10 curiosità sui tritoni

I tritoni sono parenti diretti di rane e rospi, quindi hanno molte somiglianze con tutti gli anfibi con cui condividono una classe. Volete conoscere alcune delle sue caratteristiche?
10 curiosità sui tritoni

Ultimo aggiornamento: 02 settembre, 2021

Le 10 curiosità dei tritoni sono particolari, poiché come rane e rospi, questi esseri si sono abituati a vivere sia sulla terra che nell’acqua. Questi animali hanno solitamente un tipo di riproduzione complesso, hanno una coda che li aiuta a nuotare e si nutrono di insetti acquatici (tra gli altri invertebrati).

Sebbene siano spesso usati come termini intercambiabili, tritone e salamandra non sono la stessa cosa. Questi animali hanno i propri tratti non condivisi con nessun altro anfibio, oltre a una certa parentela tra loro. Scoprite con noi il mondo di questi anfibi, perché ne parleremo nelle righe seguenti.

10 curiosità sui tritoni che non sapevate

1. I tritoni sono anfibi

I tritoni appartengono alla classe degli Anfibi, che comprende anche rane, rospi, salamandre e cecilie. Sebbene l’88% degli anfibi siano anuri (rane), va notato che quelli appartenenti all’ordine Caudata (salamandre e tritoni) rappresentano circa 695 specie viventi. Si differenziano dagli altri anfibi per la presenza di coda.

I tritoni sono caudati, ma non tutti i caudati sono tritoni. Esistono più di 100 specie di questi anfibi con la coda, ma tendono a differire dalle salamandre per le loro abitudini più acquatiche e per l’assenza di ghiandole parotoidi dietro gli occhi. È anche comune che alcuni tritoni abbiano i piedi palmati, il che li aiuta a nuotare.

Ci sono tra 14 e 17 generi di tritoni vivi oggi.

2. Tassonomia

I tritoni appartengono alla famiglia Salamandridae, ma si distinguono dal resto dei loro parenti per essere inclusi nella sottofamiglia Pleurodelinae. I generi di anfibi conosciuti come “tritoni stretti” sono i seguenti: Cynops, Echinotriton, Euproctus, Neurergus, Notophthalmus, Pachytriton, Paramesotriton, Pleurodeles, Taricha, Triturus e Tylototriton.

A livello genetico le salamandre appartengono ai generi Chioglossa, Mertensiella e Salamandra.

Un tritone che nuota in superficie.

3. I tritoni abitano luoghi molto diversi

Una delle caratteristiche più sorprendenti dei tritoni è rappresentata dalla loro distribuzione eterogenea. Possono essere trovati nei corpi idrici e nelle zone umide del Nord America, Europa, Nord Africa e Asia. La maggior parte dei rappresentanti di questo gruppo si trova nel Vecchio Mondo, poiché l’Asia ospita più di 40 delle 100 specie esistenti.

I tritoni sono semi-acquatici, quindi richiedono fonti d’acqua semipermanenti almeno durante i mesi più caldi dell’anno. In luoghi come la Penisola Iberica (dove le fonti d’acqua si prosciugano in autunno-inverno) possono adottare una fase terrestre che dura diversi mesi.

4. Una serie di caratteristiche generali comuni

Come tutti gli anfibi, i tritoni hanno 4 arti, grandi bocche, occhi sorprendenti e pelle molto sottile. Tuttavia, a differenza degli anuri, hanno un corpo cilindrico, teste generalmente appiattite e una coda molto potente con cui si aiutano durante il nuoto.

In genere i tritoni sono di colore scuro nella zona dorsale e sui fianchi e hanno toni molto più vistosi nella loro sezione ventrale. Questo ha molto senso: visto dall’alto si confondono con il fondo dello specchio d’acqua, mentre dal basso si vedono i loro colori che indicano una certa tossicità.

Alcuni tritoni sono aposematici. Presentano sfumature sorprendenti che mostrano la loro capacità di produrre tossine.

5. Un respiro non così polmonare tra le 10 curiosità sui tritoni

I polmoni degli anfibi sono piuttosto semplici, privi delle strutture e delle camere spugnose presenti nel tratto respiratorio di mammiferi e uccelli. Pertanto, devono aiutare la loro pelle a respirare. In alcune specie, il tasso di scambio di ossigeno epidermico arriva fino al 100% del totale.

Pur non essendo tritoni in quanto tali, le salamandre del genere Plethodontidae si distinguono dagli altri anfibi per la loro totale assenza di polmoni. Questi vertebrati respirano solo attraverso la pelle e attraverso gli epiteli situati nella cavità orofaringea.

