Un concorso che premia la bruttezza degli animali

Un concorso che premia la bruttezza degli animali

Ultimo aggiornamento: 13 ottobre, 2017

Per alcuni, non esistono cani brutti. Agli occhi dei loro padroni sono tutti belli o, quanto meno, sono teneri e ci strappano sempre un sorriso. A quanto pare, però, chi si è occupato di questo concorso non la pensa allo stesso modo. Anche se può sembrare un po’ crudele, da anni in California viene condotto un concorso che premia la bruttezza degli animali domestici 

Premiare la bruttezza degli animali domestici

La maggior parte dei concorsi che vedono come partecipanti gli animali si basa sulla bellezza o sulla destrezza dei concorrenti. In un mondo nel quale importa soprattutto l’aspetto fisico, attira senz’altro l’attenzione un concorso nel quale i vincitori sono i cani più “brutti”.

Proprio così. Questo evento, che ha alle spalle già diverse edizioni, sceglie tutti gli anni i cani che non possono essere considerati “carini”. Il premio per il vincitore corrisponde a 1500$, oltre ad un trofeo, un servizio fotografico da parte di un professionista e una lussuosa cena per l’animale e la sua famiglia.

La 29° edizione del concorso che premia la bruttezza degli animali domestici ha avuto luogo nella città di Petaluma, California (Stati Uniti), e vi hanno partecipato 14 animali.

Questo concorso non ha l’intento di prendersi gioco degli animali, bensì di sensibilizzare sull’adozione senza dare peso alle caratteristiche fisiche dell’animale. I rappresentanti dell’evento affermano che questi animali sono esseri meravigliosi e dolci compagni nonostante il loro aspetto fisico.

L’amministratore delegato del concorso, Erin Post, ha dichiarato che gli organizzatori sono molto orgogliosi di poter omaggiare questi cani che, nonostante le loro imperfezioni, sono dolci, adorabili e senz’altro da adottare. Ideali per qualsiasi famiglia 

L’obiettivo del concorso, è evidente, non è sottolineare la bruttezza di questi animali, ma mostrare alla gente che è importante salvare i cani randagi o adottare quelli che non sono di razza.

Con questo concorso non si vogliono deridere gli animali per la loro bruttezza, ma fomentare l’adozione dei cani randagi  

Martha, la vincitrice del concorso

Quest’anno la vincitrice è stata un mastino napoletano di 3 anni di nome Martha, oriunda della città di Sebastopol, California. La sua storia merita senz’altro di essere raccontata. È stata salvata da un rifugio dopo che la negligenza dei suoi padroni le è costata la vista.

Dopo essere stata sottomessa a diversi interventi chirurgici, adesso Martha è felice con la sua nuova famiglia, per di più è la splendida vincitrice di questo concorso. È stata iscritta alla gara dalla sua padrona, Jessica Burkard, e a noi sembra una cagnolina davvero bella. E non è tutto, poiché parteciperà ad un programma mattutino molto famoso negli Stati Uniti: The Today Show, che viene registrato a New York.

Il secondo posto è andato ad un cagnolino di razza Griffone di Bruxelles di nome Moe. Questo “vecchietto” è cieco e sordo e tiene sempre la lingua fuori. Tuttavia, non ha perso l’olfatto e riconosce il cibo a chilometri di distanza, ha detto orgogliosa la sua padrona.

Il vincitore dell’anno scorso: Sweepee Rambo

L’edizione anteriore di questo concorso è stata vinta da un cane, un incrocio tra un chihuahua e un Chinese Crested Dog, di nome Sweepee Rambo. A 17 anni, cieco, con diversi peli bianchi in fronte e la lingua sempre fuori, è stato incoronato e si è goduto le carezze di tutti i presenti. Il suo padrone, il quarantaquattrenne Jason Wurtz, ha dichiarato che avrebbe usato i soldi del premio per pagare l’estirpazione di un tumore nelle gengive.

Questo piccoletto che porta il pannolino a causa delle sue condizioni fisiche, ha conquistato il cuore della famiglia che lo ha accolto.

Fonte delle immagini: www.infobae.com

Potrebbe interessarti ...
Maglioni per cani neri in cerca di casa
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Maglioni per cani neri in cerca di casa

I cani neri hanno più difficoltà ad essere adottati. Per questa ragione, un gruppo di volontarie scozzesi ha avuto una brillante idea.