Quali malattie può trasmettere un gatto randagio?

Le mangiatoie e gli abbeveratoi comuni per i gatti randagi sono una cattiva opzione, poiché ciò porta alla diffusione di varie malattie che possono essere fatali. Se ne avete la possibilità, meglio adottare un felino senzatetto e portarlo dal veterinario per conoscere il suo stato di salute.
Quali malattie può trasmettere un gatto randagio?

Ultimo aggiornamento: 31 marzo, 2022

L’irresponsabilità di alcuni tutori ha fatto finire per strada molti animali domestici. Fortunatamente, l’adozione è stata una delle principali strategie per ridurre questa situazione. Tuttavia, un gatto o un cane randagio sono più suscettibili alle malattie che mettono a rischio la loro salute e quella dei loro tutori, quindi bisogna fare attenzione quando li si adotta.

Questo non significa che accogliere un animale senzatetto sia un male, ma che bisogna andare da un veterinario per confermare il suo benessere. Con questo non solo si evitano i contagi di qualsiasi patologia, ma si migliora notevolmente anche la qualità della vita del nuovo membro della famiglia. Continuate a leggere questo spazio per conoscere alcune malattie che un gatto randagio può trasmettere.

Perché un gatto randagio si ammala più facilmente?

I gatti randagi vivono all’aperto, in luoghi dove abbondano varie fonti di infezione. Per questo motivo è facile che quando cercano il cibo si ammalano. Inoltre, a causa della malnutrizione di cui soffrono, le difese del loro corpo non funzionano correttamente e le loro condizioni peggiorano ulteriormente.

Tutto ciò, unito alla continua persecuzione da parte di cani, persone o altri gatti, rende la loro salute debole e li porta a soffrire di patologie. Questo è il motivo per cui nella maggior parte dei casi è necessario un percorso riabilitativo prima che il gatto riacquisti le sue condizioni normali. Questo include tutto, dalle cure veterinarie al riadattamento al contatto umano.

Un gruppo di gatti randagi.

Malattie contratte da un gatto randagio

All’arrivo nella loro nuova casa, i felini vivranno a stretto contatto con i loro tutori e altri animali domestici. Pertanto, è necessario prestare attenzione a qualsiasi segno che indichi una patologia, poiché altrimenti l’animale diventerà una pericolosa fonte di contagio per tutti. Alcune delle malattie più comuni nei gatti randagi sono elencate di seguito.

Toxoplasmosi

La toxoplasmosi è una patologia che infetta diversi mammiferi (e alcuni uccelli). È causata da un protozoo (Toxoplasma gondii), che può essere contratto mangiando roditori infetti o convivendo con felini malati. I gatti randagi, se esposti a questi elementi, hanno una maggiore probabilità di essere infettati.

Questo protozoo, infatti, è in grado di modificare il comportamento dei topi per fargli perdere la paura del gatto. Di conseguenza, questo rende più facile per gli animali senzatetto essere infettati mangiando un roditore. Inoltre, le feci del felino infetto diffondono la toxoplasmosi, quindi se non si presta attenzione all’igiene, i membri della famiglia possono ammalarsi.

Quest’ultimo è importante, poiché l’infezione nell’uomo presenta grandi rischi nelle donne in gravidanza. Pertanto, se si desidera adottare un gatto, è meglio evitare di farlo durante la gravidanza. Inoltre, non dimenticate di portare il felino da un veterinario per assicurarvi che la sua salute sia in condizioni ottimali.

Rabbia

La rabbia è una malattia causata da un virus che viene trasmesso in vari tipi di animali. Perché si verifichi l’infezione, la saliva dell’organismo infetto deve entrare nel corpo attraverso una ferita aperta. Per questo motivo è normale che i gatti randagi vengano infettati dai morsi di altri organismi selvatici.

