È vero che i cani sono in grado di fiutare la paura?

· 17 gennaio 2018

La mitologia e molte religioni ancestrali, consideravano sacri alcuni animali, per la possibilità che possedessero un qualche potere speciale, di tipo extrasensoriale. Nella credenza popolare si dice che i cani siano in grado di fiutare la paura. E’ vero?

Nel mondo classico, si credeva che esistesse una sola verità e che solamente l’essere umano fosse l’unico in grado di potervi ambire. Un’intelligenza superiore a qualsiasi animale. Ma, com’è noto, i recenti studi scientifici hanno dimostrato che mammiferi come i cani sono in grado di avvicinarsi all’uomo, superando la vecchia concezione che lo inchiodava al mero istinto.

In molti casi, i sensi più sviluppati del cane hanno permesso di salvare vite a migliaia di persone in tutto il mondo. Insomma, il cane possiede dei ‘poteri’ sconosciuto all’uomo, come per esempio quello di fiutare la paura. Ed è proprio questo l’argomento che tratteremo nel nostro articolo.

I cani possono fiutare la paura?

È più che dimostrato che i cani possiedono un olfatto prodigioso ed infallibile, molto più sensibile e preciso di quello umano e di altri molti animali. Per questo motivo, vengono utilizzati in missioni come il rilevamento di armi, droghe e bombe. Insomma, ragionando per ipotesi, se la paura ha un qualche odore, beh sicuramente il vostro cane sarà in grado di fiutarla.

La nostra è un’affermazione semplice ma che trova fondamento in una serie di esperimenti scientifici che sono stati realizzati proprio per mettere a dura prova il leggendario olfatto canino.

cucciolo sdraiato per terra

La tradizione popolare stabilisce che i cani e altri animali sarebbero in grado di sapere quando una persona ha paura di loro attraverso l’odore. Un esempio classico è quello del cavallo, che rifiuta di essere montato da un fantino spaventato. Allo stesso modo, un cane può presentare un comportamento difensivo rispetto ad alcune persone.

Che odore ha la paura?

Se i cani possono fiutare la paura, è perché esiste un odore caratteristico di questa emozione primaria. Solo in questo modo gli animali sono in grado di rilevarlo ed associarlo alla situazione contingente. Ma qual è?

Anzitutto dobbiamo tenere presente che la sensazione di paura, che umani e animali provano, è fondamentalmente una difesa dell’organismo. Questo ci permette di essere attenti alle possibili minacce, evitandole e mantenendoci vivi in situazioni di pericolo. Un allarme interno che innesca però anche meccanismi biologici.

Quindi, se qualcuno si riconosce in una situazione pericolosa, il corpo rilascia una serie di ormoni per preparare il corpo alla reazione contro la minaccia esterna. Questi ormoni vengono rilasciati nel sangue e nei fluidi corporei, come l’urina e il sudore.

La presenza di questi ormoni altera l’odore caratteristico di una persona. Dinanzi a questi cambiamenti, fiutando fragranze strane o anche fastidiose, i cani reagiscono in modo aggressivo o difensivo. Ecco dunque spiegato come mai, rispetto a determinate persone, il vostro cane si comporta in modo strano.

Quando i cani riconoscono l’odore della paura?

Ma i sintomi fisici della paura non si riversano solo nell’odore. Sudorazione eccessiva, aumento della frequenza cardiaca, irrequietezza o nervosismo, alterazioni della temperatura corporea, alterazione del tono della voce, secchezza delle fauci…

Tutte queste sono reazioni naturali del corpo che si innescano per agevolare la nostra conservazione e sopravvivenza.

Quando i cani fiutano la paura, è anche perché i loro due sensi principali (olfatto e udito) riconoscono questi segni. Il sudore ha un odore caratteristico, mentre l’aumento della frequenza cardiaca può essere percepito da cani con udito privilegiato. La combinazione di questi fattori può modificare l’atteggiamento di un cane verso un umano.

Pertanto, non è consigliabile forzare l’interazione con un cane nel caso in cui la persona si senta minacciata. L’animale non ha bisogno di una scusa per attaccarvi né vuole farlo. Semplicemente interpreta la paura della persona come una minaccia: sa che anche voi siete disposti a lottare per sopravvivere e agisce di conseguenza.

Animali e catastrofi naturali

Un’altra curiosità che si basa sulla stessa logica è l’affermazione che alcuni animali, in particolare i cani, potrebbero percepire catastrofi naturali.

cane che osserva con attenzione

Questa affermazione è stata rafforzata dopo che gruppi di scienziati di diversi paesi hanno osservato alterazioni nel comportamento degli animali settimane prima dei disastri naturali.

L’organismo degli animali è in grado di avvertire i segni di cambiamenti sostanziali nella composizione del suolo e dell’aria.

Da un lato, l’emissione di gas aumenterebbe la quantità di ioni positivi nell’ambiente. Ciò causerebbe la produzione di un ormone simile all’adrenalina. Pertanto, gli animali si agitano e vengono spinti a fuggire, lontano dal pericolo.

Da sempre uccelli e mammiferi funzionano come una specie di allarme naturale per l’uomo. Ricordiamo tanti esempi, come i cavalli impazziti prima di un uragano o anche scimpanzé ed elefanti, che percepiscono persino le vibrazioni sismiche prodotte dall’intensificazione del movimento delle placche tettoniche.

Questa sarebbe la spiegazione del perché gli animali diventano iperattivi se esposti a cambiamenti nel loro habitat. E possono aiutarci a capire quando si approssima una catastrofe naturale.

Fonte dell’immagine principale: ** Parapluie **