Cosa sono gli animali saprofagi?

Gli animali saprofagi sono quelli che trattano la materia organica morta, in modo che altri esseri microscopici possano integrarla in diverse fasi dei cicli biogeochimici degli ecosistemi.
Cosa sono gli animali saprofagi?

Ultimo aggiornamento: 27 giugno, 2021

Ci sono circa 8,7 milioni di specie di esseri viventi sull’intero pianeta Terra. Ciò significa che abbiamo ancora l’86% dei taxa viventi da descrivere nell’ambiente terrestre, una cifra che sale al 91% nell’ambiente acquatico. Quello che oggi ci è chiaro è che ogni membro di un ecosistema è essenziale: dagli animali saprofagi ai super-predatori, ogni essere vivente svolge un compito. Ma cosa sono gli animali saprofagi?

Come ha sottolineato ai suoi tempi Antoine Lavoisier, “l’energia non si crea né si distrugge, si trasforma solo”. Questo vale per gli esperimenti di fisica e chimica, ma anche per le catene alimentari negli ecosistemi naturali. Ogni essere vivente che muore viene reintegrato nel ciclo della materia organica, perché in natura nulla va sprecato. Scopri con noi quale ruolo hanno gli animali saprofagi in tutto questo.

Cosa sono gli animali saprofagi?

La decomposizione è un processo che avviene in qualsiasi ambiente in cui sia presente materia vivente. In queste reazioni, i tessuti organici vengono trasformati in composti più semplici, come anidride carbonica, acqua, zuccheri semplici e sali minerali. Questa è una parte essenziale del ciclo dei nutrienti, poiché grazie ad essa, la materia animale morta inizia a far parte del composto del suolo.

Gli animali saprofagi sono quelli che si nutrono di materia organica in decomposizione. Come gli erbivori e i carnivori, sono esseri eterotrofi, poiché utilizzano substrati organici per ottenere energia a livello cellulare. In ogni caso, differiscono dal resto in quanto la loro nicchia ecologica è il suolo, dove abbondano i tessuti morti.

Uno scarabeo egiziano trasporta le feci.

Tipi di animali saprofagi

In senso stretto, gli animali saprofagi sono solo quelli che ottengono i nutrienti dal suolo direttamente, attraverso reazioni chimiche. In ogni caso, a scopo informativo elencheremo in questo elenco anche coloro che ingeriscono materia morta e poi la metabolizzano, come detritivori, ghoul, xilofagi e altri.

Spazzini

Questi animali non sono detritivori da usare, poiché maneggiano e consumano grandi quantità di cibo morto. In ogni caso, sono il primo passo perché la materia morta inizi a decomporsi, poiché strappano meccanicamente i tessuti degli esseri morti e consentono ad altre specie di accedere all’interno del cadavere.

Gli spazzini sono animali che si nutrono delle carcasse di prede che non hanno cacciato. Alcuni dei più noti sono i seguenti:

  • Avvoltoi: sono tra i primi a raggiungere un cadavere una volta che il predatore abbandona la sua preda. L’azione meccanica svolta da questi uccelli è essenziale, poiché aprono la via di accesso a molte altre specie di decompositori, ampliando generalmente le lesioni dai fori naturali nel corpo della vittima.
  • Iene: le iene sono mammiferi feliformi associati al consumo di materia morta, sebbene alcune specie siano in grado di cacciare altri mammiferi.
  • Procioni: i procioni mangiano quasi tutti i composti organici che possono mettere in bocca, inclusa la materia morta.
Un avvoltoio dalle lunghe orecchie spicca in un gruppo di spazzini.
Un avvoltoio dalle lunghe orecchie spicca in un gruppo di spazzini.

Ghoul

Sebbene molti usino i termini ghoul e spazzino in modo intercambiabile – ed è corretto – la necrofagia è talvolta associata ad animali più piccoli, che si nutrono di materia organica morta su scala minore. Ne mettiamo alcuni esempi nel seguente elenco:

  • Ditteri: i moscerini della famiglia dei Sarcophagidae sono specializzati nello sfruttamento della materia morta, poiché le loro larve si sviluppano in corpi in decomposizione e letame. Se ti capita di vedere carne marcia con vermi biancastri al suo interno, appartengono sicuramente a questo gruppo.
  • Coleotteri: i coleotteri silfidi sono una famiglia di coleotteri che comprende più di 300 specie, quasi tutte ghoul.
  • Imenotteri: le larve di vespe e formiche si nutrono solitamente di materia organica, quindi questi animali sono spesso avvistati nell’ambiente di cadaveri e pezzi di cibo sprecato.

