7 tipi di stelle marine

Sebbene tutti conoscano la tipica stella marina, ne esistono molteplici tipi, con caratteristiche e forme sorprendenti.
7 tipi di stelle marine

Ultimo aggiornamento: 21 giugno, 2021

Le stelle marine (Asteroidea) fanno parte del bordo degli echinodermi, animali marini caratterizzati da uno scheletro interno, formato da un disco pentagonale con 5 braccia in avanti. Questo taxon comprende più di 1900 specie, distribuite in 7 tipi di stelle marine e diverse famiglie, tutte con caratteristiche uniche.

Gli asteroidi sono ben noti tra le specie marine, poiché hanno un modo molto curioso di muoversi e riprodursi. Le stelle marine hanno la particolarità di rigenerare le braccia nella maggior parte dei casi e sono state utilizzate nella ricerca per comprendere il funzionamento di questo meccanismo. In questo articolo spieghiamo le caratteristiche di 7 tipi di stelle marine.

1. Valvatida

È interessante notare che la maggior parte delle stelle marine di questo ordine ha 5 braccia. Queste sono di forma tubolare e presentano una fila di piedi a tubo e ossicini evidenti – strutture individuali. Queste ultime sono formazioni incastonate nel derma, che conferiscono alle stelle maggiore protezione e rigidità.

D’altra parte, questo ordine di stelle marine ha pedicellari e paxilas nella sua struttura. Una paxila è una struttura che ha la forma di un ombrello, la cui funzione è quella di proteggere le specie di quest’ordine, evitando che la zona in cui l’animale si nutre e respira venga intasata dalla sabbia.

Questo è uno dei tipi più diversi di stelle marine, poiché i suoi esemplari sono caratterizzati da misure che vanno da pochi millimetri a 75 centimetri. Allo stesso modo, si tratta di un ordine molto diversificato per il quale non esiste una tassonomia esatta, che comprende circa 14 famiglie e 600 specie, all’interno delle quali spiccano:

  • Heterozonias alternatus.
  • Protoreaster nodosus.
  • Linckia guildingi.
  • Diabocilla clarki.
  • Pentaster obtusatus.
Una stella marina.

2. Paxillosida

Un altro tipo di stella è l’ordine Paxillosida, che si caratterizza per le sue specie a 5 o più braccia, con le quali riescono a scavare nel fondo sabbioso del mare. Fisicamente, questi invertebrati hanno piedi a forma di tubo, dotati di numerose ventose rudimentali.

Inoltre, la superficie scheletrica superiore del loro corpo presenta piccole strutture simili a granuli. Non si può dire che questo ordine possa trovarsi ad una certa profondità, poiché dipende dalla specie; inoltre, alcuni esemplari possono abitare livelli superficiali. L’ordine Paxillosida è diviso in 8 famiglie, 46 generi e più di 250 specie, come le seguenti:

  • Luidia bellonae.
  • Ctenodiscus australis.
  • Abyssaster planus.
  • Gephyreaster Fisher.
  • Astropecten acanthifer.
Una stella marina unica nel suo genere.

3. Spinulosida

I membri di questo ordine presentano corpi relativamente delicati e come caratteristica distintiva mancano di pedicellari. La zona aborale – opposta alla foce – è ricoperta da numerose spine che variano da specie a specie, sia per dimensioni che per forma e disposizione.

Questo tipo di stella marina di solito è dotata di un piccolo disco con 5 raggi di forma cilindrica, e i suoi piedi presentano delle ventose. L’habitat di questi individui varia tra zone intercotidali o acque profonde e regioni polari, temperate o tropicali. Questo ordine di stelle marine riconosce la famiglia Echinasteridae, 8 generi e più di 100 specie, come queste:

  • Odontohenricia violacea.
  • Echinaster colemani.
  • Rhopiella hirsuta.
  • Bloody Henricia.
  • Metrodira subulata.
Uno è il tipo di stella marina.

4. Brisingida

A questo ordine di stelle marine appartengono esclusivamente quelle che popolano i fondali, tra i 1800 ei 2400 metri di profondità. Sebbene siano presenti in diverse regioni, preferiscono le acque dei Caraibi, dell’Oceano Pacifico e della Nuova Zelanda. È comune trovarli su scogliere e aree con correnti oceaniche costanti.

D’altra parte, queste stelle si nutrono per filtrazione, attraverso lunghe braccia con spine aghiformi, che possono essere comprese tra un numero di 6 e 20. Possiedono anche un disco flessibile all’interno della loro bocca. L’ordine Brisingida è composto da 2 famiglie: Brisingidae e Freyellidae, per un totale di 16 generi e più di 100 specie. Alcuni di questi sono i seguenti:

  • Freyella elegans.
  • Colpaster edwardsi.
  • Brisinga endecacémon.
  • Novodina americana.
  • Hymenodiscus coronata.

