Allopurinolo per cani: dosaggio ed effetti collaterali

L'allopurinolo per cani è un farmaco che viene somministrato in aggiunta al trattamento della leishmaniosi. Scoprite qui qual è la sua funzione.
Allopurinolo per cani: dosaggio ed effetti collaterali

Ultimo aggiornamento: 12 novembre, 2021

Ci sono molti casi in cui i farmaci adatti all’uso in medicina umana possono essere somministrati anche agli animali. È il caso dell’allopurinolo per cani, un composto che viene utilizzato nel trattamento della leishmaniosi nei cani, e che nell’uomo risulta efficace per ridurre il livello di acido urico nel sangue.

Si stima che il 7% della popolazione canina in Paesi come la Spagna soffra di leishmaniosi. Si tratta di una malattia da cui il cane raramente guarisce del tutto, sebbene possa continuare a vivere senza evidenti segni clinici. Se volete saperne di più sul trattamento di questa malattia, ecco le informazioni di base sull’allopurinolo.

Cos’è l’allopurinolo per cani?

L’allopurinolo è un principio attivo che agisce come un inibitore enzimatico della proteina che converte la xantina in acido urico. Poiché questo composto non elimina il parassita della leishmaniosi, viene utilizzato come trattamento aggiuntivo ai sali di antimonio e alla miltefosina, che sono antiparassitari.

Questo farmaco viene somministrato per via orale e il trattamento inizialmente dura da 6 mesi a 1 anno. Tuttavia, il periodo può essere aumentato a seconda della salute dell’animale, arrivando persino a essere prescritto a vita. A seconda del cane, i diversi farmaci contro la leishmaniosi vengono combinati in modo individualizzato.

Milpro per cani ha molte proprietà.

Allopurinolo per cani con leishmaniosi

La leishmaniosi è una malattia parassitaria causata da un protozoo, Leishmania infantum. Questo parassita entra nel corpo dell’animale attraverso il morso dei flebotomi (di solito Phlebotomo perniciosus e Phlebotomo ariasi). Inoltre, è una zoonosi che si può evitare solo attraverso la prevenzione.

Una volta che il cane è infestato dal parassita, questo si insedia nei tessuti degli organi dell’animale, compromettendone le funzioni man mano che si riproduce. A seconda dello stato di salute del cane, il peggioramento sarà più o meno rapido fino a raggiungere un’insufficienza sistemica che ne provoca la morte.

I sintomi, quindi, dipenderanno dagli organi colpiti dal parassita.

La miltefosina e gli antimoniali sono farmaci leishmanicidi, cioè eliminano il parassita dal corpo. Sfortunatamente, questo patogeno si replica molto rapidamente, quindi a volte il loro utilizzo come antiparassitari non è sufficiente. È qui che entra in gioco l’allopurinolo con il suo effetto leishmanistatico, che blocca la moltiplicazione del parassita.

Dosaggio dell’allopurinolo per cani

L’allopurinolo per cani è commercializzato in 2 formati: 100 e 300 milligrammi per compressa. Sarà il veterinario a decidere l’esatta quantità che il cane dovrà assumere in relazione al suo peso corporeo. Di solito viene somministrato per via orale 2 volte al giorno.

Ricordate che l’allopurinolo, come qualsiasi altro farmaco, non deve essere somministrato senza previa guida del veterinario. Inoltre, non dovete interrompere il trattamento senza la sua approvazione, a prescindere dall’apparente miglioramento della salute del cane.

Effetti collaterali dell’allopurinolo

A causa dell’azione che l’allopurinolo ha sul metabolismo dell’acido urico, possono comparire alterazioni tipiche di questo squilibrio. Nello specifico, sono 2 gli effetti più comuni:

  1. Xantinuria: l’uso cronico di allopurinolo è in grado di provocare un eccessivo accumulo di xantina nel sangue. Quando ciò accade, questo composto finisce per essere eliminato attraverso l’urina.
  2. Urolitiasi: la xantina accumulata può legarsi a resti di materia organica e inorganica nelle urine, cristallizzandosi e formando uroliti o calcoli.

Quando compaiono questi effetti collaterali, i segni clinici più evidenti sono rilevabili dalle urine. Ve li elenchiamo di seguito:

  • Disuria: dolore durante la minzione.
  • Ematuria: presenza di sangue nelle urine.
  • Incontinenza urinaria
  • Ostruzione urinaria: si verifica a causa dell’accumulo di uroliti. Si tratta di un’emergenza veterinaria.
  • Dolore addominale: noterete che il cane ha dolore osservando la posizione della preghiera e la tensione muscolare, principalmente nell’addome.

Alternative all’allopurinolo per i cani

A causa di questi effetti collaterali, la comunità scientifica ha messo in dubbio l’efficacia dell’allopurinolo per i cani. D’altronde oggi è risaputo che alla cura di tutte le leishmaniosi deve essere integrata una dieta specifica che rafforzi il sistema immunitario, lo stato della pelle e controlli la stabilità renale del cane.

Oggi è facile trovare cibo per cani realizzato appositamente per il trattamento della leishmaniosi. La sua assunzione previene la formazione di cristalli di xantina.

Uno dei trattamenti alternativi all’uso dell’allopurinolo è l’Imprumune, un integratore alimentare a base di nucleotidi che rafforza il sistema immunitario dell’animale. Il suo consumo aiuta a rallentare la progressione della leishmaniosi senza effetti collaterali.

Esistono molti tipi di lassativi per cani.

Un sacrificio costante

Il problema principale per alcuni padroni è l’alto costo del trattamento per la leishmaniosi. Questo è il caso sia per i trattamenti tradizionali che per quelli alternativi, anche se almeno questi ultimi dovrebbero scendere di prezzo man mano che si stabilisce la loro efficacia. Prendersi cura di un cane con questa malattia è impegnativo sia emotivamente che finanziariamente.

Infine, è necessario sottolineare che questo articolo ha lo scopo di informare, non di diagnosticare. Come affermato in precedenza, sia la diagnosi che il trattamento della leishmaniosi devono essere eseguiti da un veterinario professionista. In caso contrario, la vita dell’animale ne sarà seriamente compromessa.

Potrebbe interessarti ...
Domande e risposte sulla leishmaniosi
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Domande e risposte sulla leishmaniosi

Oggi andiamo ad affrontare un tema piuttosto serio, fonte di preoccupazione per chi ha in casa un animale domestico, soprattutto il cane.