6. Un’insolita capacità rigenerativa

Le larve di salamandra del genere Ambystoma sono state utilizzate in molteplici esperimenti, poiché sono in grado di far crescere interi organi dopo la lesione. Ad ogni modo, un’altra delle curiosità dei tritoni è che hanno anche un’insolita capacità rigenerativa.

Una delle teorie più diffuse è che le cellule di questi urodeli siano in grado di dedifferenziarsi, proliferare e rispecializzarsi per ricostruire i tessuti danneggiati. Così, invece di formare tessuto cicatriziale (come gli umani) sono in grado di sostituire una sezione amputata con un’altra ugualmente funzionale.

7. Una riproduzione intricata tra le 10 curiosità sui tritoni

La stagione riproduttiva dei tritoni nell’emisfero settentrionale va da giugno a luglio, anche se in luoghi più asciutti come la penisola iberica possono iniziare a sviluppare l’istinto di copulazione molto prima, intorno a marzo-aprile. Il dimorfismo sessuale è solitamente molto evidente, in quanto i maschi hanno calli sulle zampe, creste e cloachi gonfi.

Secondo gli studi, alcuni tritoni hanno un comportamento riproduttivo chiamato lekking. In esso, i maschi vengono aggiunti nello specchio d’acqua in modo ordinato e seguendo una certa gerarchia. Questi sono esposti come se si trattasse di un espositore e le femmine scelgono il più appariscente.

La colorazione, la posizione gerarchica e il dimorfismo sessuale del maschio sono indicativi della sua qualità genetica.

8. Come tutti gli anfibi, attraversano uno stadio larvale

Un’altra delle curiosità dei tritoni è che hanno tutti uno stadio larvale acquatico. Tuttavia, a differenza delle rane e dei rospi, i piccoli non sono a forma di girino. Questi sono più allungati, sviluppano gli arti prima e hanno le branchie esterne a forma di “albero”.

Quando le larve si trasformano, perdono le branchie, sviluppano i polmoni e attraversano una fase terrestre di durata variabile.

9. Le tossine tra le 10 curiosità sui tritoni

Alcuni tritoni producono sostanze tossiche da alcune ghiandole per intimidire i loro predatori, poiché sono animali lenti e goffi con pochi mezzi di fuga disponibili. La specie Taricha granulosa è particolarmente degna di nota su questo fronte, poiché produce abbastanza tetrodotossine per uccidere un essere umano senza alcun problema.

Altre specie hanno metodi di difesa più rudimentali. Ad esempio, il tritone iberico Pleurodeles waltl ha una serie di ghiandole tossiche in tutto il corpo. Quando è minacciato, attacca le proprie costole sulle ghiandole e le tira fuori, perforando e intossicando qualsiasi potenziale predatore che cerca di mangiarlo.

Uno dei tipi di anfibi.

10. Non sono pericolosi e sono a rischio di estinzione

Essendo l’ultima delle curiosità dei tritoni, è necessario sottolineare che non sono pericolosi per l’uomo. A meno che una persona non metta intenzionalmente un campione in bocca o si sfreghi gli occhi dopo averlo maneggiato, è impossibile che le sue tossine raggiungano il nostro corpo (se le trasporta).

Inoltre, i tritoni e il 41% degli anfibi in generale sono in pericolo di estinzione, poiché i cambiamenti climatici e l’inquinamento delle acque stanno distruggendo i loro habitat originari. È necessario conoscere e prendersi cura di questi esseri viventi impressionanti per continuare a goderseli ancora per molti anni.

Potrebbe interessarti ...
Tritoni: specie e caratteristiche di questi curiosi anfibi
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Tritoni: specie e caratteristiche di questi curiosi anfibi

I tritoni sono degli anfibi piuttosto curiosi e interessanti. In questo articolo parliamo di alcune delle loro caratteristiche.



  • Hedlund, L., & Robertson, J. G. (1989). Lekking behaviour in crested newts, Triturus cristatus. Ethology, 80(1‐4), 111-119.
  • Zhang, P., Papenfuss, T. J., Wake, M. H., Qu, L., & Wake, D. B. (2008). Phylogeny and biogeography of the family Salamandridae (Amphibia: Caudata) inferred from complete mitochondrial genomes. Molecular phylogenetics and evolution, 49(2), 586-597.
  • Oberpriller, J. O., & Oberpriller, J. C. (1974). Response of the adult newt ventricle to injury. Journal of Experimental Zoology, 187(2), 249-259.
  • Oldham, R. S., Keeble, J., Swan, M. J. S., & Jeffcote, M. (2000). Evaluating the suitability of habitat for the great crested newt (Triturus cristatus). Herpetological Journal, 10(4), 143-155.