Dieci razze canine di origine latinoamericana

11 novembre, 2015
 

Le razze canine di origine latinoamericana si dividono in due gruppi: quelle originarie del continente americano e quelle che hanno origine dai cani introdotti dai conquistatori provenienti dall’Europa, a partire dal XV secolo. Andiamo ad esaminare insieme alcune delle particolarità di queste razze canine, partendo dall’Argentina fino ad arrivare al Venezuela.

Caratteristiche principali di dieci razze canine di origine latinoamericana

Dogo argentino

Questa razza nasce nel 1928 in provincia di Cordoba, in Argentina, in seguito alla creazione di un incrocio di diverse razze canine pure con un animale noto come antico cane da combattimento di Cordoba (risultante dall’incrocio tra Mastino, Bulldog, Boxer e Bull Terrier).

Le caratteristiche principali del Dogo argentino sono:

  • Proteggere il proprio nucleo familiare (garantisce sicurezza)
  • Avvertire della presenza di intrusi
  • Abilità come cacciatore

La sua fama di cane aggressivo probabilmente deriva dal suo aspetto, piuttosto possente, ma se addestrato in maniera adeguata, si rivela un cane tranquillo e che abbaia poco.

Fila brasileiro

Discendente dei cani portati in Brasile dagli spagnoli e dai portoghesi, durante l’epoca della conquista, discende dalle razze Mastiff, Bulldog e Bloodhound.

Questi cani sono dotati di un eccellente olfatto e, pertanto, venivano utilizzati per localizzare gli schiavi che cercavano di fuggire dai luoghi destinati al loro sfruttamento.

Alcune delle particolarità del fila brasileiro sono le seguenti:

 
  • Docilità
  • Diffidenza nei confronti degli estranei
  • Sicurezza, determinazione e coraggio
  • Doti di cacciatore e di cane da guardia

Bichon Avanese

Si presume che gli antenati del Bichon Avanese ebbero origine nella zona del mediterraneo occidentale e che, all’inizio del XVIII secolo, alcuni ufficiali dell’esercito spagnolo li introdussero a Cuba.

Il Bichon Avanese, così come lo si conosce attualmente, con il suo predominante colore avano, a cui deve il nome, nacque dall’incrocio tra il barboncino francese e il barboncino tedesco.

Questi piccoli cani possiedono un mantello lungo e morbido e sono eccellenti animali da compagnia: giocherelloni, affettuosi e allegri.

Fox Terrier Cileno

Le sue origini risalgono al XIX secolo, dall’incrocio tra cani nativi del luogo con il Fox Terrier inglese.

Si tratta di cani di taglia piccola, dal pelo corto e di colore bianco, con alcune macchie di colore nero o marrone.

Vengono utilizzati come cani da caccia e animali da compagnia, poiché sono molto obbedienti e molto adatti all’addestramento.

Chihuahua

cani-chihuahua

Il nome deriva dallo stato più esteso del Messico, luogo in cui questi cani vivevano allo stato brado, fino a quando i popoli autoctoni cominciarono ad addomesticarli. Si tratta dei cani più piccoli del mondo.

 

Questi animali sono

  • particolarmente adatti come cani da compagnia
  • gelosi dei rapporti umani dei loro padroni
  • coraggiosi e irrequieti

Xoloitzcuintle (cane nudo messicano)

Tra le razze canine di origine latino americana, questa sembra essere la più antica: le sue origini risalirebbero a tremila anni fa, in Messico.

Per gli aztechi, il Xoloitzcuintle era considerato un animale sacro: per loro era un animale che aveva il compito di accompagnare le anime dei defunti nel loro viaggio verso l’aldilà.

Gli Xoloitzcuintle sono animali dotati di un buon carattere, facili da addomesticare ed addestrare, sono quasi sprovvisti di pelo, anche se esiste una variante di questa razza che presenta un mantello più folto di peli.

Cane nudo peruviano

cane-nudo-peruviano

Non si conosce con certezza il modo in cui questi cani furono introdotti nel continente, anche se sembra prendere piede la teoria secondo cui sarebbero arrivati insieme ai migranti che attraversarono lo stretto di Bering.

Attualmente la razza del cane nudo peruviano è caratterizzata da una personalità affettuosa e un animo nobile.

Sono animali che, di solito, si mostrano sempre in allerta e che mostrano una certa diffidenza nei confronti degli sconosciuti.

 

Gran Mastin de Borinquen

Conosciuto anche con il nome di mastino portoricano, questa razza sembra essere la diretta discendente dei mastini spagnoli.

Si tratta di animali di taglia grande, molto corpulenti, che venivano utilizzati per ferire e catturare gli schiavi che fuggivano.

Nonstante la loro lealtà e il loro istinto protettore, possono anche diventare animali molto aggressivi se non addestrati in modo corretto.

Cimarron uruguayo (cane selvatico uruguayano)

Gli antenati di questa razza furono introdotti dai conquistatori spagnoli e portoghesi e, dopo essere stati abbandonati, sopravvissero solo i più forti che, sottoposti ad ulteriori incroci, diedero origine al cimarron uruguayo.

Le caratteristiche principali di questi animali sono:

  • grande coraggio
  • intelligenza
  • equilibrio
  • abilità nella caccia, come cani da guardia e da pastore

Cane mucuchi

Nevado, il cane che accompagnava Simon Bolivar in molte delle sue battaglie, fu un fedele rappresentate di questa razza che ebbe origine in Venezuela nel XVI secolo.

Originata dall’incrocio di diverse razze introdotte dai conquistatori spagnoli, è un animale impressionante per le sue notevoli dimensioni, ma il suo sguardo trasmette una grande tenerezza.

Si tratta di un cane molto attivo, energico, intelligente e affettuoso, anche se in presenza di estranei potrebbe reagire addirittura in modo violento.