Allattamento negli animali da fattoria: perché è importante

28 febbraio, 2021
L'allattamento negli animali da allevamento è soggetto a condizioni che favoriscono la produzione di latte in grandi quantità, molto più di quanto una madre produrrebbe per i suoi piccoli in natura.

L’allattamento naturale negli animali da allevamento è di doppia importanza sanitaria ed economica per gli allevamenti di bestiame. Una gestione efficace dell’allevamento implica il raggiungimento di un difficile equilibrio legato al periodo di svezzamento. Avanzando o ritardando lo svezzamento aumenta o diminuisce la quantità di latte in vendita e il rischio per la salute degli animali.

L’importanza del colostro per gli animali da fattoria

Le specie ruminanti, per le particolari caratteristiche delle loro placente, nascono praticamente prive di anticorpi nel sangue. I ruminanti appena nati sono particolarmente suscettibili a varie malattie infettive. Per questo motivo dipendono dall’ingestione di colostro materno per il trasferimento passivo dei loro anticorpi.

Il colostro o primo latte materno è il primo vaccino di derivazione naturale per tutti i mammiferi. Il modo più frequente per “vaccinare” i cuccioli di ruminanti è fornire loro il colostro dalla madre o di altre madri via biberon.

Questa pratica ha inoltre il vantaggio di lasciare i piccoli con la madre i primi giorni dopo il parto. In genere, si stima che i ruminanti dovrebbero consumare una quantità di colostro equivalente al 10-12% del loro peso durante le prime ore di vita.

Tutti i benefici del colostro

Oltre agli anticorpi, il colostro è una fonte di nutrienti e altri elementi indispensabili alla crescita che contribuiscono alla maturazione del tratto digerente.

Bisogna infatti sapere che l’intestino tenue di un vitello appena nato è permeabile, cioè “aperto” al passaggio di sostanze. Per questo motivo, il piccolo assorbe le immunoglobuline materne contenute nel colostro.

Sfortunatamente, questa caratteristica dell’intestino dei piccoli è controproducente , poiché significa che il loro organismo può anche assorbire gli agenti patogeni presenti nell’ambiente e che causano malattie.

Pertanto, l’allattamento precoce e in quantità sufficiente a base di colostro è la prima cura che deve essere fornita ai neonati per la loro successiva salute e sopravvivenza. Il colostro è anche ricco di grassi per fornire energia ai giovani.

Allattamento negli animali da fattoria: mucca allatta un vitello.

Il processo di allattamento nelle capre

La durata approssimativa dell’allattamento nelle capre da allevamento è di circa 250 giorni e la produzione di latti per una capra del peso di 40 chili è compresa tra 1 e 2,5 litri al giorno. In ogni caso, la produzione di latte è influenzata da diversi fattori come la razza, l’età e il numero di parti, tra gli altri .

In generale, le capre dovrebbero avere un riposo di 60-70 giorni senza allattare prima di partorire di nuovo. Anche qui, la fase di allattamento materno è fondamentale per il capretto, che più a lungo sarà allattato e più crescerà forte.

Il ciclo di allattamento nelle mucche

La produzione iniziale di latte subito dopo il parto è piuttosto moderata, intorno ai 10 litri. Nelle 2 o 3 settimane successive cresce fino a raggiungere un picco che può raggiungere i 40 litri al giorno .

Da lì diminuisce fino a quando si avvicina una nuova nascita e la produzione di latte si ferma. Il latte viene munto per 240 giorni, mentre la vitella è incinta. Le mammelle vengono lasciate all’asciugatura per 50-60 giorni e ha luogo un altro parto.

Questo periodo di asciugatura si verifica perché la vacca deve recuperare energia prima dell’arrivo di un nuovo vitello, quando viene riavviato un nuovo ciclo. Alcune mucche producono 20.000 litri in una fase di lattazione, nei 9-10 mesi della sua durata, anche se il valore medio si aggira intorno ai 12.000.

Fattore munge una mucca nel secchio.

Svezzamento: la fase più delicata

Lo svezzamento, se non praticato adeguatamente, è una fase ad alto rischio per la sopravvivenza di vitellini e capretti. Ci sono diversi modi per svezzare:

  1. Svezzamento precoce : il piccolo viene separato dalla madre dopo alcune settimane. Questo tipo di svezzamento viene utilizzato negli allevamenti tecnici per ottenere il massimo livello di produzione di latte dagli adulti. Caratteristico nel bestiame intensivo.
  2. Svezzamento normale : il piccolo viene separato dalla madre quando ha superato la prima infanzia. Questo è il metodo più utilizzato negli allevamenti estensivi.
  3. Svezzamento tardivo : il piccolo viene separato dalla madre come accadrebbe in natura. Questo metodo di svezzamento viene utilizzato soprattutto nei centri di selezione genetica dei migliori animali, utilizzati poi per la riproduzione.

Lo svezzamento è una delle fasi più delicate dell’allevamento, poiché i piccoli, senza il latte, sono costretti ad adattarsi ai nuovi alimenti. Durante questo periodo si indeboliscono e diventano più sensibili alle malattie e alle infezioni parassitarie .

Il modo in cui avviene la produzione di latte negli allevamenti è lontano dal processo naturale. Solo 48 ore dopo la nascita e dopo aver consumato il colostro, i vitelli iniziano ad essere nutriti con un siero specifico. Il latte è un alimento ampiamente consumato in tutto il mondo, ma comporta una modifica del ciclo naturale di vita degli animali coinvolti nel suo ottenimento.

  • Torres, R. (2009). Calostro, lactoreemplazantes y piensos de arranque en la dieta del ternero. http://www.produccion-animal.com.ar/informacion_tecnica/destete/82-Calostro.pdf
  • Santana, A. (2018) La lactancia maternal con cabritos mejora el rendimiento de las explotaciones ganaderas. ABC: Canarias https://www.abc.es/espana/canarias/abci-lactancia-maternal-cabritos-mejora-rendimiento-explotaciones-ganaderas-201808080320_noticia.html
  • Martinez, G. M., & Suarez, V. H. (2018). Lechería caprina: producción, manejo, sanidad, calidad de leche. Ediciones INTA.
  • Bentley, J., Castillo Lopez, E., Clark, K., Kononoff, P., Ramirez, H., Robinson, A., (2017). Manejo y cuidado de becerros recién nacido y calostro. Iowa State University Extension and Outreach programs
  • JICA. (2009). Fisiología de la lactación. Agencia de Cooperación internacional del Japón. Disponible en: https://www.jica.go.jp/project/bolivia/3065022E0/04/pdf/4-3-1_09.pdf
  • Guía para el Manejo Sanitario y Reproductivo de las Cabras. FAO. Programa Especial para la Seguridad Alimentaria (Pesa). http://www.fao.org/3/a-as500s.pdf