Organismi detritivori

Sebbene non possano nemmeno essere considerati decompositori rigorosi, gli organismi detritivori sono quelli che si avvicinano di più a questo significato. Questi animali ottengono energia dai detriti e dalla materia organica in decomposizione presente nell’ambiente. Sono l’ultimo passo tra il mondo macroscopico e quello microscopico, disgregando la materia abbastanza da permettere a batteri e funghi di usarla.

Ecco un elenco dei detritivori o iliofagi più noti:

  • Oniscidi: comunemente noti come “cocciniglie di umidità”, gli oniscidi sono crostacei isopodi responsabili del consumo di materia organica in decomposizione nell’ambiente terrestre. Tendono a vivere in zone umide e al riparo dalla luce e hanno una predilezione per le foglie secche e altre sostanze vegetali morte.
  • Gasteropodi: anche le lumache di terra e molte altre specie di lumache mangiano tutto ciò che incontrano sul loro cammino, che include anche la materia morta in decomposizione.
  • Asteroidi e oloturoidi: i mari richiedono anche detritivori per riciclare la materia organica in decomposizione. Se ne prendono cura le stelle marine e i cetrioli di mare.
  • Anellidi: i lombrichi e alcuni policheti acquatici sono detritivori stretti, poiché si nutrono del carbonio presente nei suoli. Inoltre, con la loro attività sotterranea arieggiano i terreni, favorendo la crescita di diverse specie vegetali.
Gli isopodi sono animali in decomposizione.

Organismi xilofagi

Gli animali xilofagi potrebbero essere inclusi nel gruppo dei detritivori, ma la loro dieta altamente specializzata li rende una categoria a parte. Questi esseri viventi sono specializzati nel consumo di legno, sia questa parte di una pianta viva che in decomposizione. Senza dubbio, l’esempio più chiaro in questa categoria sono le termiti (Isoptera).

Le termiti sono animali in decomposizione xilofagi.

Cosa sono gli animali saprofagi? Organismi sterco

Un animale sterco è uno che si nutre esclusivamente – o quasi esclusivamente – degli escrementi di altri animali. Sebbene alcuni esseri viventi come i conigli ingeriscano i propri fasci per riutilizzare i nutrienti, la loro principale fonte di cibo sono le verdure, quindi non possono essere considerati sterco in quanto tali. Lo stesso vale per molte specie di primati o cani.

Gli escrementi rigorosi sono invertebrati. Tra questi spiccano gli scarabei stercorari, che rompono le feci dei ruminanti e le trasportano in una palla ai loro nidi, dove nutrono le loro larve. A volte, alcune specie di coleotteri formano le loro gallerie appena sotto lo sterco, risparmiando così l’energia del trasporto.

Gli scarabei stercorari sono animali in decomposizione.

Organismi in decomposizione rigorosi

Tra i decompositori rigorosi troviamo funghi e batteri, in quanto questi organismi ottengono i nutrienti organici direttamente dal terreno, senza bisogno di ingerirli o digerirli. Tutti gli animali che sono stati nominati finora scompongono la materia organica abbastanza da permettere a questi gruppi di agire su di essa.

micotossine e produzione animale

Come puoi vedere, ci sono molti animali in decomposizione, specializzati in diverse nicchie e tipi di materia organica specifica. In ogni caso, va notato che, se ci riferiamo a “comuni decompositori”, non possiamo che citare funghi e batteri.



  • Los Sarcophagidae (Insecta, Diptera) de un ecosistema cadavérico en el sureste de la Península Ibérica, Universidad de Murcia. Recogido a 13 de junio en https://www.um.es/analesdebiologia/numeros/25/PDF/06-LOS%20SARCOPHAGIDAE.pdf
  • Friberg, N., & Jacobsen, D. (1994). Feeding plasticity of two detritivore‐shredders. Freshwater Biology, 32(1), 133-142.
  • Flecker, A. S. (1996). Ecosystem engineering by a dominant detritivore in a diverse tropical stream. Ecology, 77(6), 1845-1854.
  • Yang, L. H. (2006). Interactions between a detrital resource pulse and a detritivore community. Oecologia147(3), 522-532.
  • Scheu, S., Theenhaus, A., & Jones, T. H. (1999). Links between the detritivore and the herbivore system: effects of earthworms and Collembola on plant growth and aphid development. Oecologia, 119(4), 541-551.
  • Boyero, L., Pearson, R. G., Dudgeon, D., Ferreira, V., Graça, M. A., Gessner, M. O., … & Barmuta, L. A. (2012). Global patterns of stream detritivore distribution: implications for biodiversity loss in changing climates. Global Ecology and Biogeography, 21(2), 134-141.