Puntura di formica nei cani

Un numero considerevole di specie di formiche è dotato di un pungiglione velenoso. Con questo, possono pungere le persone o i loro animali domestici.
Puntura di formica nei cani

Ultimo aggiornamento: 18 settembre, 2021

Le formiche (famiglia delle Formicidae) sono parenti stretti di altri insetti famosi per la loro puntura velenosa: api e vespe. Insieme a loro, formano l’ordine degli Imenotteri. Pertanto, non sorprende che alcune specie di formicidi siano velenose, sebbene la puntura di formica nei cani non sia in genere clinicamente significativa.

A causa della loro divergenza evolutiva dagli altri imenotteri, la stragrande maggioranza delle formiche è innocua. Per questo motivo, nella quasi totalità dei casi, la puntura di una formica velenosa non comporta alcun problema medico di rilevanza nei cani, gatti, esseri umani o altri animali. Tuttavia, ci sono alcune specie con cui è bene fare più attenzione.

In questo spazio vi parleremo del veleno delle formiche, dei sintomi più comuni e di come agire nel caso in cui pungano i vostri cani. Vi invitiamo a continuare a leggere per saperne di più.

Veleno nelle formiche

Le formiche sono una famiglia di insetti incredibilmente diversificata e numerosa – rappresentano fino al 25% della biomassa animale della Terra – che si è specializzata in strategie di vita molto diverse. Di conseguenza, anche il veleno di questi animali e il modo in cui lo usano varia enormemente tra i taxa.

Alcune formiche utilizzano le tossine per sottomettere la preda. Altre, per difendere la colonia da predatori o nemici. Inoltre, possono funzionare come erbicidi o antimicrobici e intervenire nella comunicazione della colonia.

Si ritiene che circa il 71% delle formiche sia in grado di pungere, in quanto alcune specie hanno perso questa capacità. Non tutte iniettano il loro veleno attraverso un pungiglione e alcune sono in grado di espellerlo sotto pressione e spruzzarlo sulle vittime.

Nonostante ciò, le formiche producono quantità molto piccole di veleno, da 1 a 300 microgrammi per individuo. Pertanto, la puntura di una formica singola di solito non rappresenta alcun pericolo. Tuttavia, quando decine o centinaia di formiche lavoratrici pungono la stessa vittima, gli effetti possono comportare più danni.

In ogni caso, la maggior parte delle punture di formiche non è significativa dal punto di vista medico, a meno che non si verifichi una reazione allergica o uno shock anafilattico. Alcuni tipi di formiche la cui puntura è più pericolosa sono i seguenti:

  • Solenopsis (formiche di fuoco): questo genere comprende più di 280 specie diffuse in tutto il mondo. Sono molto piccole, ma sono dotate di pungiglioni. La sua forza non si trova nell’esemplare, ma nella mole della colonia.
  • Pachycondyla: un genere di formiche che comprende più di 300 specie. Sono generalmente specie di grandi dimensioni, con colonie piccole e molto aggressive.
  • Myrmecia (formiche bulldog): 90 specie di grandi dimensioni, tutte endemiche dell’Australia. Sono considerate tra le più pericolose, poiché il rischio di shock anafilattico dopo una puntura è molto maggiore di quello di altre specie. Alcuni umani sono morti per via della loro puntura.
  • Paraponera (formiche proiettili): questo genere comprende solo 2 specie e la più famosa è la Paraponera clavata. Si dice che il pungiglione di questa formica sia il più doloroso al mondo e supera di gran lunga quello di qualsiasi altro imenottero.
Il comportamento delle formiche va oltre il foraggiamento.
Le formiche del genere Myrmecia hanno una puntura che può essere molto pericolosa.

I sintomi della puntura di formica nei cani

I cani sono curiosi per natura, il che può portare a rischi inutili quando interagiscono con altri animali. I cani possono farsi pungere facilmente quando scavano nei formicai, li annusano, ci stanno sopra, cercano di mangiare questi insetti o comportamenti simili.

