Tutto sulle anatre

· 23 giugno 2015

Le anatre sono animali molto socievoli, curiosi e intelligenti. Hanno bisogno di spazi adeguati per muoversi liberamente e devono avere accesso all’ acqua, dato che forma parte del loro habitat naturale. Però, se si possiede un’ anatra, di cosa bisogna tener conto?

Dati importanti

anatra-campbel

Le anatre, come altri animali domestici, hanno la capacità di apprendere ed eseguire degli ordini. Inoltre possono giocare con i padroni esattamente come ogni altro animale domestico, senza escludere una gran dose di affetto, quando corrisposto. Si adatteranno molto bene alla convivenza con le persone se vengono abituati fin da cuccioli. La cosa migliore da farsi è adottare due anatre, dato che sono animali molto socievoli e preferiscono vivere in gruppo. Senza dubbio però, una volta cresciuti, hanno bisogno del loro spazio ciascuno per evitare l’ eccessivo affollamento.

Le anatre sono creature molto precoci e possono risultare ottimi compagni. Seguono spesso il padrone e anche se possono essere talvolta un po’ disordinate, sono senza dubbio adorabili. Le razze più popolari, da tenere come animale domestico, sono la Pechino, Cayuga e la Campbell.

L’ anatra pechinese è un’ anatra grande, bianca e molto attraente. La Cayuga è ancora più grande e il suo colore è un verde tendente al nero. È una razza decisamente più tranquilla. La Campbell invece è solitamente di taglia media e il colore è giallo cachi. L’ unico inconveniente di tutti questi esemplari di anatra è la loro aspettativa di vita, che infatti in media non supera i sette anni, a differenza di cani e gatti che possono arrivare a vivere fino a circa 20 anni.

Il comportamento di questo tipo di animale è spesso molto singolare. Possono essere un po’ goffi, propensi a inciampare nelle cose e a procurarsi ferite. Per questo il loro habitat deve presentare grandi spazi e dev’essere scevro da oggetti che possano impedire il loro cammino.

Cure e alimentazione

anatre-2

Le anatre devono passare la maggior parte della loro vita all’ aria aperta. Non sono animali che possono rimanere all’ interno di una casa o di un appartamento a lungo, a meno che non si possegga un cortile interno. A loro piace la natura. Mangiare in un parco è necessario ed è una cosa che fa molto piacere a questo tipo di animale. Tra gli arbusti cercano vermi e larve e si divertono a pascolare sull’ erba.

Sapevate che le anatre devono utilizzare come minimo un litro di acqua al giorno? Hanno bisogno di tutta quest’acqua per lavarsi gli occhi e ovviamente mantenere le loro piume in buone condizioni. L’ acqua dev’essere sufficientemente profonda per permettere loro di immergersi fino alla testa e di lavarsi interamente il corpo. Il deposito di acqua deve avere un bordo non troppo alto, così che possano uscire poi facilmente.

Le anatre hanno un debole per le piscine. Una piscina gonfiabile per bambini o un catino di circa 20 centimetri di profondità è per loro irresistibile.

La casetta delle anatre deve avere solide lamine sul tetto, nel suolo e sulle pareti. Gli spazi devono essere ampi, di modo che sia comodo e possa razzolare senza impedimenti. Il rifugio inoltre dev’essere ben ventilato, situato in un luogo con ombra e deve prevedere qualche tipo di protezione contro il vento. Non utilizzate cemento o ciottoli per più di un terzo del suolo, altrimenti le vostre anatre si danneggeranno le zampe. Per evitare che si facciano del male, potete spargere sul suolo della buccia di riso, che andrà cambiata quotidianamente.

In casa la vostra anatra dovrà avere a disposizione un posto privato dove costruire il suo nido, che potete migliorare con paglia o trucioli di legno.

Le anatre cresciute in ambienti puliti e alimentate correttamente, non presentano solitamente grossi problemi di salute, essendo animali molto resistenti. Vengono raramente infestate da vermi o acari intestinali. Ad ogni modo bisogna rimuovere i parassiti ogni 6 mesi.

Non date mai da mangiare della muffa alle vostre anatre, poiché questo potrebbe causare loro malattie respiratorie o reazioni tossiche. Ricordate di mantenere la loro acqua pulita, va cambiata tutti i giorni.

Le anatre devono inoltre essere alimentate con mangimi preparati industrialmente. Fino alla terza settimana di vita hanno bisogno di diete con alti livelli di proteine. Dopo le tre settimane, fino a un massimo di 20 settimane di vita, bisogna assicurare loro livelli di proteine di circa il 15% rispetto al totale delle calorie somministrate.

Non date da mangiare alle vostre anatre alcun tipo di purè, dato che potrebbero soffocarsi nel tentativo di mangiarlo. Non dimenticatevi inoltre che il pane non deve costituire una parte regolare della loro dieta principale.

Se volete dare delle verdure alla vostra anatra, provate con quelle di colore verde, sono ottime per la loro salute. Molte anatre adorano il cocomero: potete darglielo di tanto in tanto.