4 animali che praticano la coprofagia

La coprofagia è una pratica poco conosciuta ma comune nel comportamento degli animali selvatici. Nel mondo naturale, niente va sprecato.
4 animali che praticano la coprofagia

Ultimo aggiornamento: 03 giugno, 2021

La coprofagia è una pratica portata avanti da diverse specie in tutto il mondo. È un adattamento biologico poco conosciuto, che negli esseri umani genera molto rifiuto. In ogni caso, gli animali che ricorrono a mangiare le proprie feci – o quelle di altri – lo fanno per un motivo specifico.

Nel mondo naturale, ogni specie è specializzata in una nicchia ecologica unica. Alcuni animali sono responsabili della trasformazione della materia organica che nessun essere vivente riutilizzerà. Se vuoi saperne di più sulla coprofagia, continua a leggere.

Cos’è la coprofagia?

La coprofagia è definita come l’ingestione di feci o escrementi ed è un comportamento comune in alcune specie di animali. L’obiettivo della coprofagia è quello di ingerire nutrienti essenziali che non sono stati digeriti passando attraverso l’apparato digerente dell’animale che li ha espulsi e sarebbero altrimenti sprecati.

Solo alcuni esseri viventi praticano la coprofagia come forma di cibo naturale. Tra loro ci sono sia invertebrati che vertebrati. D’altra parte, solo quegli animali che si nutrono esclusivamente o quasi esclusivamente degli escrementi di altri, come alcuni coleotteri, sono considerati rigorosamente coprofagi.

D’altra parte, ci sono i coprofagi occasionali, cioè animali che mangiano altri cibi ma a volte ingeriscono le proprie feci. Questo perché il loro intestino non può scomporre completamente il cibo ed estrarre tutti i nutrienti in una volta sola. Per questo motivo, ingeriscono nuovamente le feci e le digeriscono una seconda volta.

Inoltre, alcuni animali, come i conigli, espellono 2 diversi tipi di feci, uno che viene mangiato e uno no. Le feci che possono essere mangiate sono chiamate cecotrofi o feci notturne.

Quali animali praticano la coprofagia?

Ecco alcuni degli animali selvatici che praticano la coprofagia, sia esclusiva che occasionale.

1. Conigli

I conigli consumano una parte delle proprie feci, in particolare i cosiddetti cecotrofi. Queste feci sono morbide e sono costituite da cibo parzialmente digerito, dal quale estraggono sostanze nutritive.

Alcune specie legate ai conigli, come le cavie, mancano di un sistema digestivo sofisticato. Per questo motivo, le feci forniscono loro nutrienti e vitamine. Anche i criceti riassorbono la vitamina B e K grazie alla coprofagia.

I conigli eseguono la coprofagia.

2. Scimpanzé

È stato osservato che in alcune occasioni gli scimpanzé possono nutrirsi delle loro feci. Il motivo per cui lo fanno è lo stesso dei conigli. I semi che mangiano non consentono loro di ottenere tutti i nutrienti nella prima digestione. Pertanto, li mangiano di nuovo per poter estrarre tutti i loro benefici.

Questo comportamento è stato osservato anche nei gorilla, che possono ingerire i propri escrementi o quelli di altri gorilla. E sono molte le scimmie che ingeriscono gli escrementi di altre specie.

Uno scimpanzé sdraiato.

3. Scarabei stercorari

Gli scarabei stercorari si nutrono degli escrementi di altri animali. A seconda che siano giovani o adulti, si nutrono di un tipo di materia o di un altro. I giovani di scarabeo stercorario si nutrono di detriti di materie prime da escrementi solidi. Questo perché non hanno apparato boccale specializzato con cui aspirare il liquido da questa materia prima.

Alcune specie di scarabei stercorari possono usare il letame per costruire le loro case, dove depongono le uova. Inoltre, questo comportamento è stato osservato anche in altri insetti, come mosche e altre larve di ditteri.

Uno scarabeo egizio trasporta le feci.

4. Cani

Può essere ammesso come normale quando la coprofagia viene eseguita da esseri selvatici. Tuttavia, se praticato da animali domestici come i cani, le persone possono rimanere scioccate.

La coprofagia è un comportamento naturale, anche se non è molto comune osservarlo nei cani. Anche se sembra sorprendente, si ritiene che questo comportamento possa essere un’abitudine appresa dalle loro madri.

Quando le madri puliscono i loro cuccioli, stimolano la regione perineale, che fa urinare o defecare il piccolo. La madre pulisce il cucciolo, un comportamento che impara e può ripetere per tutta la vita.

Se i proprietari non si sentono a proprio agio con questo comportamento, possono adottare misure per reindirizzarlo. Per questo, si consiglia di cambiare la dieta dell’animale, raccogliere immediatamente le sue feci o eseguire routine di esercizi per il cane.

Un cane con la cacca.

Altri mammiferi che praticano la coprofagia

Alcune specie di mammiferi eseguono sporadicamente la coprofagia per ottenere batteri che non possiedono. I koala ingeriscono gli escrementi della madre, per incorporare il normale microbioma nel loro tratto digerente. In questo modo i giovani possono digerire il cibo mangiato.

Un altro esempio sono i maiali, a cui piace mangiare le feci. Sembra che questa pratica sia benefica per il suolo e l’acqua, cioè per l’ambiente.

Quando i maiali ingeriscono le feci, possono inconsciamente praticare una tattica per risparmiare cibo e produrre anche meno rifiuti organici. Tuttavia, allo stesso tempo questo aumenta i rischi di contagio di malattie e virus tra di loro.

Il koala è una specie in via di estinzione.

La coprofagia è una tecnica comune nel mondo animale, sebbene gli esempi più noti siano conigli o roditori. Inoltre, questa strategia evolutiva ha una notevole importanza ecologica.