Tipi di cibo per cani: 5 cose che dovresti sapere

01 marzo, 2021
Ecco alcune informazioni importanti che vi aiuteranno a scegliere la dieta migliore per il vostro cane.

Esistono diversi tipi di cibo per cani disponibili sul mercato. Ora, è sempre stato così? I cani hanno mantenuto la loro dieta da quando sono diventati parte della vita umana?

L’idea che abbiamo delle esigenze nutrizionali del cane è cambiata alcune volte nel corso della storia condivisa tra uomo e cane, principalmente a causa del progresso della scienza.

La conoscenza e la quantificazione del fabbisogno nutritivo quotidiano che i cani hanno è progredita e con essa è stato possibile approfondire molti aspetti e migliorarne altri. Grazie a questo, oggi, quando si tratta di nutrire il nostro animale domestico, abbiamo a disposizione diverse opzioni in grado di giovare sia al suo corretto sviluppo che al suo benessere.

Un lungo impegno per una buona alimentazione

Dallo svezzamento, che avviene tra le 7 e le 9 settimane di età, i tutori dei cani hanno l’obbligo di fornire cibo adeguato.

Cucciolo in una ciotola.

Dobbiamo tenere presente che le esigenze variano a seconda dello stadio di sviluppo. In generale, dobbiamo:

  • Nei cuccioli il fabbisogno energetico e nutritivo è maggiore rispetto agli adulti, a causa della loro rapida crescita.
  • A seconda dello stadio in cui si trova il cane adulto, le esigenze possono essere diverse, in questo senso vanno considerati aspetti quali gravidanza, allattamento, vecchiaia.
  • Le esigenze sono influenzate anche dallo stato di salute del cane, dalla taglia e dalla razza a cui appartiene.

Una dieta corretta aiuta a prevenire molteplici problemi di salute. Ad esempio, quelli che possono colpire ossa o pelle, oltre a migliorare la salute e l’aspetto fisico dell’animale. In relazione a quanto sopra, dobbiamo decidere se vogliamo fornire una dieta casalinga o una dieta formulata industrialmente .

Tipi di cibo per cani, in base alla loro qualità

Commercialmente, ci sono tre tipi di cibo per cani:

  • Commerciale o standard.
  • Premium.
  • Super premium.
Composizione del cibo per animali domestici.

Gli alimenti commerciali o standard sono commercializzati attraverso la catena di supermercati. Le formule sono variabili (la qualità degli ingredienti e la fonte possono variare) e generalmente hanno una digeribilità inferiore rispetto a un alimento premium.

Alcuni alimenti per cani a basso costo si basano principalmente su cereali e altre proteine di origine vegetale . Comunemente, la soia viene utilizzata come proteina, che però, sebbene fornisca benefici, può anche causare flatulenza o allergie.

Sebbene questi prodotti possano avere prezzi interessanti, molti allevatori preferiscono le proteine animali e credono che siano migliori per prendersi cura della salute dei loro cani. Gli alimenti premium utilizzano ingredienti di migliore qualità, offrono una maggiore digeribilità e una disponibilità di nutrienti da buona a eccellente.

Pertanto, c’è chi preferisce questa opzione agli alimenti standard. D’altra parte, gli alimenti super premium sono sviluppati per fornire un’alimentazione ottimale. Hanno un’ottima disponibilità di nutrienti e una maggiore digeribilità. Inoltre, contengono ingredienti di qualità superiore rispetto al tipo premium, sono più costosi e vengono venduti solo nelle cliniche veterinarie.

Come fare un acquisto intelligente?

Prima di acquistare è importante leggere l’etichetta della composizione: gli ingredienti sono elencati in ordine di quantità. Quindi, il primo è quello più presente e così via.

Un altro fattore da considerare sono le percentuali, è normale che alcune marche scompongano in due il contenuto di cereali in modo tale che sembri inferiore. Per quanto riguarda la composizione proteica, è opportuno assicurarsi che l’ingrediente che compare – sia esso carne o pesce – sia disidratato.

