Secondo uno studio i bambini che hanno un animale sono più felici

6 Maggio 2016

Quasi tutti da bambini abbiamo chiesto ai nostri genitori un animale in regalo, forse pensandoci bene anche voi. Desiderare un animale è come voler allargare la propria famiglia, sentire il bisogno di qualcuno che ci conforti quando siamo tristi e di un amico che ci dia affetto e lealtà.

Ebbene, uno studio ha rivelato anche che quando i genitori regalano al proprio figlio un animale domestico, contribuiscono a renderlo più felice e ad accrescere la sua autostima, favorendo inoltre il calo della sua sedentarietà e dei livelli di stress.

Uno studio rivela che i bambini che hanno un animale sono più felici

fratelli-con-gatto-cane

Una piattaforma online, leader nel mercato del design di interni, ha realizzato uno studio denominato “Gli animali domestici e la casa”, che ha coinvolto all’incirca 11o.000 persone.

L’82% degli intervistati ha dichiarato che uno dei più grandi vantaggi dell’avere in casa un animale, è che esso porta la felicità, specialmente nel caso dei bambini. Durante l’intervista sono stati anche citati casi di bambini con un ritardo o bambini solitari, il cui difficile carattere è radicalmente cambiato dopo aver ricevuto un animale.

Perché i bambini che hanno un animale sono più felici?

La risposta a questa domanda è semplice: basta pensare ai comportamenti che ci fanno stare bene da parte di chi ci circonda. Allo stesso modo, gli animali domestici hanno molto da offrirci; sono capaci di migliorare il nostro modo di porci e di accrescere la nostra felicità.

  • La soddisfazione del prendersi cura di qualcuno. Normalmente i bambini fanno un certo sforzo ad accettare delle responsabilità, eppure quelli che crescono al fianco di un animale sono più felici, giacché imparano a prendersene cura, sperimentando il senso di soddisfazione che deriva da un lavoro ben fatto. Si entusiasmano persino nel vederli mangiare il cibo che loro stessi gli hanno versato nella ciotola! Un motivo per sorridere.

 “Non c’è di meglio per l’uomo che mangiar e bere e ricrearsi nella sua fatica”

-Salomone, Re d’Israele dinanzi a Cristo-

  • Sapere che ci sarà sempre qualcuno contento di vederli. Per i bambini, è un piacere arrivare a casa sapendo che c’è un animale che li aspetta ed è ansioso di rivederli. Sapere che la nostra presenza fa felici gli altri ci rende felici; immaginate quanto ciò possa essere vero per chi non è ancora mai stato deluso da nessuno.
  • Avere un incentivo per prendere una boccata d’aria. L’aria fresca e la luce del sole, come è stato provato, rallegrano la vita e fanno bene alla pelle. Infatti, i paesi dove la luce del sole è scarsa sono quelli con il più alto tasso di suicidi. I bambini che crescono con un animale sono più felici, poiché saranno obbligato a uscire a passeggiare, occasione per prendere un po’ d’aria e di sole.
  • Avere una spalla su cui piangere. Gli animali sono in grado di mostrare empatia. I bambini piangono facilmente sentendosi spesso incompresi, ma un animale sarà sempre lì per loro. Non importano le cause, l’animale non farà domande. Si lascerà abbracciare e mostrerà loro il suo amore, facendoli felici.
  • Sapere che qualcuno vuole stare con loro. Chi possiede un animale sa quanto sia bello sentirlo arrivare al proprio fianco senza averlo chiamato. Si tratta del loro modo di dirci che gli fa piacere la nostra compagnia e che ci ama. Quale bambino non ne sarebbe felice?

Insegnate ai vostri figli come comportarsi con gli animali

neonato-gatto

A prescindere dai benefici che i bambini possano ottenere dagli animali, è fondamentale insegnar loro che un animale non è un giocattolo né un pupazzo usa e getta, a disposizione di chi lo vuole e quando lo vuole. Prima ancora che l’animale arrivi in casa, i bambini devono apprendere che si tratta di un essere dotato di sentimenti, che in alcune occasioni si stuferà di giocare, e che in altre preferirà restare solo.

Ma soprattutto, che bisognerà farsi carico di tutte le responsabilità del caso: dargli da mangiare, riempire la sua ciotola con acqua fresca, lavarlo, portarlo a passeggio due o tre volte al giorno.

Se riuscirete a far sì che i vostri figli entrino in quest’ottica dei doveri, non li renderete soltanto felici perché hanno un animale, ma spianerete loro la strada per diventare adulti generosi e responsabili, pronti a preoccuparsi per i bisogni degli altri.