Da dove arrivano le dicerie sull’aggressività dei Dobermann

Non è raro sentir parlare dell’aggressività dei Dobermann, anche se in realtà non si sa esattamente da dove provengano le dicerie riguardanti questa razza. Gli viene attribuito un temperamento molto violento e reazioni aggressive a qualsiasi stimolo, anche se questo non è affatto vero.  

Ma non è l’unica voce che circola sui cani di questa razza: si dice anche che il loro cervello cresca molto di più rispetto al volume della scatola cranica e che questo li renderebbe pazzi, una diceria che, se analizzata razionalmente, risulta essere totalmente assurda; altri gli attribuiscono dei problemi di olfatto, che non gli permetterebbero di riconoscere il proprio padrone e li spingerebbero quindi ad attaccarlo. Tutte queste dicerie non fanno altro che alimentare il principale luogo comune che esiste riguardo all’aggressività di questi cani, demonizzandoli.

C’è addirittura chi crede che questi animali siano il risultato di esperimenti portati avanti nei laboratori nazisti. Pur essendo vero che si tratta di cani di origine tedesca, nati dall’incrocio di un cane di razza sconosciuta con un Pinscher (razza che data la sua origine intorno al 1880), non c’è nulla che indichi la veridicità di questa teoria degli esperimenti nazisti.

Dove nascono le chiacchiere

doberman 2

Ma, dunque, da dove provengono queste idee riguardo il loro carattere violento? Ebbene, non è poi così difficile da spiegare: se possiamo insegnare a questo cane che non tocchi cibo finché non siamo noi a dargli il permesso, allora gli si può insegnare di tutto, dall’attaccare tutto ciò che gli passa davanti al mordere qualsiasi cosa…

Insomma, se questi cani vengono addestrati per essere animali da combattimento, affinché siano in grado di attaccare e lottare, è ovvio che le uniche cose che sapranno fare saranno: mordere, attaccare e ringhiare costantemente.

Però è anche importante sottolineare che questo vale per tutte le razze: questo tipo di addestramento può essere applicato anche ad altri cani, non solo ai Dobermann. Senza contare che, nel caso in cui un cane venisse addestrato per essere aggressivo, la colpa sarebbe del suo padrone e non del cane stesso. Purtroppo, però, è proprio così che nasce questa leggenda urbana sui Dobermann.

La realtà è ben diversa

cani dominanti

Basta ascoltare come viene descritto il carattere di questi meravigliosi esemplari canini da chi li conosce veramente, per capire che ciò che comunemente viene preso per vero è l’esatto contrario della realtà. Quando i Dobermann vengono allevati in famiglia, ne diventano parte integrante, condividendo con gli altri suoi membri ogni tipo di attività. Non importa cosa decidiate di fare: il vostro Dobermann sarà senza dubbio il vostro fedele compagno di avventure!

Si tratta di una razza giocherellona e intelligente, perfetta tanto per i bambini come per gli adulti che sanno apprezzare le qualità di un cane come il Dobermann…ma del resto, chi potrebbe non volere un cane con queste caratteristiche? Il Dobermann è inoltre una razza adatta a fare la guardia, indipendentemente che si tratti di maschi o femmine, e anche se i maschi hanno la tendenza ad essere più protettivi, le femmine non si risparmiano certo in questo compito così leale. Un’altro aspetto importante del loro carattere è anche la loro estrema docilità.

Sono animali molto fedeli, come già abbiamo detto, anche se la lealtà che nutrono è solo verso il loro padrone e la loro famiglia. È per questa sua fedeltà che lo si può vedere spesso impiegato nei corpi delle forze dell’ordine, per svolgere compiti e funzioni in cui è vitale questa caratteristica.

Aspetti pericolosi

Questi cani possono mantenere a volte dei comportamenti che risultano sgradevoli, ma del resto può succedere con un cane di qualsiasi altra razza. Ci sono cani che presentano certi aspetti che non ci convincono del tutto, ma non è nulla che un buon addestramento non possa correggere. Può succedere ad esempio che attacchino altri animali, come i gatti, oppure persone che gli risultino antipatiche. Inoltre bisogna sottolineare che si affezionano ad un membro della famiglia in particolare e lo seguono dappertutto, proprio perché riconoscono in questa persona la figura del loro padrone.

Quando la famiglia è numerosa e vi sono dei bambini, è raccomandabile che il Dobermann sia una femmina, perché ha un carattere più docile e più tranquillo rispetto al maschio. La cosa migliore poi, se possibile, è prenderli quando sono ancora cuccioli, perché altrimenti, avendo già sviluppato un legame affettivo con i padroni precedenti, sarà difficile per l’animale adattarsi alla nuova famiglia. Come abbiamo già menzionato prima, sono animali molto fedeli alle loro famiglie e si affezionano tantissimo a queste. Si tratta di una razza sana, che si fa apprezzare per le sue qualità, senza contare che sono ottimi cani da esposizione e da concorso, grazie alle loro doti di corridori.