5. Forcipulatida

Uno dei tipi di stella marina più facilmente identificabili è l’ordine Forcipulatida, che si caratterizza per la presenza nel corpo dell’animale di strutture a forma di pinza che si aprono e si chiudono. Si chiamano pedicellari e sono costituiti da un corto fusto, con 3 parti scheletriche.

I piedi a tubo, disposti nella zona inferiore del corpo della stella marina, hanno ventose a punta piatta, che permettono all’invertebrato di muoversi sul fondale e le sue braccia sono robuste, con 5 o più raggi. Queste stelle marine hanno una presenza globale nelle fredde acque tropicali.

Come altri tipi di stelle marine, anche l’ordine Forcipulatida ha posizioni diverse rispetto alla sua classificazione. Pertanto, si ritiene che questo ordine sia composto da 7 famiglie, più di 60 generi e circa 300 specie. La stella marina comune (Asterias Rubens) è una delle specie più conosciute, tra cui si possono apprezzare anche:

  • Bythiolophus acanthinus.
  • Coscinasterias tenuispina.
  • Allostichaster capensis.
  • Labidiaster annulatus.
  • Ampheraster alaminos.
Alcune stelle.

6. Notomyotida

I piedi a tubo di queste stelle marine sono divisi in serie di 4 con ventose alle estremità, anche se alcune specie non hanno questa caratteristica. Il suo corpo è dotato di spine sottili e affilate, con braccia costituite da fasce muscolari molto flessibili.

Il suo disco è un po’ piccolo, con la presenza di 5 raggi, e i pedicellari hanno forme diverse, come valvate o spine. Un’altra caratteristica di questo ordine è che abita in acque profonde. Il taxon Notomyotida è formato anche da un’unica famiglia, i Benthopectinidae, che conta 12 generi e circa 75 specie, tra cui spiccano queste:

  • Pectinaster agassizi.
  • Acontiaster bandanus.
  • Myonotus intermedius.
  • Benthopecten acanthonotus.
  • Cheiraster echinulatus.

7. Velatida

Questo ordine di stelle è identificato da un corpo robusto con grandi dischi. Le braccia sono distanti tra loro da 5 a 15 centimetri e i piedi del tubo sono in serie pari, generalmente con una ventosa molto sviluppata. D’altra parte, i pedicellari sono solitamente assenti, ma li hanno, sono distribuiti in gruppi di spine. A seconda della specie, questi invertebrati hanno tra 5 e 15 braccia, e molti di loro presentano uno scheletro sottosviluppato. Ci sono piccoli individui tra 0,5 e 2 centimetri, ed altri fino a 30 centimetri. Per quanto riguarda il suo habitat, quest’ordine predilige le acque profonde.

L’ ordine Velatida è composto da 5 famiglie, 25 generi e 200 specie, come queste:

  • Euretaster attenuatus.
  • Belyaevostella hispida.
  • Asthenactis australis.
  • Caymanostella phorcynis.
  • Korethraster hispidus.

Altre specie di stelle marine

Le stelle marine svolgono un ruolo molto importante negli ecosistemi marini. Sfortunatamente, hanno una maggiore suscettibilità agli agenti chimici, poiché filtrano facilmente le tossine che entrano negli oceani in misura maggiore, a causa dell’inquinamento globale dell’acqua.

È comune vedere alcune specie di stelle marine vicino alle spiagge turistiche, dove i visitatori le portano fuori dall’acqua e non si rendono conto del danno che causano alla stella marina, poiché non può respirare fuori dall’acqua. Fin qui abbiamo descritto 7 tipi di stelle marine, ma ne esistono delle altre, minacciate o meno, e sono le seguenti:

  • Stella marina rossa (Echinaster sepositus).
  • Stella honduregna (Luidia ciliaris).
  • Stella spinosa comune (Marthasterias glacialis).
Stelle marine.

Come abbiamo visto, esistono 7 tipi di stelle marine e differiscono l’una dall’altra per le braccia, i piedi e la profondità in cui vivono. È anche evidente che hanno spine o altre caratteristiche fisiche che aiutano a identificare la specie, anche se a primo impatto la maggior parte di loro appare simile all’occhio umano.

Potrebbe interessarti ...
La rigenerazione della stella marina: il segreto della vita?
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
La rigenerazione della stella marina: il segreto della vita?

La straordinaria capacità di rigenerazione della stella marina è una strategia evolutiva utilissima per sfuggire ai predatori.