2 specie su 10 potrebbero scomparire entro il 2100

Le estinzioni di massa sono provocate da un'ampia varietà di fattori, non solo dall'attività dell'uomo. Tuttavia, alcuni specialisti ritengono che quest'ultima abbia un grande impatto sulla scomparsa delle specie.
2 specie su 10 potrebbero scomparire entro il 2100
Cesar Paul Gonzalez Gonzalez

Scritto e verificato il biologo Cesar Paul Gonzalez Gonzalez.

Ultimo aggiornamento: 22 febbraio, 2023

Nel corso della storia, sul pianeta Terra si sono verificate diverse estinzioni di massa. Come dice il loro nome, questi fenomeni consistono nella scomparsa di molte specie nel mondo. Pertanto, alterano l’equilibrio dell’ecosistema e modificano l’ambiente. Studi recenti indicano che uno scenario simile si verificherà nel 2100, poiché entro quest’anno circa il 20% delle specie potrebbe scomparire.

Sebbene sia vero che le estinzioni di massa sono eventi biologici naturali, è stato dimostrato che le attività umane possono accelerarne il processo. Questo è il motivo per cui l’inquinamento, l’emissione di gas nell’atmosfera, la distruzione degli ecosistemi e il cambiamento nell’uso del suolo sono considerati tra le cause principali. Continuate a leggere questo articolo e scoprite di più sull’argomento.

Cos’è un’estinzione di massa?

L’estinzione di massa è considerata la perdita improvvisa di un gran numero di esseri viventi, circa il 30% della diversità mondiale. Questo improvviso cambiamento nella stabilità dell’ecosistema influisce sul clima e sull’ambiente, tanto che le condizioni ambientali diventano più estreme e aggressive per il resto delle specie.

L’estinzione di massa non colpisce solo piante e animali, ma anche diversi microrganismi che vivono sia sulle masse continentali che sul fondo oceanico. Insomma, è un evento devastante a livello globale che comporta diversi e profondi cambiamenti naturali.

Di solito, le estinzioni di massa avvengono in un periodo di tempo relativamente breve (da migliaia a milioni di anni), se si prende come riferimento la scala temporale geologica. Questo è il motivo per cui la maggior parte degli esseri viventi non è in grado di adattarsi e muore rapidamente.

Quanto dura la gravidanza di un elefante?

Cosa provoca le estinzioni di massa?

Le estinzioni di massa sono provocate da molti fattori diversi. In realtà, non sono sempre gli stessi, poiché ogni scenario presenta specifiche circostanze che promuovono la scomparsa della specie. Tra gli agenti causali noti di queste catastrofi ci sono i seguenti:

  • Cambiamento climatico.
  • Cambiamenti nel livello o nelle condizioni del mare.
  • Sovrappopolazione di alcune specie.
  • Impatti di asteroidi o comete.
  • Eruzioni vulcaniche.
  • Variazioni del campo magnetico terrestre.
  • Radiazioni eccessive provenienti dallo spazio esterno (dovute a supernove).
  • Impatto delle attività umane (emissioni di gas, inquinamento, ecc.).

Quante estinzioni di massa sono avvenute sul pianeta?

Anche se vi è ancora un dibattito aperto a riguardo, la maggior parte degli specialisti concorda sul fatto che la Terra ha vissuto 5 grandi estinzioni di massa in passato. Ciascuna di queste è elencata di seguito:

  • Estinzione del tardo Ordoviciano (440-450 milioni di anni fa): scomparsa di circa 100 famiglie di invertebrati marini.
  • Estinzione del Devoniano superiore (372 milioni di anni fa): scomparse diverse specie marine, come euritteri, ostracodi, asteroidei, crinoidi, tra gli altri.
  • Estinzione Permiano-Triassico (250 milioni di anni fa): si stima la perdita del 90% delle specie marine e di quasi il 70% delle specie terrestri.
  • Estinzione del tardo Triassico (quasi 200 milioni di anni fa): scompare circa il 20% delle famiglie tassonomiche che vivevano in mare. Allo stesso modo, diverse grandi specie di anfibi sono andate perdute.
  • Estinzione del Cretaceo-Terziario (65 o 66 milioni di anni fa): la più conosciuta per l’estinzione delle specie di rettili note come dinosauri.

