Animali migratori: quali sono e perché si spostano?

31 gennaio, 2021
Perché gli animali migrano? Come capiscono che devono mettersi in viaggio? Sono domande che da sempre incuriosiscono gli appassionati di animali.

Spesso più volte all’anno, li animali migratori intraprendono un lungo viaggio alla ricerca di nuove risorse. Il loro viaggio affascina da sempre gli osservatori. Dunque, perché lo fanno? Come funziona la migrazione?

La variabilità dello spazio e del clima e la disponibilità di risorse, sono alcune delle motivazioni che spingono questi animali a intraprendere la migrazione. È un viaggio di andata e ritorno pieno di grandi ostacoli, quindi non tutti gli animali riescono a completarlo. Se volete saperne di più su questo affascinante viaggio, continuate a leggere.

Cos’è la migrazione?

La migrazione è un fenomeno biologico di natura istintiva che induce un animale a spostarsi in un certo periodo dell’anno da un habitat all’altro. Spesso questi habitat sono molto distanti tra di loro.

Nonostante ciò, non tutti i movimenti che gli animali fanno sono migrazioni. Questi tipi di eventi sono considerati migrazioni se soddisfano i seguenti requisiti:

  • Sono movimenti di una certa portata e durata. Possono durare mesi.
  • C’è un netto contrasto tra gli habitat di destinazione.
  • Sono prodotti da un orologio biologico interno che viene guidato e regolato da stimoli esterni.
  • Spesso è uno spostamento di massa. Non è un movimento individuale, dato che gli animali migrano in grandi gruppi, tutti o gran parte della popolazione.
  • I movimenti migratori si sviluppano come risposta a diverse pressioni ecologiche.
  • Quando nell’ambiente c’è una periodicità nella comparsa di cibo. Inoltre, quando l’habitat di destinazione viene utilizzato per alcune funzioni particolari, come le aree di riproduzione e di crescita.

L’obiettivo della migrazione è quello di ottenere risorse migliori o di evitare condizioni ambientali avverse. La scarsità di risorse nel sito in cui si trova, costringe l’animale a spostarsi alla ricerca di aree di alimentazione migliori. Ciò può essere influenzato anche dai cambiamenti dell’ambiente.

In generale, gli animali migrano in autunno verso luoghi caldi e ritornano in primavera. Inoltre, per poter essere guidati da un luogo all’altro, devono avere determinati meccanismi di navigazione interconnessi nel loro codice genetico.

Animali che migrano ogni anno

Ci sono molti esempi di animali che migrano ogni anno e sono tutti affascinanti. Questi esseri viventi devono affrontare grandi pericoli, ma i sacrifici che implica il viaggio vengono compensati dai nuovi habitat e dalle risorse che ottengono a destinazione. Vi mostriamo alcuni casi speciali.

I coraggiosi gnu del Serengeti tra gli animali migratori

La maggior parte degli gnu vive nel Parco Nazionale del Serengeti e durante i mesi da novembre ad aprile si nutrono nella zona meridionale, dove ci sono pascoli molto ricchi. Approfittano di queste zone per riprodursi, poiché le madri e i giovani si nutrono di questi pascoli molto nutrienti fino a quando il cibo diventa scarso.

Quando i piccoli hanno tre o quattro settimane di vita, il gruppo inizia a muoversi verso nord e attraversa terre aride e pericolose. Il viaggio è lungo e pieno di minacce, perché appena oltre il confine con la Tanzania e il Kenya c’è il fiume Mara, dove li aspettano predatori come i coccodrilli.

Il tasso di mortalità dei giovani è enorme, con un sopravvissuto su sei. Durante la migrazione possono morire fino a 6.000 gnu. Finalmente, raggiungono la loro destinazione tra luglio e ottobre.

Gli adulti hanno una memoria visiva e sanno dove dirigersi. Due o tre maschi adulti guidano il gruppo, alla ricerca delle zone più umide. Questi “leader” usano come meccanismi di navigazione il sole, alcuni riferimenti visivi e olfattivi e l’apprendimento sociale.

Migrazione degli gnu.

La lunga migrazione delle balene tra gli animali migratori

Le balene migrano alla ricerca di zone di riproduzione. Con l’avvicinarsi dell’estate, si spostano per migliaia di chilometri in luoghi dove c’è un’esplosione di fitoplancton. A causa di una grande esposizione di luce, aumenta la quantità di krill marino, il principale cibo per le balene e altri predatori.

Per orientarsi, le balene utilizzano il campo magnetico terrestre. Inoltre, come riferimento visivo possono avere la linea di costa. Tuttavia, normalmente si mantengono ad una certa distanza da essa. Ciononostante, si ritiene che i delfini e le balene arenate che compaiono ogni anno sulle coste, muoiano a causa dei cambiamenti del campo magnetico.

Questo fa sì che, invece di nuotare verso l’oceano, in molte occasioni questi sfortunati animali lo facciano verso la spiaggia. Il campo magnetico può variare per un certo periodo e fino a quando gli animali non lo apprendono, non sono in grado di orientarsi correttamente.

Le balene sono animali migratori.

Le rotte migratorie degli uccelli

Come una mappa aerea, gli uccelli migratori hanno rotte disegnate in tutto il mondo. Le principali rotte di volo sono le seguenti:

  • Itinerario paleartico-africano: uno dei più sorprendenti. Si può osservare dallo Stretto di Gibilterra, mentre gli animali migratori si fermano nella penisola iberica per riposare prima di raggiungere l’Africa.
  • Dal Nordest asiatico al Sudest asiatico.
  • Dall’America del Nord fino al Sudamerica. 
Uccelli migratori.

Come abbiamo visto in queste righe, il fenomeno migratorio è una vera e propria odissea, poiché gli animali che migrano spendono ogni anno un’enorme quantità di energia nel tragitto. È un comportamento istintivo, anche se ha la sua parte di apprendimento, e si perpetua generazione dopo generazione.

 

  • National Geographic. Grandes Migraciones.
  • Drickamer, L.C, Vessey, S.H. y Jacobs, E.M. “Animal Behavior: Mechanism, Ecology, Evolution”, Ed.Mc Graw Hill (2002).
  • Breed, M.D and Moore,J. “Animal Behavior” Editorial Academic Press, Elsevier (2011).