Cosa provoca la flatulenza nei cani?

La flatulenza nei cani può essere considerata un fastidio di poca importanza, ma talvolta è causa di problemi più seri. I sintomi sono simili ai nostri: malessere intestinale e odori sgradevoli.

Di solito l’eccesso di aria nello stomaco e nell’intestino rappresenta solo un disagio per il cane. Gli esperti assicurano che il gas viene eliminato attraverso la bocca e l’ano; a volte l’addome diventa duro, accompagnato da coliche dolorose; nei casi più gravi la presenza di gas può provocare una torsione gastrica letale per l’animale.

Qual è la causa della flatulenza nel cane?

Nella maggior parte dei casi, l’origine del gas intestinale è da attribuire alla dieta, ad alcune malattie o allo stile di vita che l’animale conduce.

Alcuni alimenti provocano una digestione lenta e pesante; la loro lunga permanenza nell’intestino causa la formazione di aria. Tra questi ricordiamo specialmente i legumi, ma anche i carboidrati e gli alimenti ricchi di fibra.

A volte i cani, proprio come noi, hanno la tendenza a mangiare troppo velocemente; inghiottendo molta aria, stimolano la produzione di gas nell’apparato digerente. Il problema è più comune nei cuccioli e nei cani a muso schiacciato. Ad esempio, la razza bulldog non ha un buon morso, non mastica molto il cibo e tende a soffrire di flatulenza.

Le patologie cardiache o polmonari sono fattori spesso collegati alla flatulenza. 

Oltre a questo, influisce lo stile di vita dell’animale, soprattutto se si tratta di cani anziani. Per questo motivo l’attività fisica non può che far bene, anche se non deve essere praticata subito prima o dopo aver mangiato.

Come prevenire la flatulenza nel cane?

La formazione di aria nella pancia si può prevenire. Un controllo della dieta è essenziale. Il cane con un’intolleranza alimentare soffre più facilmente di questo disturbo. È quindi ancora più importante somministrargli un pasto di alta qualità, che lo aiuti nella digestione.

Il cibo denominato “premium” ha una qualità dimostrata ed è ad alta digeribilità. Per i cani che mangiano con troppa voracità, come i cuccioli, possono essere di grande utilità le ciotole dotate di ostacoli o restringimenti. La speciale forma di questi recipienti impedisce al cane di ingerire troppo cibo in una sola volta.

Per quanto riguarda i cani a muso schiacciato o brachicefali, sono disponibili sul mercato alimenti speciali. Si tratta in genere di crocchette con una dimensione e forma specifica, che li costringe a masticare più a lungo, prevenendo la deglutizione dell’aria.

Se il cane soffre di parassiti intestinali, problemi respiratori, disturbi epatici e altre patologie che comportano la formazione di gas, è necessario chiedere al veterinario un trattamento specifico per limitare la flatulenza.

Sintomi della flatulenza

I sintomi del meteorismo variano a seconda della gravità del caso. Oltre all’emissione di gas dalla bocca e dall’ano, il cane può andare incontro a perdita di peso, vomito o diarrea.

Nei casi più gravi, il cane può soffrire di coliche, dolore e durezza dell’addome, oltre a distensione dello stomaco e timpanismo, sintomi che possono condurre il cane alla morte.

In genere il cane che soffre di eccessiva flatulenza è apatico, inappetente e depresso. Nel caso di dolore o coliche, appoggerà la pancia al pavimento per cercare un po’ di sollievo e di fresco. A volte assume una curiosa postura, chiamata “di preghiera maomettana” che consiste nello stendere le zampe anteriori al pavimento mantenendo la parte posteriore sollevata.

Alcuni consigli

  • Non somministrate al vostro cane alimenti difficili da digerire. Tra questi troviamo i broccoli, i piselli, i fagioli e i latticini.
  • Come abbiamo detto, se il cane tende a soffrire di flatulenza, procurategli cibo di alta qualità. Costa di più, ma contiene una maggiore quantità di ingredienti digeribili.
  • Attenzione agli avanzi. Alcuni cibi che mangiamo noi sono adatti anche per il nostro cane; alcuni, però, come i prodotti molto lavorati e gli snack zuccherati, possono sostare nello stomaco e causare gas.
  • Il cibo più liquido obbliga il nostro amico ad inghiottire lentamente.
  • Due pasti al giorno sono l’ideale.