Una malattia minaccia la sopravvivenza dei leoni marini della California

30 aprile, 2020
I leoni marini della California non sono una specie a rischio di estinzione. Tuttavia, la diffusione di una malattia, la leptospirosi, minaccia la loro sopravvivenza.
 

I leoni marini della California sono degli animali molto amichevoli che attualmente non si trovano a rischio di estinzione. Purtroppo, però, è stata rilevata la diffusione di una malattia tra questi pinnipedi che minaccia lo stato di salute di molti esemplari. In questo articolo troverete le informazioni su una malattia che minaccia la sopravvivenza dei leoni marini della California.

Il colpevole: la leptospirosi

La leptospirosi è una malattia batterica che colpisce molti animali domestici, ma può colpire anche gli animali selvatici. L’agente patogeno dopo questo processo si chiama Leptospira interrogans, e danneggia principalmente i reni.

Il fatto che questa malattia colpisca i leoni marini della California non è nuovo, perché in realtà è una variante del patogeno che colpisce anche i cani e le volpi. Tuttavia, i focolai di leptospirosi in questi mammiferi stanno diventando un vero problema. Il mese scorso, il Centro per i Mammiferi Marini di San Francisco ha ricevuto cinque leoni marini malati al giorno.

La leptospirosi è una zoonosi e nell’uomo si verificano ogni anno 500.000 casi. Colpisce anche altri animali selvatici, ma è tristemente famosa per i frequenti casi che colpiscono maggiormente i cani.

Leone marino che nuota
 


La malattia nei leoni marini della California

Nei leoni marini, la leptospirosi è accompagnata da affaticamento e dolore addominale che possono portare alla morte in molti casi. Il trattamento consiste nell’applicazione di antibiotici come la penicillina, quindi è necessario ricoverare questi animali.

Dal 16 ottobre 2018 ad oggi ci sono stati 220 casi nel Centro per i Mammiferi Marini di San Francisco, il che lo avvicina allo scoppio verificatosi nel 2011. Più della metà dei leoni marini che hanno raggiunto il centro quest’anno sono stati colpiti dalla leptospirosi.

Sintomi e via di infezione della leptospirosi

I salvataggi sono molto simili fra loro: i leoni marini della California appaiono sulla spiaggia in una determinata posizione, in cui le pinne vengono portate all’addome, e sdraiati su un fianco a causa del dolore.

Un altro dei segnali della malattia è gli animali mostrano di avere molta sete. Normalmente, questi pinnipedi ricevono l’idratazione di cui hanno bisogno dal cibo perché non possono farlo attraverso l’acqua salata. Tuttavia, la leptospirosi colpisce i reni ed impedisce loro di idratarsi correttamente.

La via di trasmissione esatta è sconosciuta, poiché normalmente la leptospirosi si trasmette attraverso l’urina, per cui è complicato rilevare la malattia in mezzo all’oceano. Quindi probabilmente l’infezione si verifica quando questi animali si riuniscono sulle rocce e sulle spiagge.

Leoni marini della California
 


Cosa ha causato l’epidemia nei leoni marini della California

Sebbene sia una malattia relativamente nota per l’uomo, la verità è che questi focolai giganteschi che colpiscono i leoni marini della California sono in qualche modo misteriosi, e non si sa perché colpiscano proprio questi animali marini.

Le infezioni si verificano periodicamente ogni 4-5 anni e sebbene gli animali infetti da leptospirosi compaiano ogni anno, è durante questi periodi che avviene l’incubazione negli esemplari malati.

Comunemente noto come “goccia”, un enorme specchio d’acqua calda nel Pacifico potrebbe essere collegato a questa infezione, il che cambierebbe gli standard migratori e comportamentali di molti animali, tra cui i leoni marini della California.

Questo evento, provocato dai cambiamenti climatici, è stato collegato anche alla comparsa di molti leoni marini affamati negli ultimi anni. Questo succede perché le acque eccessivamente calde colpiscono la catena trofica della costa della California.

Il Centro per i Mammiferi Marini di San Francisco continuerà a curare i leoni marini della California che arrivano in queste condizioni. Il metodo maggiormente usato è quello di prelevare campioni di sangue e di urina che consentono di studiare in che modo la malattia colpisce questi mammiferi marini così amichevoli.

 

Buhnerkempe, M.G., Prager, K.C., Strelioff, C.C., Greig, D.J., Laake, J.L., Melin, S.R., DeLong, R.L., Gulland, F.M.D., Lloyd-Smith, J.O. 2017. Detecting signals of chronic shedding to explain pathogen persistence: Leptospira interrogans in California sea lions. Journal of Animal Ecology. 86: 460-472.