Spitz finnico, un cane elegante e socievole

9 febbraio 2018

Lo Spitz finnico, noto anche come Finkie o Suomenpystykorva, è una razza tipica delle regioni nordiche d’Europa. Come capirete dal nome, la sua terra d’origine è la Finlandia. Appartiene all’antica famiglia degli Spitz ed è tra le razze più antiche che abbiano mai vissuto nel Vecchio Continente.

Spitz finnico: origini

La sua storia risale alle leggende legate all’esistenza dei cani lupo. In base a quanto si racconta, i primi esemplari di Spitz finnico furono il risultato dell’incrocio naturale tra i cani lupo delle torbiere.

Questo lupo addomesticato sarebbe stato il primo ibrido di cane lupo a vivere con l’uomo. Documenti storici suggeriscono che il Cane lupo delle torbiere cominciò ad accompagnare gli uomini delle regioni lacustri dell’Europa settentrionale più di 10 mila anni fa.

Nel corso degli anni, l’aspetto della razza è andato modificandosi, fino ad acquisire le caratteristiche fisiche che si conoscono oggi.

Un cane in costante evoluzione

Così come la maggior parte degli esemplari della sua famiglia, questo pregevole canide si distingue per le sue capacità di caccia. È considerato il cane nazionale finlandese dagli anni ’70.

La storia dello Spitz finnico è segnata da molti cambiamenti che l’hanno portato al limite dell’estinzione. I primi esemplari di questo animale furono portati in Europa dalle tribù che lasciarono le zone orientali dell’Asia fino a raggiungere la Finlandia.

L’arrivo di altre varietà di cani nelle regioni nordiche e l’incrocio con altri esemplari, misero in pericolo la sopravvivenza della razza pura di Spitz finnico. Per fortuna e quasi per caso, a metà del XIX secolo furono scoperti esemplari di Spitz finnico che apparentemente non erano mai stati incrociati con altre razze.

Il salvataggio di questo tipo di cane si deve a loro. Furono protetti e incoraggiati a riprodursi in modo controllato per salvare la purezza della razza ed impedirne l’estinzione.

Passato e presente dello Spitz finnico

L’inizio dell’allevamento professionale negli Stati Uniti, durante gli Anni Sessante, ha permesso che più tardi la razza venisse riconosciuta dal Kennel Club, negli anni ’80

Grazie alle sue innumerevoli qualità (ottimo fiuto, abilità di trovare tracce e facilità di addestramento), oltre che alla particolare adattabilità alla convivenza con gli umani, ci si rese conto della grande utilità dello Spitz finnico. Nel corso degli anni è stato usato come cane da caccia per piccoli roditori e uccelli.

E, mentre in Finlandia si continuava ad usare per cacciare galli cedroni e scoiattoli, negli Stati Uniti la razza iniziò a venire molto apprezzata per l’ottima personalità. Ciò rese ben presto lo Spitz finnico famoso per essere un eccellente cane da compagnia.

Spitz finnico in giardino
Fonte: Karelka-Layka

Infatti, nonostante la sua eredità genetica di cane lupo, si distingue per avere un carattere docile e vivace al tempo stesso. Essendo un animale molto intelligente è facile da addestrare. Può tranquillamente convivere con i bambini e farà di tutto per proteggere la sua famiglia. È considerato il più attivo e socievole fra i cani nordici.

Quali sono le caratteristiche principali dello Spitz finnico?

In relazione al fisico, generalmente lo Spitz finnico è di taglia media e struttura quadrata. Ha una corporatura atletica e agile, grazie al fatto che è più sottile rispetto ad altri cani del Nord Europa.

Il suo aspetto nobile trasmette vivacità e simpatia. Al primo sguardo può essere scambiato per una volpe più grande, ma non ha nulla in comune con questa. La testa è sottile e le orecchie sono triangolari, erette e coperte di pelo, per via del freddo.

L’abbondante pelliccia è composto da un doppio strato di peli, cosa che permette allo Spitz finnico di resistere alle basse temperature, tipiche in paesi come l’originaria Finlandia. Interessante notare che questi cani possono presentare cambiamenti nel comportamento se sottoposti a temperature molto elevate. La colorazione del pelo è per lo più rossastra.

I maschi di Spitz finnico hanno un’altezza che va dai 43 ai 51 cm al garrese, le femmine si aggirano attorno ai 39/45 cm. Il peso varia tra i 14 e i 16 kg per i maschi, mentre le femmine difficilmente superano i 13 kg. L’aspettativa di vita è di circa 12 anni. La razza è resistente contro malattie tipiche e genetiche, anche se alcuni esemplari possono soffrire di lussazione o epilessia rotulea.

Prendersi cura di uno Spitz finnico significa, prevalentemente, occuparsi della sua folta pelliccia. Se lo lavate, dovrete sempre asciugarlo con molta precisione. Eventuali zone di umidità permetterebbero il proliferare di batteri e altri microorganismi. E’ davvero un cane eccezionale ma, essendo forte il suo carattere di cacciatore, è particolarmente indicato per vivere in zone aperte, dove ci sono boschi e parchi in cui può correre e bruciare, così, le moltissime energie che possiede.

Fonte di immagini: Karelgerda e Karelka-layka.

Guarda anche