Cavallo tarpan: origine e caratteristiche

Il cavallo tarpan è probabilmente l'antenato più recente degli equidi domestici di oggi. In questo articolo potete scoprirne di più su di esso.
Cavallo tarpan: origine e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 13 settembre, 2021

Se volete incontrare questo equino faccia a faccia, purtroppo non potete. Il cavallo tarpan è una razza selvatica estinta che abitava le foreste e le steppe d’Europa fino al XIX secolo. Si ipotizza che possa essere l’antenato dei cavalli domestici oggi conosciuti nel continente europeo.

Si sa anche che gli equidi hanno abitato questo continente più di 20.000 anni fa (quasi 40.000) grazie alle pitture rupestri nel nord della Spagna e nel sud della Francia. Il tarpan era utilizzato da tutti i popoli del Mediterraneo orientale, dalle tribù celtiche ai greci. In questo articolo potrete conoscerlo meglio.

Origini del cavallo tarpan

Quindi, il cavallo tarpan è una razza equina estinta. Si ipotizza che sia l’antenato diretto delle razze più leggere conosciute oggi, ma non c’erano resti che potessero essere studiati per confermarlo. Il cavallo che più somiglia al tarpan è il Przewalski, una razza eurasiatica più piccola e robusta del cavallo domestico.

Questa razza era quasi impossibile da domare. Gli allevatori che vivevano vicino a questi cavalli li inseguivano e li uccidevano, mentre devastavano i raccolti e spesso attiravano le cavalle domestiche, facendole scappare dai loro padroni. Questa persecuzione terminò con l’ultimo cavallo tarpan nel 1879, mentre nel 1887 morì l’ultimo di quelli rimasti in cattività.

Il cavallo tarpan fu descritto per la prima volta dal naturalista e chimico tedesco Johann Friedrich Gmelin nel 1769, ma non gli diede un nome scientifico. Dopo molte discussioni si decise di chiamarlo Equus ferus ferus.

Alcune razze sono simili al tarpan.
Alcune razze attuali sono simili al tarpan.

Ricostruire la razza

Dopo la sua estinzione, diverse persone tentarono di “ricostruire” questa razza, incrociando cavalli domestici con cavalli selvaggi fino ad ottenere un aspetto simile a quello del tarpan. Nel 1936 Tadeusz Vetulani diede origine alla razza Konik Polski, molto simile nell’aspetto ai tarpan originali, fatta eccezione per la criniera a spazzola e le marcature zebrate sui piedi.

I fratelli Heck hanno anche provato a ricreare la specie allo zoo di Monaco. Questa razza artificiale era chiamata “Cavallo di Heck” e ancora oggi se ne trovano esemplari vivi.

Caratteristiche del cavallo tarpan

Il cavallo tarpan era piccolo di statura, circa 136 centimetri al garrese e circa 150 di lunghezza. La sua testa era spessa e il collo corto e dritto. Il pelo era folto e robusto, ondulato, più lungo in inverno e marrone chiaro. Le zampe, la criniera e la coda erano più scure del resto del corpo, con segni di zebra sulle zampe e una striscia dorsale (segni comuni nelle razze primitive).

Le descrizioni fisiche del tarpan variano a seconda della zona e del ricercatore, poiché in natura esistevano molti ibridi grazie ai cavalli domestici che scappavano e si riproducevano con loro.

In origine, il cavallo tarpan abitava tutta l’Europa orientale e quella che oggi è la parte europea della Russia. Si è poi diffuso nella steppa forestale della Siberia occidentale e del Kazakistan, raggiungendo l’odierna Ucraina nel XIX secolo, così come la Polonia, la Bielorussia e la Lituania.

Come altri cavalli selvaggi, il tarpan abitava aree boschive, praterie a bassa macchia, pianure e steppe. In queste nicchie poteva nutrirsi della materia vegetale di cui aveva bisogno e correre in luoghi sicuri in caso di attacco.

Tipi di tarpan

Le diverse condizioni ambientali che il tarpan affrontava nel suo esteso areale hanno dato origine a due varianti della razza: quella delle steppe e quella delle aree boschive. In seguito potrete conoscere le loro caratteristiche.

Il tarpan delle steppe

Il tarpan della steppa abitava la Russia meridionale, sia nelle pianure che nelle foreste libere e aperte. La sua pelliccia aveva una tonalità grigiastra in tutto il suo spettro, in alcuni casi con sfumature giallastre. Una grande linea nera correva lungo la schiena e le zampe erano scure.

La criniera della variante della steppa, piccola e molto abbondante, era simile alle creste delle zebre. Aveva un profilo concavo e una testa pesante, con orecchie allungate e occhi relativamente piccoli per le dimensioni della testa. L’altezza media della sua croce era di 130 centimetri.

Questo equino si è adattato a sopravvivere in climi estremi, con temperature sotto i 20 gradi in estate, grazie al suo pelo folto e alla grande resistenza fisica. Trascorreva fino a 12 ore al pascolo, scorrendo per trovare le migliori erbe vicino alle zone umide.

Il luogo in cui si dice che sia esistito il maggior numero di tarpan era il distretto russo di Taurida. Qui, tra il 1851 e il 1866, gli ultimi tarpan delle steppe furono uccisi da cacciatori e contadini della zona.

Il tarpan della foresta

Questa variante del cavallo tarpan abitava le foreste delle latitudini più occidentali dell’Europa centrale, specialmente in Polonia e Germania. Si estinse all’inizio del XX secolo, in particolare nel 1919, quando gli ultimi esemplari in cattività furono consegnati agli allevatori. Per questo motivo la genetica del tarpan fu diluita in quella del konik, la razza equina domestica dell’epoca.

A metà del XIX secolo, il tarpan della foresta era già estinto in natura grazie alla caccia indiscriminata.

Si ipotizza che il tarpan della foresta sia l’antenato di diverse piccole razze di cavalli oggi, come i pony Konik, exmoor e dulmen. Tracce genetiche sono state trovate anche in altre razze che vivono in semilibertà nell’Europa centrale. Fino ad oggi, queste razze vengono utilizzate per completare il compito di creare un cavallo fenotipicamente identico al tarpan.

L’immagine di cavalli selvaggi che popolano pianure e foreste è sempre più rara. Ironia della sorte, uno dei posti più sicuri per loro è Chernobyl, dove si possono vedere i cavalli di Przewalski vivere allo stato brado. Forse, col tempo, i cavalli liberi potranno essere visti di nuovo in luoghi meno pericolosi.

Potrebbe interessarti ...
Cavallo Mustang: origine e caratteristiche
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Cavallo Mustang: origine e caratteristiche

Il cavallo Mustang è una razza forte e resistente con una grande adattabilità che può ancora essere vista allo stato brado in Nord America.



  • Bernáldez-Sánchez, E., & García-Viñas, E. (2019). The equids represented in cave art and current horses: a proposal to determine morphological differences and similarities. Anthropozoologica54(1), 1-12.
  • Pasicka, E. (2013). Polish Konik Horse–Characteristics and historical background of native descendants of tarpan. Acta Sci. Pol. Med. Vet12, 25-38.
  • Heck, H. (1952). The Breeding-Back of the Tarpan. Oryx1(7), 338-342.