Antistaminici per gatti: dosaggio ed effetti collaterali

Gli antistaminici per gatti aiutano a controllare diverse condizioni allergiche, come prurito e asma, ma devono essere prescritti da un veterinario. Non dare mai al tuo animale domestico un farmaco per uso umano.
Antistaminici per gatti: dosaggio ed effetti collaterali

Ultimo aggiornamento: 23 giugno, 2021

Coloro che soffrono di allergie hanno familiarità con i farmaci antistaminici. Per questo motivo, è facile pensare che la soluzione ad una reazione allergica nei propri felini sia quella di fornire loro una dose di antistaminici per gatti. Tuttavia, non è mai una buona idea auto-medicare gli animali domestici, ma è sempre necessario un parere professionale.

Ad esempio, nel caso in cui le persone manifestano sintomi di allergia, è opportuno effettuare dei test che consentano di stabilirne l’origine precisa. E’ piuttosto comune eseguire valutazioni della pelle, che consistono nell’estrazione di piccoli campioni di estratti di allergeni purificati per identificare il tipo di reazione.

Inoltre, vengono eseguiti esami del sangue per identificare la presenza di anticorpi specifici e indicare il grado di sensibilità a un determinato allergene. Nel caso dei gatti, il veterinario dovrà anche tracciare un percorso diagnostico che includa test per definire il tipo di trattamento, che può includere o meno antistaminici.

A cosa servono gli antistaminici per gatti?

Come indicato dalla Mayo Clinic, gli antistaminici fanno parte del trattamento farmacologico per l’allergia agli animali domestici negli esseri umani. Si tratta di farmaci che aiutano ad alleviare i sintomi che scatenano le allergie, tra cui starnuti, lacrimazione, congestione nasale, tosse, pressione facciale e secrezione di muco.

Un manuale di farmacologia veterinaria dell‘Università Nazionale di Agraria del Nicaragua spiega che, in caso di allergia, il corpo rilascia istamina, una sostanza che provoca sintomi come prurito allergico, tosse, starnuti, naso e occhi che colano, vomito o diarrea; gli antistaminici ne bloccano l’azione e favoriscono il benessere del paziente.

L’uso di antistaminici è comune anche nel controllo del prurito allergico in cani e gatti. Si ritiene che uno dei motivi per cui gli antistaminici di prima generazione sono in grado di ridurre tale prurito sia la loro azione sedativa. Nel caso specifico dei gatti, questo stesso studio indica che la Clorfeniramina è efficace nell’80% dei casi.

Oltre a controllare il prurito allergico, questi farmaci vengono somministrati anche per gestire l’asma felino, anche se non sono gli unici ad essere usati per combattere le allergie. Per una maggiore efficacia, vengono solitamente combinati con altri composti e misure di controllo a casa, una volta identificata l’origine dell’allergia.

Un gatto odora le pillole.

Dosaggio degli antistaminici per gatti

Il tipo di antistaminico da somministrare al gatto in caso di allergia deve essere prescritto da un veterinario, così come la dose, il periodo di somministrazione ed il tempo totale del trattamento. Va inoltre tenuto presente che ogni singolo caso viene trattato in modo diverso.

Per questo stesso motivo bisogna fare attenzione alla marca di antistaminico da somministrare, che idealmente deve essere la stessa prescritta dal veterinario, poiché le dosi potrebbero non coincidere.

Secondo il MSD Veterinary Manual, le dosi di antistaminici più comuni raccomandate per i gatti sono:

  • Idrossizina: da 0,5 a 2 milligrammi per ogni chilo di peso.
  • Ciproeptadina: da 0,25 a 0,5 milligrammi per ogni chilogrammo di peso 3 volte al giorno, o una dose singola di 1,1 milligrammi per ogni chilogrammo di peso.
  • Clorfeniramina: da 2 a 4 milligrammi 2 volte al giorno.
  • Difenidramina: da 2 a 4 milligrammi per ogni chilogrammo di peso.

Marche di antistaminici per gatti

Le case farmaceutiche forniscono diverse marche di antistaminici per gatti, che variano nel principio attivo e nella sua concentrazione. Per questo è così importante fornire la marca indicata dal veterinario. In questa sede approfondiamo 4 dei tipi più comuni di antistaminici del mondo felino.

Idrossizina

E’ un antistaminico di prima generazione che viene solitamente prescritto per gestire la dermatite allergica ed altri tipi di condizioni che richiedono un’azione antistaminica. Nella maggior parte dei casi, questo farmaco risolve il problema senza la necessità di combinarlo con altri.

