Come fare le coccole ad un gatto?

22 agosto 2017

Anche se fare le coccole ad un gatto sembra una cosa semplice e banale, non è sempre così. Infatti, dovete sempre stare attenti a come date e dimostrate il vostro affetto. Potreste osservare reazioni improvvise, anche violente, con morsi e graffi, se non si rispetta in modo corretto l’animale. Ecco allora una serie di consigli per aiutarvi a coccolare il vostro amico a quattro zampe in modo giusto.

Un esempio è quando lo si accarezza con troppa forza o troppo rapidamente. Il gatto reagisce in modo nervoso, stabilendo di conseguenza una pessima relazione.

Accarezzare con dolcezza il gatto

fare-bene-le-coccole-al-gatto

Per prima cosa, ricordate di essere dolci nell’accarezzare il gatto. Lasciate che l’animale vi annusi la mano per avere la tranquillità che le vostre intenzioni non sono affatto violente. Aspettate una reazione positiva.

Se si avvicina alla vostra mano, l’annusa e si strofina contro di essa, potrete procedere. Un ottimo segnale: il gatto è ben disposto a ricevere le vostre carezze. Una volta conquistata la sua fiducia, accarezzerete la testa dell’animale con i polpastrelli delle dita.

Concentratevi soprattutto nella zona situata subito dietro le orecchie. Dolcemente, con calma, passerete al resto del corpo. Trattandosi di una zona molto sensibile, dopo aver verificato che vi è permesso accarezzarla, potrete andare avanti senza il pericolo di far innervosire il vostro micio.

Potrete passare il palmo della mano dal collo fino alla coda del gatto, però mai in senso contrario. Attenzione a non esercitare troppa pressione sul corpo, mantenete un tocco soave e delicato.

Cose da evitare quando accarezzate il gatto

Prima di tutto, evitate di afferrare la coda al vostro gatto o di cercare di accarezzarlo con forza, a tutti i costi, sul costato. Iniziate sempre dolcemente e attendete un segnale.

Se la vostra dimostrazione di affetto è benvenuta, l’animale si muoverà d’accordo con le vostro mani, cercandole. Non dovete in nessun modo imporre con la forza le vostre carezze.

Per esempio, se il gatto muove le orecchie all’indietro, è possibile che non si senta a suo agio o semplicemente non è il momento giusto per accarezzarlo. Anche lui, come voi, ha un carattere, una personalità e un umore che può cambiare.

A volte è direttamente l’animale a cercarvi, avvicinandosi o muovendosi verso i vostri piedi o il vostro grembo. Attenzione ad interpretare con pazienza i suoi comportamenti: può darsi che stia cercando solo calore umano e non abbia voglia di essere toccato.

Bisogna sempre dosare la forza e assicurarsi che il gatto gradisca tali effusioni. Ogni gesto contribuisce a migliorare e fortificare la vostra relazione con lui.

Accarezzare il ventre

Al contrario di quanto si pensi, non è certamente la migliore pratica. Quando i gatti si rilassano, di solito si stendono e girano su una spalla, mostrando il ventre in alto. Non sempre, però, è un segnale che invita ad accarezzare questa parte, delicata e quasi intima.

Il vostro gatto mostrerà sempre un atteggiamento di difesa, se cercate di accarezzargli il pancino. E’ un istinto naturale che lo spinge a proteggersi da attacchi in quella che è la sua zona più debole. Una differenza enorme con i cani, che adorano questo tipo di coccole, essendo più fiduciosi, in questo aspetto.

Per i felini, la pancia è la zona più vulnerabile e quindi possono reagire con piccoli morsi e graffi se cercate di toccare loro il ventre in modo violento o nervoso.

Se il gatto fa le fusa

Se ascoltate il vostro gatto fare le fusa, significa che sta cercando di attirare la vostra attenzione. Gli esperti raccomandano sempre di ascoltare il gatto per poter fargli le coccole secondo la sua volontà. Non siate egoisti solo perché non può difendersi: appena fa le fusa, ecco, è il momento perfetto per dargli quanto più affetto possibile.

E’ come se vi desse il suo permesso, esplicitamente. Questo rumore, tipico dei felini, è semplicemente un indicatore di felicità. Le fusa emesse in modo soave denotano che il vostro gatto è contento e anche rilassato, felice.

Allo stesso modo, fate attenzione se il rumore e l’intensità della fuse diventa troppo eccessivo. Può diventare qualcosa di fastidioso e occorre procedere con cautela e non esagerare.

Accarezzare le zampe del gatto, con dolcezza

coccolare-bene-il-gatto

E’ sconsigliabile giocare con le zampe del gatto, a meno che non lo conosciate davvero bene. Per farlo, senza essere graffiati, occorre seguire dei semplici accorgimenti. Inizierete accarezzando il gatto per farlo rilassare. Poi scenderete fino alle zampette anteriori, però utilizzando solamente un dito e senza esercitare troppa pressione.

Anche se ai gatti non piacciano questo tipo di coccole, possiamo abituarli, con dolcezza. Realizzate movimenti ripetitivi per comunicargli che non avete cattive intenzioni. Procedete lentamente passando dalla parte superiore alla base della zampetta, tra tallone e cuscinetti. Qui, l’animale è maggiormente sensibile e potrete accarezzarlo senza problemi.

Per accarezzare il vostro gatto in modo corretto, tenete presente sempre queste due parole: dolcezza e pazienza.

Guarda anche