Pertanto, i cani sono più vulnerabili alle punture delle formiche sulle zampe – che sono meno protette e a contatto con il suolo -, sul muso e su altre parti del viso. In queste zone, il veleno può essere più pericoloso.

Nella maggior parte dei casi, la puntura della formica produce sintomi lievi nei cani, sebbene ciò dipenda dal numero delle punture e dalla sensibilità al veleno dell’animale. Alcuni dei sintomi più comuni sono i seguenti:

  • Irritazione nella zona.
  • Infiammazione lieve.
  • Rossore tra le dita o in altre zone in cui sono state iniettate le tossine.
  • Zoppia improvvisa, incapacità di reggersi sulla zampa o a muoverla.
  • Tentativi di mordere o leccare il sito della puntura.

Normalmente, non si sviluppano sintomi più gravi e gli effetti del veleno passano senza complicazioni. Tuttavia, ci sono sempre alcuni rischi associati alle tossine, soprattutto se si verificano reazioni allergiche o un numero molto elevato di punture in un breve periodo di tempo.

Casi più gravi

La reazione anafilattica è sempre una possibilità, anche se remota, quando si ha a che fare con le tossine. Lo shock anafilattico è caratterizzato da un precedente rilascio di istamina e altri composti che, tra l’altro, provocano un’infiammazione dei tessuti e costrizione delle vie aeree. In questi sfortunati eventi, il cane può sviluppare i seguenti sintomi:

  • Vomito o diarrea.
  • Orticaria e infiammazione.
  • Debolezza.
  • Difficoltà respiratorie. L’animale può respirare più velocemente del normale – più di 30 respiri al minuto – e a scatti.
  • Gengive di colore pallido o viola (cianosi).
  • Dolore intenso.
  • Perdita di conoscenza e possibile morte.

Le reazioni eccessive sono particolarmente fastidiose quando si verificano sul muso dell’animale. In queste condizioni, l’infiammazione può rendere difficile la respirazione o, in casi estremi, ostruire le vie aeree.

Come trattare una puntura di formica nei cani

Se si sospetta che l’animale sia stato punto da uno di questi imenotteri, la prima cosa da fare è allontanarlo dal formicaio. Successivamente, bisognerebbe esaminare la sua superficie corporea alla ricerca di formiche, segni e sintomi di puntura.

Le reazioni lievi a una puntura di formica non richiedono sempre cure veterinarie. Non causano gravi disagi e inoltre passano naturalmente in breve tempo.

In queste occasioni, potete applicare ghiaccio per 5-10 minuti sulla zona interessata, per calmare il fastidio. A tale scopo, viene comunemente utilizzato anche un unguento con bicarbonato di sodio e acqua. All’animale deve essere impedito di leccare l’area in modo che non venga infettata. Il tipico cono o collare elisabettiano è uno strumento molto utile in questi casi.

È bene continuare a osservare il cane con attenzione fino a quando non si è completamente certi che i sintomi non stiano peggiorando. Se viene rilevato che la situazione del canide peggiora progressivamente, è meglio contattare rapidamente un veterinario.

Si tratta del professionista più qualificato per determinare se il cane sia soffrendo di una reazione allergica. Allo stesso modo, è il più indicato per scegliere il tipo di trattamento più consigliato. Se necessario, il veterinario può somministrare antistaminici, antinfiammatori, antibiotici o altri farmaci di emergenza.

Un cane dal veterinario.

Le tossine delle formiche sono generalmente relativamente benigne, ma come sempre possono esserci delle eccezioni. Va notato che, in qualsiasi situazione che potrebbe minacciare la salute di un animale da compagnia, è imperativo consultare un veterinario sopra ogni altra alternativa.

Potrebbe interessarti ...
12 curiosità sulle formiche
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
12 curiosità sulle formiche

Le 12 curiosità sulle formiche vi stupiranno: la loro radiazione evolutiva ha permesso loro di colonizzare praticamente tutti gli ecosistemi.