Differenze tra nandù e struzzo

· 29 Maggio 2018

A prima vista possono sembrare uguali o, persino, abbastanza simili. Eppure ci sono alcune interessanti differenze tra nandù e struzzo che vale la pena conoscere. In questo articolo vi sveleremo quali sono, quindi non perdetevelo!

Caratteristiche del nandù

Questo enorme uccello endemico del Sud America, che può raggiungere i 180 centimetri di altezza (la femmina è più piccola) non può però volare. Al contrario, può correre a grandi velocità quando si sente minacciato, sfruttando l’appoggio delle tre dita per ogni piede.

Forma gruppi di 30 individui in inverno e in autunno, sebbene nella stagione riproduttiva siano separati in “famiglie” più piccole, formate da un maschio e diverse femmine. Dopo la fecondazione, le mamme di nandù possono deporre fino a 40 uova che sono, inoltre, le più grandi del mondo. E’ però il padre che si occupa di covarle e difenderà il nido per circa un mese.

nandù tra erba gialla

Essendo un onnivoro, il nandù consuma erba, frutta, semi, rettili, insetti e talvolta piccoli mammiferi. È conosciuto per la sua voracità, tipica quando si nutre.

Caratteristiche di base dello struzzo

È l’uccello più grande e più pesante che esista, con un’altezza che sfiora i tre metri e 180 chili di peso. Vive in diverse regioni dell’Africa. Le sue piccole ali non gli permettono di volare, ma può correre a grandi distanze se ha bisogno di sfuggire al pericolo.

Con una testa piccola, collo e gambe lunghe, lo struzzo maschio ha un  piumaggio nero (grigio scuro nelle femmine) ed è noto per i suoi occhi “sporgenti” e il suo becco sorprendente.

È un animale erbivoro, ma non strettamente: dipende dalla situazione. Spesso infatti, oltre a consumare frutta e fiori, può ingerire piccole rocce, minerali o pietre, quando ha molto appetito.

un maschio di struzzo cova le uova

Il maschio ha il compito di costruire il nido, dove ciascuna delle sue “amanti” – possiede un vero e proprio harem – depone le uova, che sono le più grandi tra le specie di uccelli.

Differenze tra nandù e struzzo

1. Distribuzione geografica

Mentre i nandù vivono in Sud America, gli struzzi vivono nell’Africa orientale. I primi preferiscono le pianure, le montagne e le aree quasi di giungla. Al contrario, i secondi si trovano in aree desertiche e con grande escursione termica, tra il giorno e la notte.

2. Dita e velocità

Il nandù ha tre dita su ciascun piede, mentre lo struzzo solo due. Il primo può arrivare fino a 60 km/h, il secondo è un po’ più veloce: raggiunge i 70 km/h. Ovviamente non si tratta della loro velocità media, ma di un’accellerazione che possono mantenere, al massimo, per circa 30 minuti.

due struzzi corrono su una prateria

3. Piumaggio e colorazione

Mentre i maschi e le femmine di nandù hanno colori simili nel piumaggio, ci sono differenze più marcate, per quanto riguarda gli struzzi. Gli esemplari maschi sono di colore nero, mentre le femmine hanno una tonalità più chiara, vicina al marrone. Per differenziare il sesso del nandù, quindi, occorrerà verificare la grandezza degli esemplari, dal momento che il maschio è notevolmente più grande.

4. Uova e incubazione

Le uova di entrambe le specie sono tra le più grandi del mondo. Tuttavia, c’è qualcosa in cui nandù e struzzo differiscono. I maschi del primo sono esclusivamente responsabili dell’incubazione dei pulcini, mentre nel secondo caso, entrambi, padre e madre, si spartiscono questa responsabilità.

Un’altra interessante differenza è che il nandù maschio non costruisce il nido in quanto tale, ma approfitta di eventuali depressioni della terra. Lo struzzo, invece, scava direttamente nel terreno fino a una certa profondità, per poter nascondere meglio le uova.

5. Numero di sottospecie

Gli struzzi contano tre sottospecie conosciute: lo struzzo dal collo rosso (Nord Africa), lo struzzo masai (Etiopia, Kenya, Senegal, Sahara e Mauritania) e lo struzzo australe (sud-ovest dell’Africa). Fino al 1941 ne esisteva una quarta varietà, lo struzzo dell’Arabia, ma è ormai estinto.

Per il nandù ci sono solo due sottospecie: il nandù comune (Brasile, Paraguay, Argentina e Uruguay) e il nandù di Darwin (Cile e Argentina).

Ora avete ben chiare le differenze tra nandù e struzzo?