L’inizio della sesta estinzione di massa

Molti specialisti suggeriscono che la recente scomparsa di specie in tutto il mondo significhi l’inizio di una sesta estinzione di massa. I cambiamenti climatici, insieme all’inquinamento, all’agricoltura, all’allevamento e all’invasione di specie esotiche sembrano essere i principali responsabili. Tuttavia, è possibile che esistano altri agenti causali ancora sconosciuti.

Inoltre, alcuni scienziati hanno eseguito varie simulazioni della Terra per prevedere cosa accadrà alla flora e alla fauna in futuro. Anche se i risultati variano un po’ tra loro, tutti concordano sul fatto che gran parte delle specie potrebbe scomparire entro la fine di questo secolo.

Gli scimpanzé sono animali molto egoisti.

Più del 10% delle specie potrebbe scomparire entro il 2050

Secondo un recente studio pubblicato sulla rivista Science Advances, se le attuali condizioni ambientali si manterranno tali, si prevede che entro il 2050 andrà perso tra il 6 e il 10% della diversità biologica. Secondo questa stessa tendenza, entro il 2100 si stima che tra il 13 e il 27% delle specie attuali andrà perduto.

Vista in un’altra maniera, una specie su 10 potrebbe scomparire nel 2050, mentre nel 2100 ne scomparirebbero 2 su 10. Naturalmente, questa è solo una simulazione che tiene conto solo di alcuni dei fattori che provocano l’estinzione di massa, per questo è possibile che il futuro sia ancora peggio.

È possibile evitare un’estinzione di massa?

Nel conoscere il destino crudele che attende molti degli animali e delle piante nel mondo, è normale pensare di volerlo evitare. Tuttavia, non è del tutto possibile, poiché l’estinzione delle specie è già iniziata e sta avanzando a passi da gigante. L’unico modo per salvarli è attraverso un cambiamento globale drastico e immediato, ma che è impossibile da realizzare.

Sebbene l’estinzione di massa non possa essere evitata, è comunque possibile ridurre la gravità del suo impatto. Per questo, è fondamentale concentrarsi sulle attività di ripristino e tutela ambientale, oltre a favorire la regolamentazione dello sfruttamento dell’ambiente naturale.

Sebbene ciò sembri semplice, il compito è complesso e richiede la collaborazione di cittadini, governo e scienziati. Non tutto è perduto, c’è ancora la speranza di salvare vari animali e piante dall’estinzione. Tuttavia, per raggiungere questo obiettivo sarà necessario alterare molte abitudini, pensieri e comfort dell’uomo.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Briggs, J. C. (2017). Emergence of a sixth mass extinction?. Biological Journal of the Linnean Society, 122(2), 243-248.
  • Strona, G., & Bradshaw, C. J. (2022). Coextinctions dominate future vertebrate losses from climate and land use change. Science Advances, 8(50), eabn4345.
  • Normander, B. (2012). Biodiversidad: combatir la sexta extinción masiva. La situación del mundo, 16.
  • Maldonado, C. E. (2009). Evolución, teoría de las extinciones, complejidad. Acta biológica colombiana, 14, 283-300.
  • Rodríguez Sousa, A. A. (2018). Ciencia y divulgación sobre la sexta extinción masiva de biodiversidad,¿ es realmente el cambio climático el principal responsable?. La comunicación de la mitigación y la adaptación al Cambio Climático.
  • Molina, E. (2008). Etapas y causas de la sexta extinción en masa. Arcega C, Lahoz J (coords.) La Vida en el Terciario Del impacto el meteorito al origen del hombre, 187-2013.
  • Sassi, F. (2019). HISTORIA DE LA VIDA EN LA TIERRA: EXTINCIONES MASIVAS. (Tesis de maestría, Universidad de Jaen).
  • Prados-Téllez, C. (2014). Grandes catástrofes en la historia de La Tierra: extinciones en masa. (Tesis de grado, Universidad de Jaen).

Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.