5 cani più fedeli della storia che dovete conoscere

17 Gennaio 2019
La fedeltà dei cani supera di gran lunga quella umana. Molto spesso vengono riportate storie commoventi dedicate a questi animali che, spesso, restano per anni sulle tombe dei propri padroni.

Ci sono molte racconti e notizie di cani che colpiscono la nostra sensibilità, per l’assoluta devozione mostrata nei confronti dei loro padroni. I cani più fedeli della storia, rimangono vicini agli spiriti dei loro padroni, anche dopo la morte, vigilando con amore accanto alle loro lapidi.

Altri ancora li aspettano fuori dalla porta dell’ospedale, dove li hanno visti entrare per l’ultima volta.

Queste commoventi testimonianze sottolineano,ancora una volta, la grande nobiltà di questi animali. Ma, allo stesso tempo, rivelano il loro sesto senso e l’incredibile capacità di orientamento che possiedono.

Alcuni sono diventati molto famosi e hanno ispirato diversi film. Per questo motivo, abbiamo deciso di dedicare un intero articolo a loro, i cani più fedeli della storia. Un viaggio breve ma commovente, che ci porterà a viaggiare in quasi tutto il mondo.

Cani più fedeli della storia: Canelo (Cadice, Spagna)

Canelo è il nome di un cane vissuto a Cadice negli Anni ’80. Questo fedele animale domestico accompagnava il suo padrone praticamente ovunque.

Trattandosi di un uomo solo, senza famiglia, Canelo rappresentava la sua unica compagnia.

Il cane stette al fianco del suo proprietario per moltissimi anni, una volta alla settimana, accompagnandolo persino durante le visite all’ospedale, dove l’anziano si sottoponeva a continui trattamenti di dialisi.

Rimaneva fuori, proprio sulla porta della clinica, aspettando il ritorno del suo amico umano.

Un giorno, sfortunatamente, proprio durante uno dei trattamenti, il cuore dell’uomo smise di battere. Ebbene, Canelo aspettò il suo padrone sulla porta dell’ospedale per ben 12 anni.

L’animale non accettava di abbandonare tale luogo. Moltissime persone, commosse per il suo comportamento, iniziarono a portargli acqua e cibo. Senza dubbio, Canelo è uno dei cani più fedeli della storia.

Cane guarda fuori dalla finestra

Bobby (Edimburgo, Scozia)

Bobby era un cane di razza Terrier che visse a metà del XIX secolo. Il proprietario, un poliziotto di Edimburgo, viveva davvero in simbiosi con il suo amico a quattro zampe: i due erano inseparabili.

Un giorno il poliziotto morì per colpa di una tubercolosi fulminante. Bobby accompagnò la processione fino al cimitero, dove venne seppellito il suo padrone.

In un atto di incredibile nobiltà, e dimostrando di essere un cane straordinariamente fedele, Bobby è rimasto sulla tomba del suo proprietario per 14 anni, fino al giorno della sua morte.

La gente del posto lo ha nutrito e gli ha dato rifugio nei mesi invernali. È diventato una vera leggenda, ammirato e amato da tutti.

Guacho (Uruguay)

Guacho è il nome di un cane originario dell’Uruguay, vissuto negli Anni ’60 fianco a fianco al suo amatissimo padrone.

Un giorno, purtroppo, l’uomo si ammalò e dovette essere trasferito in un ospedale distante più di 50 km da casa. Guacho fu lasciato solo e molto triste.

Stanco della nuova situazione, l’animale decise di andare alla ricerca del suo padrone.

Incredibilmente e superando innumerevoli ostacoli e pericoli, questo tenace cane riuscì finalmente a trovare la clinica in cui il suo amico era stato ricoverato.

Guacho si sistemò tranquillamente al di fuori dell’edificio, aspettando l’uscita del padrone. Lo staff del centro di salute e i vicini, commossi, iniziarono a prendersi cura di lui.

Quando sopraggiunse il fatidico giorno, l’animale iniziò a ululare con profonda tristezza, fuori dall’ospedale.

Accompagnò il suo amico fino al cimitero, rimanendo sulla sua tomba, senza spostarsi, per 30 giorni. In seguito iniziò a recarsi in città in cerca di cibo, per tornare ogni pomeriggio al cimitero e dormire sulla tomba del suo proprietario.

Pastore tedesco seduto su una tomba

Collie (Argentina)

Collie entra di diritto nella lista dei cani più fedeli della storia. Arrivò al cimitero di La Piedad, nella città di Rosario (Argentina) il giorno in cui il suo proprietario fu sepolto lì. Quel giorno rimase a dormire sulla tomba del suo padrone.

Il giorno dopo, i parenti del defunto andarono a cercarlo. Collie non voleva abbandonare quello che considerava essere il suo posto.

I familiari lasciarono passare alcuni giorni e cercarono di usare anche un guinzaglio, ma senza alcun successo. Non c’era modo di portarlo via.

L’animale rifiutò di abbandonare il suo proprietario e rimase accanto alla tomba per ben cinque anni.

Fido (Italia)

Fido visse in una piccola città italiana, vicino Firenze, verso la fine degli Anni ’30. Il suo proprietario era un giovane di nome Luigi, che lavorava in una falegnameria della zona.

Per andare a lavorare, Luigi doveva prendere il treno ogni mattina. Fido lo accompagnava alla stazione e lo aspettava lì la sera per tornare assieme a casa.

Nel 1943 Luigi fu reclutato dall’esercito e inviato sul fronte russo. Il suo fedele amico continuò ad aspettarlo ogni pomeriggio alla stazione del treno. Cercava con speranza il volto del suo proprietario tra i passeggeri dei vari vagono. Purtroppo, Luigi non fece mai più ritorno a casa. Fido lo aspettò per sette anni, fino alla sua morte.

Questi animali non smetteranno mai di sorprenderci, per la fedeltà e l’amore che mostrano nei confronti dell’uomo. La nobiltà dei cani più fedeli della storia appare con forza in questi pochi episodi, appena rivissuti assieme, e speriamo che possano ispirare ed essere da esempio per sempre più persone.