un passato oscuro, poiché fino al 1930 era considerata estirpata dal suo habitat naturale in Canada. Nonostante ciò, grazie ai diversi sforzi di reintroduzione, è stato possibile ristabilire la sua popolazione nel suo ambiente nativo.

La specie riceve il nome scientifico di Vulpes velox e fa parte della famiglia dei Canidae, in cui il suo parente più prossimo è la volpe del deserto. Grazie al suo aspetto compatto ha una grande flessibilità e velocità, quindi può facilmente sfuggire ai suoi predatori. Continuate a leggere per saperne di più su questo piccolo animale veloce.

Habitat della volpe veloce

Queste volpi erano abbastanza abbondanti nelle grandi pianure del Canada e del Nord America. Tuttavia, negli anni ’30 sono completamente scomparsi dalla regione a causa di avvelenamenti accidentali, cattura e modifica dell’habitat. Attualmente, le popolazioni di questi organismi sono limitate agli Stati Uniti e ad alcune aree del Canada dove sono stati reintrodotti.

L’habitat naturale di questo mammifero è la prateria con erba corta e alcuni deserti. In tali aree, le volpi veloci scavano tane nel terreno, preferendo aree vicino a recinti o campi agricoli. Scelgono siti con queste caratteristiche poiché la loro visione non è influenzata dalla vegetazione e possono facilmente individuare le loro prede rimanendo nascosti.

Una volpe veloce che corre.

Caratteristiche fisiche

L’aspetto di questo animale ricorda molto i canidi della sua specie, poiché le sue orecchie appuntite e il naso a becco mantengono l’aspetto tipico di una volpe. Inoltre le taglie che riesce a raggiungere variano tra i 30 e gli 80 centimetri di lunghezza, con pesi di appena 2 o 3 chilogrammi. La taglia è simile a quella di un gatto domestico, il suo posto come uno dei canidi più piccoli.

I cappotti di questi mammiferi sono arancioni con macchie grigie e ventri bianchi. La coda, invece, segue lo stesso schema e porta un segno nero sulla punta, che si estende un po’ in direzione del corpo. Inoltre, il naso ha una macchia nera su entrambi i lati del viso e si estende fino agli occhi, quasi come se li circondasse.

La volpe veloce è uno dei canidi più piccoli in circolazione.

Comportamento delle specie

Come suggerisce il nome, questo animale è abbastanza veloce, poiché può raggiungere i 50 chilometri all’ora in una gara. Questa abilità ti aiuta quando sta cacciando o scappando da un predatore. Sono anche animali notturni, quindi durante il giorno vengono solitamente riparati nella loro tana per evitare i pericoli del loro ambiente.

Le tane di queste volpi vengono scavate da sole e di solito raggiungono i 4 metri di profondità. Allo stesso modo, ciascuno di questi rifugi ha fino a 4 ingressi, poiché ciò fornisce loro un buon accesso e protezione in caso di minaccia. D’altra parte, sebbene la loro pelliccia gli permetta di stare al caldo e a proprio agio, durante l’inverno escono per prendere il sole per riscaldarsi.

Nutrire la volpe veloce

La dieta di questo animale si basa principalmente su prede vive, quindi potremmo dire che è un organismo carnivoro facoltativo. Tuttavia, il suo comportamento ricorda più un opportunista onnivoro, poiché mangia tutto il cibo disponibile. Per questo motivo, le loro prede sono così varie che includono mammiferi, uccelli, artropodi, lucertole, anfibi, pesci e persino alcune piante o persino carogne.

Riproduzione della volpe veloce

Questa volpe è un mammifero monogamo, quindi seleziona un compagno per tutta la vita. Tuttavia, ciò non accade in tutti i casi, poiché alcuni individui sono in grado di cambiare il proprio partner ogni anno. Un articolo pubblicato sulla rivista Animal Behavior sottolinea che le loro strategie di accoppiamento sono molto diverse, motivo per cui vengono addirittura raggruppati in trii di due femmine e un maschio (o viceversa).

La stagione riproduttiva avviene tra dicembre e marzo, a seconda della posizione geografica della tua casa. Gli esemplari di questa specie si riproducono solo una volta all’anno, attraversando un periodo di gestazione di almeno 2 mesi. In questo modo, la cucciolata nasce tra marzo e aprile, con da 2 a 6 piccoli per madre.

