Dimorfismo sessuale: quattro esempi impressionanti

Il dimorfismo sessuale si riferisce alle differenze tra maschi e femmine della stessa specie animale. Sebbene queste differenze possano essere sottili, in alcune specie sono davvero notevoli.
Dimorfismo sessuale: quattro esempi impressionanti

Ultimo aggiornamento: 21 aprile, 2021

Il dimorfismo sessuale è il processo mediante il quale maschi e femmine della stessa specie possono a volte apparire radicalmente diversi. Generalmente, questa differenziazione è innescata dal processo di selezione sessuale attraverso l’accoppiamento competitivo.

La manifestazione del dimorfismo sessuale può avvenire in molti modi: differenze di dimensioni, colorazione, comportamento e presenza di caratteristiche sessuali secondarie come penne della coda o corna.

Sebbene gli esseri umani abbiano un grado relativamente basso di dimorfismo sessuale, altre specie possono presentare differenze piuttosto estreme . Qui vedremo alcuni esempi di specie con un alto grado di dimorfismo sessuale.

Quali vantaggi può portare il dimorfismo sessuale a una specie?

Influenza la selezione sessuale

Questo concetto si riferisce alla preferenza di alcuni partner sessuali per l’accoppiamento. Se viene scelto un individuo, aumenterà la sua possibilità di riproduzione.

Alcune caratteristiche hanno la funzione di aumentare l’attrattiva individuale, come piume o pellicce dai colori vivaci. Questi tratti hanno un costo elevato per l’animale. In questo senso le caratteristiche esagerate, pur favorendo il richiamo dell’attenzione, aumentano l’esposizione ai predatori. I maschi sopportano questo costo.

Nel gioco finale dell’evoluzione, è spesso più importante riprodursi e trasmettere i propri geni che avere una sopravvivenza a lungo termine.

Interviene nel processo di selezione naturale

Va notato che la selezione naturale è la sopravvivenza degli organismi più adatti della specie a sviluppare il loro ruolo in una particolare nicchia. È possibile, poiché maschi e femmine hanno spesso ruoli diversi nella loro specie, che la selezione naturale agisca in modo diverso su di loro.

Ad esempio, molte femmine di uccelli hanno colori tenui che consentono loro di mimetizzarsi con l’ambiente circostante. Quando sono responsabili della protezione delle uova, quelle con colori più spenti saranno in grado di nascondersi meglio dai predatori e quindi sopravvivere e trasmettere i loro geni.

Mantide religiosa: riproduzione.

4 esempi impressionanti di dimorfismo sessuale

1. Pescatrice degli abissi gigante: una drastica differenza di dimensioni

Nella maggior parte dei casi, quando ci sono differenze di dimensioni tra il maschio e la femmina di una specie, il maschio è il più grande. Ma, in alcune specie, la relazione è invertita, con la femmina che mostra la taglia più grande.

È molto interessante conoscere il caso estremo di dimorfismo sessuale inverso nelle specie di rana pescatrice di acque profonde. In queste specie le femmine crescono molto di più del maschio e sono loro ad avere il caratteristico richiamo che viene utilizzato per la caccia.

È il caso della “pescatrice degli abissi gigante”, della famiglia dei pesci ceratiidae, famosi per la loro esca bioluminescente. Così, le femmine di Ceratias holboelli misurano fino a 77 centimetri, mentre i maschi arrivano a un massimo di 14 centimetri.

Ma c’è di più, i maschi trascorrono gran parte della loro vita in una relazione parassitaria. Infatti, uno o più maschi sono permanentemente attaccati (con la bocca) a una femmina , fondendo alla fine il loro sistema circolatorio con il suo. A poco a poco, grandi testicoli crescono nel maschio, mentre il resto del suo corpo si atrofizza.

2. Anche le matriarche delle balene mostrano un dimorfismo sessuale inverso

È un tratto comune a tutte le 13 specie di balenottere, che le femmine adulte siano molto più grandi dei maschi. Questa differenza può essere dovuta al ruolo delle femmine, che spesso intraprendono migrazioni a lunga distanza tra i loro territori di foraggiamento e quelli tropicali.

Durante la migrazione potrebbero non alimentarsi. Inoltre, le femmine hanno lo stress aggiuntivo della gravidanza e dell’allattamento durante i periodi senza alimentazione.

3. Il dimorfismo sessuale non evidente alla vista, ma anche all’udito

In molte specie, dai mammiferi agli anfibi, si possono osservare vocalizzazioni sessualmente dimorfiche. È il caso delle balene megattere, dove solo i maschi emettono canti lunghi ed elaborati.

La funzione di questi canti è stata oggetto di molte speculazioni: attirare le femmine o evitare altri maschi. Nei luoghi di riproduzione i maschi possono sincronizzare i canti con l’estro (calore) nelle femmine.

I canti della megattera sono particolarmente interessanti perché variano in base al luogo. Infatti tutti i membri della stessa popolazione di balene cantano canzoni simili.

4. La magnificenza del pavone: gli occhi vincono

Mentre le femmine sono di colore marrone, grigio e crema, il pavone maschio è rinomato per il suo squisito piumaggio . La sua coda elaborata si riflette nel peso: i maschi pesano tra 2,7 – 6 chilogrammi e hanno un’apertura alare di 1,4 – 1,6 metri e la loro lunghezza può raggiungere i 2 metri.

La femmina è più piccola, con una lunghezza di circa 95 cm e un peso di 2,75 – 4 chilogrammi.

Quando è aperta, la coda del maschio si allarga in un ampio ventaglio, mostrando piume dorate, marroni, verdi e nere. È stato dimostrato che maggiore è l’abbondanza di ocelli (macchie oculari) e la complessità del modello, maggiore è il successo nella conquista. Non sorprende che i maschi sopportino il costo di queste magnifiche esibizioni se portano a un maggiore successo riproduttivo.

Dimorfismo sessuale del pavone: maschio e femmina.

Come abbiamo visto, il dimorfismo sessuale dipende dalle specie. Una cosa è chiara: i maschi si preoccupano di più di lasciare degli eredi che della loro propria incolumità.