Questa malattia altera il sistema nervoso centrale e può portare alla morte. In effetti, la letalità della rabbia è del 100%. Come se non bastasse, questa patologia può contagiare anche i tutori e provocare un esito fatale. Per evitare ciò, prendete le precauzioni necessarie per gestire i gatti randagi senza farvi graffiare, mordere o leccare.

Malattia da graffio di gatto

Questa patologia è causata da graffi o morsi di un gatto infetto dal batterio Bartonella henselae. I felini si diffondono da pulci o zecche che portano l’infezione. Tuttavia, molti animali domestici non mostrano segni clinici evidenti della malattia ed è visibile solo se attaccano una persona.

D’altra parte, la vittima del graffio presenterà una serie di sintomi lievi, tra cui febbre, mal di testa e ghiandole ingrossate. Questi segni clinici tendono a diminuire senza la necessità di un attento monitoraggio, anche se se il suo sistema immunitario è debole, probabilmente avrà bisogno di farmaci.

Sebbene non sia una malattia rischiosa, è meglio evitare i graffi di un gatto randagio.

Tigna (dermatofitosi felina)

La tigna è una malattia della pelle causata dal fungo Microsporum canis. Questi tipi di patologie sono molto contagiosi a causa della forma di infezione del microrganismo. Senza andare oltre, i peli caduti dell’animale malato possono infettare altri animali domestici senza entrare in contatto diretto.

Questa patologia inizia come una piccola infiammazione circolare della pelle, che si diffonde e inizia a produrre desquamazione. Fortunatamente, i casi lievi tendono a risolversi spontaneamente. Tuttavia, nei gatti randagi è necessario il monitoraggio veterinario, poiché la malnutrizione potrebbe impedire al loro sistema immunitario di agire in modo efficiente.

Inoltre, è necessario che i tutori stiano molto attenti a questo problema, poiché sono anche suscettibili all’infezione. È vero che questa malattia non ha conseguenze gravi, ma è meglio evitare il contatto diretto senza protezione quando si salvano i felini dalla strada.

Virus dell’immunodeficienza felina

Il virus dell’immunodeficienza felina è molto simile all’HIV che colpisce gli esseri umani. Questa patologia fa sì che il sistema immunitario del felino non funzioni correttamente, aprendo così la porta a varie infezioni. Di conseguenza, il gatto randagio non può difendersi da altre malattie e dalle loro complicanze.

Questo virus può essere trasmesso solo da un gatto all’altro e un animale randagio è in grado di infettare gli altri animali domestici se non si sta attenti. Per questo motivo, è importante che portiate il vostro nuovo membro della famiglia dal veterinario il prima possibile. In questo modo, vi assicurerete che nessuno sia in pericolo di qualsiasi possibile infezione. Inoltre, tenete presente che questa patologia non può essere trasmessa all’uomo.

Parassiti intestinali

Gli endoparassiti come nematodi, ossiuri e coccidi sono agenti patogeni comuni nei gatti giovani. Inoltre, gli esemplari randagi hanno una maggiore possibilità di infezione a causa della loro scarsa qualità della vita. Di conseguenza, quando questo felino arriva nella sua nuova casa, può causare un’infezione agli altri membri della famiglia.

Questi tipi di problemi di solito non sono molto pericolosi, anche se se non controllati possono causare seri problemi di salute all’animale. I trattamenti per eliminare i parassiti sono rapidi ed efficaci.

Virus della leucemia felina tra le malattie di un gatto randagio

Questo virus appartiene allo stesso gruppo dell’immunodeficienza felina e provoca gli stessi effetti immunosoppressivi. Inoltre, si trasmette anche quando la saliva entra in contatto con ferite aperte. Pertanto, è molto facile che i gatti si infettino quando molti vivono nello stesso posto.

Nel caso dei gatti randagi, questa malattia viene trasmessa dai litigi che hanno con altri animali e quando arrivano nella loro nuova casa sono in grado di infettare altri animali domestici. L’infezione da virus della leucemia felina è stata a lungo considerata la principale causa di morte in questi animali, anche se attualmente è in declino grazie a misure preventive.