Questo è importante perché il peso umido della carne include il contenuto di acqua, che raggiunge il 60-70%, che diluisce il contenuto finale della proteina.

Tipi di cibo per cani, in base al loro contenuto di umidità

Cane che mangia da una ciotola decorata.

Fondamentalmente, il cibo per cani è di tre tipi: secco, semi-umido e umido (in scatola).

  • Cibo secco. Il mangime contiene un basso contenuto di umidità con valori compresi tra il 3 e l’11%. Ha una media del 17-25% di proteine, 7-12% di grassi, 35-50% di carboidrati.
  • Cibo semi umido. Ha un contenuto di umidità intermedio tra secco e umido, che normalmente varia tra il 15 e il 35%, contiene il 17-25% di proteine, il 6-12% di grassi e il 35-50% di carboidrati.
    • Viene realizzato con tessuti animali freschi o congelati, cereali, grassi e zuccheri semplici. Utilizza umettanti ed è acidificato con semplici acidi organici per permettergli di conservarsi più a lungo.
  • Cibo umido. Questi alimenti sono comunemente in scatola, hanno un alto contenuto di umidità compreso tra il 75 e l’87%, il loro contenuto proteico è del 7–9%, 3-9% di grassi e 2-13% di carboidrati e la loro digeribilità oscilla tra l’80 e l’85%.
    • Questa tipologia fornisce normalmente gli stessi nutrienti del mangime, ma ha una maggiore accettazione da parte del cane, data la sua maggiore appetibilità.

La dieta BARF

BARF è l’acronimo di Biologically Appropriate Raw Food. Si tratta di una tipologia di cibo che cerca di ricreare la dieta naturale del cane.

In natura, un cane potrebbe mangiare prede crude (altre specie animali di medie dimensioni), frutta, bacche, letame di erbivori e carogne. La dieta comprende servire la porzione dei muscoli, anche gli organi interni e le ossa. Include anche pesce o pollame, latte non pastorizzato e uova crude.

Le diete a base di carne cruda possono essere suddivise in 2 categorie principali: commerciali e preparate in casa. Il motivo principale addotto da diverse organizzazioni per opporsi all’alimentazione BARF è che la possibile contaminazione da patogeni della carne cruda causa rischi per la salute. Un rischio molto reale in caso di salmonellosi.

Inoltre non sono stati pubblicati rapporti sulla valutazione a lungo termine dei rischi e dei benefici di questi tipi di diete. La mancanza di consenso e la scarsità di dati scientifici sono una delle maggiori difficoltà per i veterinari quando si tratta di dare (o meno) raccomandazioni.

Quello che si sa è che i cani hanno bisogno di mantenere una dieta equilibrata per ottenere l’energia necessaria, giorno dopo giorno. In qualità di tutori, abbiamo il dovere di nutrire adeguatamente i nostri cani.

  • Hodgkinson, S. M., Rosales, C. E., Alomar, D., & Boroschek, D. (2004). Evaluación químico-nutricional de alimentos secos comerciales en Chile para perros adultos en mantención. Archivos de medicina veterinaria, 36(2), 173-181.
  • Bustos Pino, C. (2006). Calidad microbiológica de alimentos para perros comercializados a granel. Facultad De Ciencias Veterinarias y Pecuarias – Escuela De Ciencias Veterinarias. Universidad de Chile.
  • Risso, A. L. (2016). Conceptos Básicos de Nutrición en perros y gatos.
  • Barrera, Mariana. (2011). Manual De Nutrición Y Alimentación De Perros Y Gatos. Tesis (Para Optar El Título De Médica Veterinaria Zootecnista). México D.F. Universidad Autónoma De México. 137 P.
  • Freeman, L. M., Chandler, M. L., Hamper, B. A., & Weeth, L. P. (2013). Current knowledge about the risks and benefits of raw meat–based diets for dogs and cats. Journal of the American Veterinary Medical Association, 243(11), 1549-1558.