Pro e contro dell’avere più di un cane in casa

3 agosto 2015

Quando si ha un cane si è sempre in compagnia, si diventa più responsabili e ci si diverte moltissimo. Sono molte le persone che non saprebbero vivere una vita senza animali in casa, e molte altre spesso decidono di accoglierne in casa un secondo. Esistono tuttavia certi fattori che bisogna tenere in considerazione quando si pianifica di prendere più di un cane.

Perché?

cani-che-mangiano

Prima di introdurre in casa il secondo cane, ogni padrone dovrà avere ben chiare le ragioni della sua decisione. Un cane nuovo comporta nuove responsabilità, e avrà bisogno che gli si dedichi altrettanto tempo e attenzioni come il primo. Se le motivazioni sono vaghe, se ci si lascia influenzare dai familiari (“perché mio figlio/figlia/marito/moglie/suocera vuole un altro cane), o contagiare da altri (“perché i miei vicini ne hanno preso un altro e sono felicissimi”), beh forse è meglio pensarci ancora un po’ su.

Se non ci sono motivazioni forti è meglio ragionarci sopra ancora un po’. Nel caso in cui il padrone abbia poco tempo e attenzioni da dedicare al cane attuale e voglia dunque prenderne un altro per fargli compagnia, non è una buona idea adottare un secondo cane.

I cani sono animali da branco e si affezionano agli esseri viventi che li circondano, e il padrone stesso fa parte del gruppo. Inoltre, se il cane è stato educato a dovere, il padrone rappresenterà il capo branco, per cui sarà obbligato a conferire al cane l’affetto di cui ha bisogno. Oltretutto, se un padrone non ha tempo da dedicare a un cane, è poco probabile che ne abbia da dedicare a due.

Ci sono inoltre certe condizioni di cui bisogna tenere conto prima di introdurre un secondo cane in casa. La prima cosa da considerare è la presenza di spazio a sufficienza, soprattutto se si prevede di prendere un cane di taglia grande; il nuovo cane avrà bisogno del suo spazio per dormire e mangiare, specialmente all’inizio, quando conviene dar da mangiare ai due cani separatamente.

Tutti i cani richiedono uno spazio per sfogare la loro energia e un altro per stabilire le loro distanze sociali. È bene che in casa ci sia un giardino o uno spazio dove entrambi i cani possano giocare assieme senza rompere nulla, visto che due cani che giocano hanno bisogno di più spazio rispetto a uno solo. Allo stesso tempo, il padrone dovrà essere disposto a duplicare la routine relativa all’igiene, alle coccole e attenzioni. Bisogna considerare che le spese di cibo, veterinario ecc. si raddoppieranno.

Un altro fattore da prendere in considerazione quando si vuole introdurre un nuovo cane in casa, è la personalità del cane attuale. Se questo ha una personalità dominante e tendente a comportarsi da maschio alfa, andrà incontro a più difficoltà ad accettare un nuovo arrivato nel suo territorio. Allo stesso tempo, se il cane attuale ha un circolo sociale ridotto e non è abituato a giocare con altri cani, farà più fatica ad accettare un nuovo animale.

Oltre al temperamento del cane attuale, è necessario informarsi sulla personalità di quello nuovo. Se ci si intende rivolgere ad un centro di accoglienza, il personale potrà darvi informazioni al riguardo, per evitare di adottare un cane incompatibile con il vostro. Due cani sottomessi andranno più d’accordo che due cani dominanti.

L’età del cane è un altro fattore da non sottovalutare. Se il vostro cane è anziano o è malato, potrebbe non essere entusiasta all’idea di condividere quegli spazi che sono suoi da tanto tempo. D’altra parte, un cane giovane potrebbe aiutare uno adulto e non attivo a muoversi, aumentando la sua predisposizione al gioco.

Tuttavia la cosa migliore da fare è cercare un compagno di età vicina al cane attuale, e se possibile di sesso opposto. In questo caso però sarà opportuno effettuare un controllo della natalità per evitare sorprese.

È sempre bene che il proprietario dedichi affetto costante ad entrambi gli animali, e che dimostri al suo cane che la compagnia di un nuovo amico non gli farà che bene. Bisognerà educare entrambi i cani con carezze e ricompense quando si comportano correttamente insieme, soprattutto durante le prime settimane di convivenza.

Inconvenienti dell’introdurre in casa un nuovo cane

cani-dominanti3

Oltre ad una maggiore responsabilità e ad un incremento del tempo da dedicare ai cani, altri inconvenienti dell’introduzione in casa di un nuovo animale a quattro zampe saranno relativi alla pulizia che si farà più frequente, alle spese che si duplicheranno, ad un maggiore disordine quando i cani giocano, un aumento dei latrati e il fatto che l’addestramento e le passeggiate si faranno più complicati.

D’altra parte, senza le dovute attenzioni, i due cani potranno sviluppare dei comportamenti gelosi, soprattutto se appartengono allo stesso sesso. In questi casi la cosa migliore da fare è rispettare la loro gerarchia, non intromettersi ed assicurarsi che entrambi i cani ricevano la stessa quantità di affetto.

Vantaggi dell’introdurre in casa un nuovo cane

Detto questo, è anche vero che introdurre un secondo cane può portare dei vantaggi, soprattutto se il cane attuale passa molto tempo solo in casa e avrà così l’occasione di stare in compagnia, andando a ridurre l’ansia da separazione e la noia. Il numero di oggetti distrutti inoltre scenderà grazie alla presenza di un altro essere vivente con cui distrarsi.

È molto importante ricordare che un secondo cane aumenterà le possibilità di gioco, affetto e svago degli animali, ma che non potrà andare a rimpiazzare l’affetto dei padroni.

Guarda anche