Ciproeptadina

Viene utilizzato per trattare il prurito e l’infiammazione provocati da allergia, avvelenamento, asma e sindrome serotoninergica. E’ utile anche per stimolare l’appetito nei gatti malati e stressati: l’obiettivo è evitare che l’animale sviluppi altri tipi di malattie legate alla mancanza di nutrizione.

Clorfeniramina

È uno degli antistaminici più comuni. È di prima generazione e si distingue per i pochi effetti collaterali che provoca. È usato per trattare diverse manifestazioni allergiche, tra cui il prurito.

Difenidramina

Questo antistaminico non viene utilizzato solo per gatti, ma è indicato anche per i cani ed altri animali, come furetti e bovini. La sua principale utilità è quella di controllare le allergie di diversa origine. Viene somministrato per via orale sotto forma di compresse, capsule o liquido, e per iniezione.

Sebbene condividano un nome con gli stessi antistaminici per uso umano, è importante ribadire che non dovrebbero essere somministrati agli animali domestici. Prima di usare qualsiasi antistaminico sugli animali, parlane con il tuo veterinario.

Controindicazioni degli antistaminici per gatti

Somministrare gli antistaminici ai gatti senza consiglio del veterinario è pericoloso, soprattutto se non si conosce lo stato completo dell’animale. Come tutti i farmaci, anche questi hanno delle controindicazioni che bisogna conoscere.

Uno di questi – il più importante – ha a che fare con le gatte in gravidanza, in cui gli antistaminici sono controproducenti, poiché possono causare malformazioni fetali. Sono inoltre controindicati nei gatti con glaucoma, epilessia o in quelli che stanno seguendo altri trattamenti farmacologici.

Le schede tecniche specificano che questo tipo di farmaco non deve essere somministrato a gatti con ipersensibilità al principio attivo o ad uno dei suoi eccipienti. Ciò potrebbe portare infatti reazioni allergiche oppure uno shock anafilattico mortale.

Effetti collaterali

Diversi studi affermano che gli effetti collaterali degli antistaminici sono correlati al sovradosaggio. Tra le possibili cattive conseguenze troviamo:

  • Lentezza.
  • Sonnolenza.
  • Disorientamento.
  • Sedazione o eccitazione.

Nei casi in cui si verifica un sovradosaggio, sono evidenti sintomi come atassia, atetosi e convulsioni, con pupille fisse e mediatiche. Data la comparsa di questi segni clinici, l’intervento veterinario è urgente.

La depressione nei gatti può essere trattata con i farmaci.

Esistono antistaminici naturali?

Esistono in natura alcune piante con proprietà antistaminiche che, come i farmaci che consumano gli esseri umani, non sono adatte agli animali domestici. Alcuni possono addirittura rivelarsi controproducenti, oltre al fatto che questo tipo di trattamento non fornisce soluzioni ed implica l’integrazione di medicinali.

D’altra parte, va ricordato che le allergie di solito non vengono curate, né nell’uomo né negli animali domestici. I farmaci mantengono semplicemente sotto controllo i sintomi.

Potrebbe interessarti ...
Le allergie nei gatti
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Le allergie nei gatti

Le allergie non sono altro che reazioni sbagliate del sistema immunitario di fronte a un corpo o a una sostanza esterna. I gatti sono allergici a v...



  • ANTIHISTAMÍNICO SYVA. Ficha técnica del Departamento de Medicamentos veterinarios.
  • Antihistamine Dosages. MSD Manual Veterinary Manual.
  • Gómez, N., & Pisano, P., & Castillo, V., & Fontanals, A. (2012). Asma felino: fisiopatología, diagnóstico y tratamiento. InVet, 14(2),191-207.[fecha de Consulta 16 de Junio de 2021]. ISSN: 1514-6634. Disponible en: https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=179130001008
  • Manzuc, Pablo (2008). Diagnóstico y Manejo a largo plazo del prurito. REDVET. Revista Electrónica de Veterinaria, IX(12), .[fecha de Consulta 16 de Junio de 2021]. ISSN: . Disponible en: https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=63617117005
  • Farmacología veterinaria I. Universidad Nacional Agraria.
  • Alergia a las mascotas. Mayo Clinic.
  • Lizárraga, I., Sumano, H. Farmacología clínica de los antihistamínicos en medicina veterinaria. Vet. ´Méx. 29 (4) 1998.