Come prendersi cura di un gatto sterilizzato

La pronta guarigione di un gatto appena sterilizzato dipende da cure specifiche. In qualità di tutor, dovreste tenerli d'occhio ed evitare attività che rappresentano sforzi extra.
Come prendersi cura di un gatto sterilizzato

Ultimo aggiornamento: 31 luglio, 2021

Prendersi cura di un gatto sterilizzato è semplice, sebbene dipenda dalla salute generale di ogni felino. In ogni caso, i professionisti veterinari consigliano di effettuare una serie di cure specifiche e generali nel periodo postoperatorio. In questo articolo vi spieghiamo quali sono.

Ricordate sempre che la sterilizzazione felina è una procedura semplice, quotidiana e comune, quindi le probabilità che la vita del vostro animale domestico sia a rischio sono molto basse. In realtà accade il contrario: sterilizzando, voi e il vostro gatto ne trarrete beneficio, poiché smetterete di contribuire alla sovrappopolazione (evitando cucciolate indesiderate) e che contragga malattie o sia esposto ad altri pericoli.

I primi giorni post-sterilizzazione

Dopo aver sterilizzato un gatto, è normale riscontrare in lui debolezza, vertigini e persino nausea. La cosa più raccomandabile è lasciarlo riposare e superare i sintomi associati all’effetto dell’anestesia. Tuttavia, è necessario monitorarlo e averlo sempre in vista. Questo permetterà di notare se si verifica sanguinamento, mancanza di respiro, gengive pallide o febbre. In tal caso, è indispensabile recarsi al pronto soccorso.

Ora, nella norma, secondo una pubblicazione dell’American Society for the Prevention of Cruelty to Animals (ASPCA), ci sono sintomi come leggero sanguinamento nell’area della ferita, depressione o cattivo umore, perdita di appetito, vomito, instabilità al camminare e brividi. Questi sono transitori e cominceranno a scomparire con i giorni.

È probabile che il vostro gatto – o i suoi compagni, se ne ha – tendano a leccarsi la ferita che rimane dopo l’operazione. In questi casi, è meglio mettergli il collare elisabettiano e separarlo dal resto degli animali domestici di casa.

prendersi cura di un gatto sterilizzato

Come prendersi cura di un gatto sterilizzato

Oltre a considerare questi sintomi normali e di allarme, c’è un’altra serie di azioni da compiere per prendersi cura di un gatto sterilizzato che dovreste conoscere. Tra queste, segnaliamo:

  • Riposo: il riposo che il gatto dovrebbe avere dopo essere stato sterilizzato consiste nell’evitare attività che richiedono uno sforzo extra, come saltare da o verso luoghi molto alti, o giocare in modo approssimativo con altri animali domestici. L’obiettivo è prevenire l’emorragia interna o l’allentamento dei punti esterni, se ne ha.
  • Bagno: è opportuno e consigliabile non fare il bagno al gatto durante il processo di guarigione, evitando così possibili infezioni. Dovete stare molto attenti con questa attività, soprattutto se teniamo conto che i gatti si muovono troppo durante il bagno e potete disturbare la loro ferita.
  • Trattamento: il veterinario o lo specialista vi fornirà una guida specifica per sapere come svolgere il trattamento. Vi darà anche istruzioni sul disinfettante o sul prodotto appropriato per applicarlo senza ferire la pelle del gatto.
  • Gite all’aperto: le avventure dei nostri gatti in ambienti aperti devono essere annullate fino all’approvazione del veterinario. La cosa migliore è visitare il professionista circa 10-15 giorni dopo l’intervento, per valutare l’evoluzione del felino e specificare questi tipi di preoccupazioni.
  • Vita con altri animali: durante i primi due giorni, l’anestesia può rendere il gatto irrequieto o di cattivo umore, provocando disagio nei suoi compagni. Se notate un atteggiamento negativo, è meglio lasciarlo da solo in una stanza tutta per sé.

Alimentazione

Prendersi cura di un gatto sterilizzato significa anche saper gestire la sua alimentazione. Durante il primo e il secondo giorno dopo l’intervento, è normale che il felino non sia operativo o addirittura vomiti dopo aver mangiato il suo pasto abituale. Nel caso in cui il gatto passi molti giorni senza mangiare e non risponda al suo piatto preferito, è meglio consultare il veterinario.

Gli esperti sottolineano che i gatti sterilizzati aumentano volontariamente l’assunzione di cibo del 20%. Ecco perché è conveniente monitorare la sua dieta e offrire sempre l’opzione più equilibrata. Questo aumento genera, in alcuni casi, sovrappeso o obesità.

Per evitare ciò, ci sono alcuni consigli che potete chiedere al vostro veterinario. Sebbene la cosa comune sia ridurre la razione che è stata data prima della procedura, non è raccomandato. Questo perché può verificarsi uno squilibrio nel metabolismo e innescare problemi o carenze di vitamine, minerali o proteine.

Il professionista potrà consigliare un cambio di mangime per uno più completo specializzato in gatti sterilizzati. Potrebbe anche suggerire l’acquisto di un piatto interattivo che rallenti l’animale, tra le altre opzioni.

Ambiente tranquillo

Anche la tranquillità che offrite al gatto appena sterilizzato fa parte delle cure essenziali. L’animale deve trovare un ambiente che gli permetta di recuperare fisicamente e che si adatti ai cambiamenti che inizierà ad avere.

I primi giorni è meglio prediligere una stanza o uno spazio buio, poiché le sue pupille sono molto sensibili a causa dell’anestesia. Si raccomanda inoltre di evitare di esporlo a rumori forti o suoni che potrebbero impedirne il riposo. A poco a poco, il gatto lascerà questo spazio e riprenderà la sua quotidianità.

Un gatto con ascite dal veterinario.

Tenete presente che dal primo momento in cui un gatto viene sterilizzato, i cambiamenti ormonali, e quindi i cambiamenti comportamentali, iniziano a farsi notare.

Questo è il più grande vantaggio che i gatti acquisiscono dall’essere sterilizzati, e molti addirittura lasciano dietro di sé pratiche come la marcatura impropria. Alcuni proprietari, infatti, sostengono che i loro pelosi diventino più affettuosi e calmi. Se questo è il vostro caso, tutto ciò che vi resta è godervi le loro fusa!

Potrebbe interessarti ...
La sterilizzazione del gatto: di cosa si tratta?
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
La sterilizzazione del gatto: di cosa si tratta?

La sterilizzazione del gatto è un dilemma che la maggior parte dei padroni di questi animali domestici è solita porsi in un momento dato.



  • Uribe Sarmiento, F. F., Prada Delgado, Y. F., Rodríguez Barajas, B. S., & Bayona Sánchez, J. A. (2018). Métodos de esterilización en caninos y felinos; revisión de literatura (Doctoral dissertation, Universidad Cooperativa de Colombia, Facultad de Ciencias de la Salud, Medicina Veterinaría y Zootecnia, Bucaramanga).
  • Baciero, G. (2015). La alimentación después de la esterilización.
  • Jeusette, I., & Romano, V. (2000). Gatos esterilizados. Research reports, 1-4.
  • Aisabucha Baldeón, G. D. R., & Muñoz Delgado, P. M. (2011). Campaña de esterilización para erradicar la sobrepoblación canina y felina en barrios marginales del sur de Guayaquil a través de la fundación FADA (Bachelor’s thesis, Guayaquil: ULVR, 2011.).
  • Post, C., Para, O., & Perro, S. (2021). Cuidados Post Operatorios Para Su Perro. American Society for the Prevention of Cruelty to Animals (ASPCA).