Consigli per avere un gatto più socievole

· 10 marzo 2017

Fin da piccoli i nostri gatti dovrebbero abituarsi a relazionarsi normalmente con altri della loro specie o con le persone. Se ciò non è stato possibile, far diventare il gatto più socievole in età adulta sarà un compito molto difficile e che richiederà molta pazienza.

Se il nostro gatto è molto indipendente e non ama socializzare, non dobbiamo pensare che sia impossibile riuscire a farlo integrare con gli umani o tra altri della sua specie.

Tra i segnali che ci fanno capire che abbiamo a che fare con un animale poco socievole, ricordiamo i seguenti: cercano riparo dopo che li sgridiamo, quando li solleviamo o li prendiamo in braccio in genere non sono a loro agio e vogliono essere lasciati subito in pace sul pavimento.

Scarsa socializzazione

Questo tipo di comportamento in genere è la conseguenza di una scarsa socializzazione in tenera età, però può anche essere causato da cattive abitudini, per esempio carezze brusche o eccessive.

Dobbiamo tenere conto che i gatti non sono come i cani. Cioè, non sopportano i giochi o le carezze brusche.

Un gatto selvatico e affettuoso

Gli esperti assicurano che è quasi impossibile trasformare un gatto selvatico in un animale super affettuoso, perché i felini allevati senza compagnia umana durate le prime settimane di vita non accetteranno mai del tutto di avere un padrone. Questi cuccioli accetteranno le carezze solo in modo fugace. Per questo è importante farli socializzare quanto prima.

Un altro aspetto importante è quello genetico. C’è anche una dose di predisposizione genetica nel loro temperamento affettivo, per questo alcuni gatti sono indipendenti per natura o anche asociali, nonostante siano stati allevati in casa.

Come far diventare il gatto più socievole?

Bisognerà iniziare mettendo in pratica una serie di abitudini, in modo che il vostro gatto sia più affettuoso con voi e più socievole in generale. Per esempio, dategli da mangiare spesso e in piccole quantità. Con questo sistema, non lasceremo che abbia il cibo a sua disposizione. Lo spingeremo a capire che la sua alimentazione dipende dalla nostra volontà.

Parlargli e accarezzarlo con frequenza migliorerà la relazione che abbiamo con lui e lo renderà un gatto più socievole. Lo accompagneremo nei suoi angoli preferiti invitandolo a giocare. Il gioco per loro è il modo ideale per creare legami affettivi.

Sarebbe bene non invadere il suo territorio, né forzare carezze o coccole. Lasciate che sia lui ad avvicinarsi tramite il gioco e i premi. Agite sempre con molta pazienza e affetto, per trasformare gradualmente il suo comportamento.

Un ambiente sicuro

Per fare in modo che il nostro amico diventi più socievole, la prima cosa è assicurarsi che si senta sicuro nell’ambiente in cui vive. Per questo, oltre a fornirgli tutte le cure di base riguardanti cibo, pulizia, ecc. dobbiamo offrirgli la giusta dose di affetto, in modo che si fidi di noi.

Tuttavia, è anche vero che ogni gatto ha necessità particolari.

Un gatto socievole con gli ospiti

Al momento di ricevere visite in casa, non dobbiamo obbligare il nostro gatto ad essere socievole. Esistono gatti vinti dalla curiosità e che si avvicinano ad annusare. Tuttavia, di norma la prima reazione del gatto è quella di ritirarsi, soprattutto se gli invitati sono bambini rumorosi e vivaci.

Non dimentichiamo che i gatti hanno un udito cinque volte più acuto del nostro. Un solo grido o un dialogo ad alta voce possono essere una tortura per loro, e non è strano che si nascondano.

Dopo un po’ di tempo dall’arrivo dei visitatori, andremo a cercare il gatto e, tenendolo in braccio, lo avvicineremo alle persone a lui sconosciute. Gli permetteremo di odorare gli ospiti e, dopo aver chiuso la stanza per impedirgli di uscire, lo lasceremo per terra.

La sua prima reazione sarà quella di andare a mettersi in un angolo. Poco a poco uscirà dal suo riparo per avvicinarsi a tutte le persone nella stanza.

Andare a passeggio con un gatto socievole

Se vogliamo, e se il nostro gatto è ancora piccolo, possiamo fare un passo in più e cercare di portarlo a passeggio. Tenete però sempre in considerazione che questi animali possono essere del tutto felici anche senza uscire di casa.