Quando i cuccioli nascono, i loro occhi e le orecchie sono chiusi per 10-15 giorni, motivo per cui rimangono all’interno della tana per la maggior parte del tempo. Inoltre, sebbene i piccoli siano svezzati a 6-7 settimane di età, rimangono affidati alle cure dei genitori fino al tardo autunno. Successivamente, la prole può essere indipendente e raggiungere la maturità sessuale in 1 o 2 anni.

Stato di conservazione

L’ Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) classifica questo organismo come specie di minore importanza per quanto riguarda la conservazione. Ciò non significa che la sua situazione demografica sia ideale, ma significa che non è in pericolo di scomparire a breve o lungo termine.

Nonostante abbia subito un processo di estirpazione, la sua popolazione si è ripresa grazie agli sforzi di reintroduzione. Grazie a ciò, Canada e Stati Uniti hanno stabilizzato la popolazione di questo mammifero, ripopolando in pochi decenni il 52% del suo habitat originario.

Sebbene la situazione della specie sia stata capovolta così rapidamente, la realtà è che il pericolo per la veloce volpe non è completamente scomparso. Ad esempio, il loro ambiente naturale è stato gravemente colpito dal passaggio ai terreni agricoli, causando il movimento delle loro prede. Inoltre, l’irrigazione delle colture può causare l’allagamento delle loro tane, impedendo così lo sviluppo dei giovani.

In fin dei conti, anche se la sua popolazione è stata salvata da uno stato quasi estinto, la sua guardia non può ancora essere abbassata: la crescita e lo sviluppo umano è uno dei principali ostacoli alla sua sopravvivenza e non sembra diminuire. Al momento i tempi supplementari sono stati vinti, ma se non si fa attenzione in breve tempo questa volpe potrebbe essere nuovamente a rischio.

Potrebbe interessarti ...

Juniper e Moose, la volpe e il cane che sono diventati amici
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Juniper e Moose, la volpe e il cane che sono diventati amici

Oggi vi raccontiamo una bella storia, l'amicizia senza pregiudizi di Juniper e Moose, la prima una volpe e il secondo un bel Pastore Australiano.



  • Moehrenschlager, A. & Sovada, M. 2016. Vulpes veloxThe IUCN Red List of Threatened Species 2016: https://dx.doi.org/10.2305/IUCN.UK.2016-3.RLTS.T23059A57629306.en.
  • Butler, A. R., Bly, K. L., Harris, H., Inman, R. M., Moehrenschlager, A., Schwalm, D., & Jachowski, D. S. (2019). Winter movement behavior by swift foxes (Vulpes velox) at the northern edge of their range. Canadian Journal of Zoology97(10), 922-930.
  • Kamler, J. F., Ballard, W. B., Gese, E. M., Harrison, R. L., Karki, S., & Mote, K. (2004). Adult male emigration and a female-based social organization in swift foxes, Vulpes velox. Animal behaviour67(4), 699-702.
  • Sovada, M. A., Woodward, R. O., & Igl, L. D. (2009). Historical range, current distribution, and conservation status of the swift fox, Vulpes velox, in North America. The Canadian Field-Naturalist123(4), 346-367.
  • Stromberg, M. R., & Boyce, M. S. (1986). Systematics and conservation of the swift fox, Vulpes velox, in North America. Biological conservation35(2), 97-110.
  • Egoscue, H. J. (1979). Vulpes velox. Mammalian Species.
  • Moehrenschlager, A., & Macdonald, D. W. (2003, August). Movement and survival parameters of translocated and resident swift foxes Vulpes velox. In Animal Conservation forum (Vol. 6, No. 3, pp. 199-206). Cambridge University Press.
  • Bremner-Harrison, S., Prodohl, P. A., & Elwood, R. W. (2004, August). Behavioural trait assessment as a release criterion: boldness predicts early death in a reintroduction programme of captive-bred swift fox (Vulpes velox). In Animal Conservation Forum (Vol. 7, No. 3, pp. 313-320). Cambridge University Press.
  • Kitchen, A. M., Gese, E. M., Waits, L. P., Karki, S. M., & Schauster, E. R. (2006). Multiple breeding strategies in the swift fox, Vulpes velox. Animal behaviour71(5), 1029-1038.