Come vedono le mosche? In modo davvero stupefacente

La vista delle mosche è più affascinante di quanto sembri. Se ti chiedi mai perché riescono sempre a scappare quando provi a prenderle, ecco la risposta.
Come vedono le mosche? In modo davvero stupefacente

Ultimo aggiornamento: 27 maggio, 2021

Ogni volta che una persona cerca di catturare uno di questi insetti, inevitabilmente si chiede: come vedono le mosche? Che questa domanda appaia è logico, poiché la loro agilità supera di gran lunga quella di un essere umano. Tuttavia, questa capacità di evitare la morte ha a che fare con problemi più profondi.

In questo articolo scoprirai alcuni fatti davvero incredibili su questi invertebrati e, cosa più interessante, come funziona il loro sistema visivo. Da non perdere, perché il modo in cui le mosche vedono è più sorprendente di quanto sembri.

Caratteristiche delle mosche

Le mosche fanno parte della famiglia Muscidae. Il loro corpo è diviso in tagma —o segmenti del corpo—: testa, torace e addome. Il loro organo orale, invece, è costituito da una serie di appendici, che variano a seconda della dieta di ciascuna specie.

Da buoni insetti, le mosche hanno 6 zampe inserite nel torace, con i rispettivi cuscinetti. Questi ultimi servono per aderire a qualsiasi superficie con qualsiasi angolazione.

Inoltre, questi invertebrati hanno filamenti sensibili su tutta la superficie del loro corpo, che consentono loro di annusare e gustare gli ambienti attraverso cui si muovono. In effetti, quando le mosche scorrazzano sul tuo cibo, lo stanno assaggiando, per vedere se gli piace.

Sebbene alcune specie siano ovovivipare, le femmine tipicamente depongono le uova vicino o all’interno di materia organica in decomposizione. Le mosche attraversano 4 fasi nel loro sviluppo: uovo, larva, pupa e adulto.

Questi invertebrati sono interessanti a molti livelli, ma la vista delle mosche è chiaramente uno dei loro punti di forza. Nelle sezioni seguenti, ti spiegheremo come vedono le mosche.

La visione delle mosche e altri segreti.

Come vedono le mosche: occhi straordinari

Se hai mai visto un’immagine ingrandita degli occhi di una mosca, è facile notare che sono frammentati. Se siamo più precisi, possiamo dire che questi insetti hanno 2 occhi composti da unità ricettive – chiamate ommatidi – di forma esagonale. Ogni unità ha una lente (cornea) e uno strato di cellule fotorecettrici, i bastoncelli.

In alcune specie, gli ocelli – semplici occhi nella zona dorsale della testa – sono anche associati alla vista, responsabile solo della percezione di diverse intensità luminose. Le mosche non hanno pupille, quindi non possono regolare la quantità di luce che raggiunge la retina.

Esistono 2 tipi di occhi composti in base alle esigenze visive delle mosche. Questi sono i seguenti:

  • Apposizionale: ogni ommatidium fissa frammenti di un’immagine, che verranno successivamente integrati nel cervello della mosca. La risoluzione della vista aumenta con le dimensioni dell’animale.
  • Sovrapposizione: in generale, qui ogni ommatidium cattura immagini totali dell’ambiente, che si sovrappongono quando le integrano.

Come vedono le mosche?

Al contrario di quanto possa sembrare, le mosche non hanno una visuale a 360 gradi, ma quasi. Per contro, quando si parla di nitidezza e differenziazione di colori e forme, la vista di questi insetti non è molto sviluppata.

Poiché il loro cibo è normalmente morto o semplicemente immobile, le mosche non hanno bisogno di sviluppare la percezione del movimento.

Anche così, ciò che è davvero scioccante è loro sua percezione del tempo: secondo gli studi, la cattura degli intervalli di tempo potrebbe essere correlata alla dimensione dell’animale e al suo tasso metabolico. Le mosche, rispetto agli umani in questo senso, vedrebbero il tempo passare molto più lentamente.

Flicker fusion rhythm nella visione delle mosche

Per capire come sia possibile che il tempo passi più lentamente per le mosche, è necessario sapere che la percezione soggettiva del tempo dipende in larga misura dalla quantità di immagini statiche che raggiungono il cervello. In altre parole, più immagini deve integrare questo organo, più lungo sarà il film, per così dire.

Più piccolo è l’animale, più lampi di immagini cattura la retina al secondo. Nello specifico, gli esseri umani registrano 60 lampi al secondo, mentre le mosche ben 250, addirittura 400 in alcune specie.

Le mosche sono animali ovovivipari a seconda del tipo di riproduzione.

Le mosche, così odiate per il loro ronzio, fanno sì che gli umani approfondiscano questioni trascendentali come il passare del tempo. Questi insetti sono la dimostrazione vivente che le risposte non si trovano solo nelle stelle e nei grandi corpi, ma che anche ciò che a noi sembra insignificante alla fine può insegnarci moltissimo.



  • Metabolic rate and body size are linked with perception of temporal information. (2013, 1 octubre). ScienceDirect. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0003347213003060
  • Bialek, W. & van Steveninck, R. R. (2005). Features and dimensions: Motion estimation in fly vision. arXiv preprint q-bio/0505003.
  • Borst, A. (2009). Drosophila’s view on insect vision. Current biology, 19(1), R36-R47.