Segnali di invecchiamento nei gatti

Così come per gli umani, anche gli animali invecchiano e il loro corpo ne mostra i segni. Gli animali vivono in generale meno degli umani e invecchiano in minor tempo; per questo e a volte non ci si rende conto che anche se un gatto ha solo 6 anni, è già entrato nella fase della vecchiaia. Qui di seguito vi spieghiamo alcuni segnali dell’invecchiamento nei gatti, affinché possiate riconoscere i sintomi che indicano che il vostro caro amico non può più fare tutto quello che faceva prima.

Peli bianchi

Il primo segnale dell’invecchiamento nei gatti sono i peli bianchi. Così come succede negli umani, la pelliccia dei gatti diventa brizzolata poco a poco, con il tempo. Cominceranno ad apparire dei peli bianchi solitari sul muso e sul dorso o nelle zampe, per poi andare ad estendersi via via per tutto il corpo, anche se la pelliccia non arriverà mai ad essere del tutto bianca.

Mancanza di movimento

Un altro segnale dell’invecchiamento nei gatti sta nel fatto che diventano più pigri, hanno bisogno di dormire di più e fanno fatica a muoversi. Il livello di attività fisica diminuisce così come il ritmo del gioco, ma possono comunque continuare a giocare anche se con minor intensità.

Problemi ai denti

Con l’età i denti dei gatti diventeranno sempre più deboli fino ad arrivare addirittura a cadere, rendendo più difficile la fase della masticazione (avrà anche più difficolta durante la caccia, se si tratta di un gatto da fattoria).

Allo stesso tempo, i gatti con molto tartaro possono soffrire problemi di gengivite (infiammazione delle gengive), o stomatite (infiammazione della mucosa del cavo orale), causando al felino dei dolori quando ingerisce cibo che possono essere talmente fastidiosi da impedirgli di finire il pasto. La cosa ideale da fare è controllare periodicamente la bocca del vostro gatto per controllare la presenza di tartaro o eventuali infiammazioni delle gengive. Inoltre, è importante procurargli un’alimentazione corretta basata su mangime naturale o cibo crudo.

Dolori alle articolazioni

gatto-vecchiaia

Un altro segnale importante è quando il gatto smette di fare i suoi bisogni nella lettiera e li fa al lato della stessa. Questo fenomeno può essere dovuto a dolori nelle articolazioni o nei muscoli delle zampe posteriori e delle anche, di cui molti mici soffrono in vecchiaia. In questo modo, non solo il gatto smetterà di arrampicarsi su sedie, tavoli o persino sul suo tiragraffi, ma non riuscirà più ad entrare nella lettiera a causa di dolori alle zampe posteriori. Inoltre, a causa del tipo di sabbia nella lettiera non riuscirà a posizionarsi in equilibrio. Il fatto che faccia i suoi bisogni al lato della cassetta indica che il gatto, nonostante abbia tutta l’intenzione di farli nella sabbia, si trova in grandi difficoltà. In questi casi sarà necessario cambiare il tipo di sabbia nella lettiera.

Perdita dei sensi

I gatti anziani, così come le persone, possono perdere a poco a poco i loro sensi, olfatto, udito e vista. Questo provoca una diminuzione del grado di attenzione da parte dei nostri piccoli amici, goffaggine nei movimenti e irascibilità. I gatti più anziani vogliono inoltre stare tranquilli e tendono a sbuffare se li si infastidisce, soprattutto se si cerca di prenderli in braccio in continuazione. È necessario rispettare le loro ore di sonno e il loro bisogno di tranquillità.

Disturbi renali

I gatti in età avanzata possono anche soffrire di insufficienza renale e orinare fuori dalla lettiera, su superfici orizzontali e morbide. Se questo fenomeno comincia a presentarsi si raccomanda di fare un analisi delle urine per assicurarsi della presenza effettiva di un problema ai reni. Questo problema, unito alla scarsa igiene che di norma appare con l’età, rende difficile la convivenza con un gatto anziano. In questa fase della vita infatti, i felini dedicano meno tempo alla loro igiene personale,  sia a causa di dolori fisici che gli impediscono di muoversi o per problemi alla bocca. Per questo motivo la loro pelliccia tende ad essere meno brillante e morbida rispetto a quella di un gatto giovane.

Sovrappeso

gatto-sovrappeso

A causa della mancanza di attività fisica, i gatti più anziani tendono ad ingrassare, ma esiste anche la possibilità che soffrano di diabete. Se bevono molta acqua e mangiano molto ma cominciano lo stesso a dimagrire, è possibile che abbiano il diabete. Oltre a portare il vostro gatto dal veterinario, sarà necessario controllare in maniera rigida la sua dieta.

Tumori

Un ultimo segnale o pericolo legato all’età è che i gatti o le gatte non sterilizzati tendono a contrarre tumori con più facilità, soprattutto alla mammelle le femmine e alla prostata i maschi. I felini che sono stati sterilizzati da giovani corrono minori rischi di soffrire di tumore.

Esistono molti altri sintomi che possono indicarci che il nostro piccolo amico sta invecchiando. Molti di essi sono sintomi di malattie di cui soffrono i gatti in età avanzata, per cui di fronte a qualsiasi sintomo o cambio nel comportamento del nostro animale, è importante portarlo subito dal veterinario.