I gatti non possono trasmettere questo virus all’uomo, quindi il tutor non è a rischio di infezione. Nonostante ciò, il felino infetto deve sottoporsi a un trattamento per alleviare i suoi sintomi.

Rinotracheite felina

La rinotracheite è una malattia respiratoria altamente contagiosa nei gatti, poiché si diffonde attraverso gli starnuti o le secrezioni dell’animale infetto. È causata dal virus dell’herpes di tipo 1 e dal calicivirus. Questi agenti patogeni rimangono nel corpo anche nonostante non presentino alcun tipo di sintomo. Di conseguenza, un campione può essere un focolaio infettivo per tutta la sua vita.

Questa malattia è molto comune negli allevamenti o nei gruppi di felini, quindi i gatti randagi sono suscettibili alle infezioni. La rinotracheite di solito non è fatale, ma se il campione è molto debole, possono verificarsi casi fatali. Per questo motivo, è meglio prevenire il problema con un programma di vaccinazione completo per tutti gli animali domestici.

Un piccolo gatto randagio.

Salvare un gatto randagio è un atto altruistico che cambia la vita degli animali. Tuttavia, per garantire che la salute del felino e della sua nuova famiglia rimangano in condizioni ottimali, è meglio portarlo dal veterinario il prima possibile. Ricordate che la vita di questo piccolo non è stata affatto facile e ha bisogno di tutte le cure possibili. Tuttavia, state certi che lo sforzo che farete per migliorare la sua salute ne varrà assolutamente la pena.

Potrebbe interessarti ...
Coronavirus: multa a chi dà da mangiare ai gatti randagi?
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Coronavirus: multa a chi dà da mangiare ai gatti randagi?

Una multa a chi dà da mangiare ai gatti, o ad altri animali, randagi è un aspetto legale che può variare in modo considerevole da un comune all'alt...



  • Ingram, W. M., Goodrich, L. M., Robey, E. A., & Eisen, M. B. (2013). Mice infected with low-virulence strains of Toxoplasma gondii lose their innate aversion to cat urine, even after extensive parasite clearance. PloS one, 8(9), e75246.
  • Salamanca, C. A., Polo, L. J., & Vargas, J. (2011). Sobrepoblación canina y felina: tendencias y nuevas perspectivas. Revista de la Facultad de Medicina Veterinaria y de Zootecnia, 58(1), 45-53.
  • Castro, F. F. C., & Rodríguez, M. P. M. (2016). Rabia en un gato doméstico (Felis silvestris catus) en el municipio de Yumbo, Valle del Cauca, Colombia. Revista UDCA Actualidad & Divulgación Científica, 19(1), 243-246.
  • Flores, G. G. (2013). Enfermedad por arañazo de gato. Revista médica de Costa Rica y Centroamérica, 70(605), 109-111.
  • Calle-Restrepo, J. F., Fernández-González, L., Marcela, L., & Morales-Zapata, J. R. S. (2013). Virus de la leucemia felina: un patógeno actual que requiere atención en Colombia. Vet Zootec, 7(2), 1-22.
  • Pinales Hernández, I. L. (2020). Complejo respiratorio felino: factores de riesgo y detección molecular de agentes infecciosos selectos en gatos del área metropolitana de Monterrey, Nuevo León (Doctoral dissertation, Universidad Autónoma de Nuevo León).
  • Chapela, V., Martínez, M., Ojeda, P., & Bidarte, A. (2010). Inmunodeficiencia felina y leucemia linfoide en gatos. Revista médica de homeopatía, 3(2), 68-70.
  • Grandía, R., Entrena, Á., & Cruz, J. (2013). Toxoplasmosis en Felis catus: etiología, epidemiología y enfermedad. Revista de Investigaciones Veterinarias del Perú, 24(2), 131-149.