Fitoplancton per cani: che cos'è ed è utile?

19 giugno, 2020
Tra i cosiddetti super alimenti per animali domestici, spicca il fitoplancton per cani. Questi organismi microscopici forniscono alti contenuti di acidi grassi, minerali, antiossidanti, aminoacidi e vitamine.
 

Al giorno d’oggi, il fitoplancton per cani compare in numerosi elenchi di alimenti funzionali, grazie ai tanti benefici nutrizionali che è in grado di offrire.

Tuttavia, è importante sottolineare che, prima di aggiungere degli integratori alla dieta degli animali domestici, è bene fare alcune ricerche approfondite in merito e chiedere al veterinario se il loro impiego è davvero conveniente. In questo modo, sarà possibile evitare eventuali effetti nocivi per l’animale.

Che cosa dobbiamo sapere del fitoplancton?

Il fitoplancton è composto da due tipi di organismi microscopici unicellulari: le microalghe e i cianobatteri. Milioni di essi vivono galleggiando sugli strati superficiali di mari e masse di acqua dolce, su tutto il pianeta. Nei mari, il 90% della biomassa è costituita da fitoplancton.

Questi organismi sono stati i primi esseri viventi a possedere la capacità di realizzare il processo della fotosintesi. Come sappiamo, la riduzione degli alti livelli di diossido di carbonio e la produzione di ossigeno hanno consentito la nascita di forme di vita superiori.

In ecologia, il fitoplancton, dal momento che è costituito da produttori primari, rappresenta un primo anello nella catena alimentare acquatica.

Le specie che formano il fitoplancton vengono definite “autotrofe”. Il motivo risiede nella loro capacità di vivere e riprodursi approfittando della luce solare attraverso la fotosintesi, producendo sostanze organiche a partire da sostanze inorganiche.

 

Questi microrganismi vengono considerati un super alimento, grazie al loro alto contenuto di acidi grassi, minerali, antiossidanti, aminoacidi e vitamine.

il fitoplancton è formato ma microalghe e cianobatteri

Da quali specie è formato il fitoplancton?

È particolarmente interessante sapere che il fitoplancton è estremamente eterogeneo. Infatti, è formato da migliaia di specie differenti. Questa alta diversità consente al fitoplancton di sviluppare una notevole capacità di adattamento alle condizioni particolari delle acque in cui vive.

Quindi, sono molti i fattori in grado di influire sulla composizione delle specie che predominano nel fitoplancton. Tra questi fattori si contano il livello di salinità, la temperatura, la torbidità dell’acqua (determinata dall’intensità della luce che penetra attraverso di essa) e il contenuto di nutrienti.

I taxa di fitoplancton maggiormente studiati comprendono le diatomee, le dinoflagellate, le cianofite o alghe azzurre, le alghe brune e i coccolitoforidi. A sua volta, ogni taxon è formato da migliaia di specie.

Quali sono i benefici del fitoplancton per cani?

I benefici del fitoplancton sono associati al loro alto contenuto dei seguenti nutrienti:

 

1. Acidi grassi a catena lunga: omega-3 e omega-6

Proprio come accade alle persone, i grassi omega-3 e omega-6 influiscono su una grande quantità di processi che avvengono nell’organismo dei cani. Sappiamo che sono degli ottimi coadiuvanti nel trattamento di malattie della pelle, allergie, problemi alle funzioni renali, malattie cardiache, disturbi delle funzioni cognitive e artrite, per citare alcuni esempi.

È interessante sottolineare che esistono tre principali tipi di omega-3: l’acido eicosapentaenoico (EPA), l’acido docosaesaenoico (DHA) e l’acido alfa linolenico. È bene evidenziare che il fitoplancton di acqua dolce non produce EPA.

il fitoplancton per cani può contribuire al miglioramento della loro salute

2. Il fitoplancton per cani fornisce minerali essenziali

I cani tendono a presentare deficit di elementi traccia, fondamentali per lo svolgimento delle funzioni biologiche essenziali. Il fitoplancton è in grado di rappresentare una fonte di elementi traccia come il selenio, il magnesio e lo iodio, che possono contribuire alla digestione, alla regolazione ormonale e alla salute delle articolazioni e della tiroide.

È utile segnalare che, a seconda delle acque dalle quali proviene il fitoplancton, questi microrganismi possono contenere metalli pesanti tossici. Per questa ragione, risulta di notevole importanza la qualità del prodotto che viene acquisito.

 

3. Una buona fonte di antiossidanti

Gli antiossidanti sono sostanze che inibiscono l’ossidazione, che, se dovesse presentarsi in eccesso, risulterebbe potenzialmente dannosa per gli esseri viventi.

Per questo motivo, il fitoplancton, grazie al suo contenuto di antiossidanti, possiede la capacità di prevenire o ridurre il danno cellulare a cui è sottoposto il vostro cane. Il danno ossidativo è tipico di malattie come il cancro, le patologie cardiache e i disturbi autoimmuni.

Fitoplancton per cani: un valido complemento per la dieta

È stato osservato che, anche in dosi molto piccole, il fitoplancton può contribuire al miglioramento della salute. Esercita effetti positivi sulla mobilità delle articolazioni e costituisce un’utile difesa contro allergie e altri disturbi della pelle.

Inoltre, è stato utilizzato come coadiuvante nel trattamento di patologie croniche. Ciononostante, ciò non significa che sia in grado di curare disturbi, se assunto da solo.

In definitiva, il fitoplancton per cani non è un super alimento, anche se può costituire un buon complemento per la dieta (se il veterinario lo ritiene opportuno).

 
  • Chrétiennot-Dinet, M. J., Sournia, A., Ricard, M., & Billard, C. (1993). A classification of the marine phytoplankton of the world from class to genus. Phycologia, 32(3), 159-179.
  • Delgado, M., & Fortuño Alós, J. M. (1991). Atlas de fitoplancton del Mar Mediterráneo. Scientia Marina 55(S1): 1-133
  • Tapia, J., Basualto, S., & Urrutia, R. (1996). Contenido de metales pesados en microalgas y su agua circundante. CIT Ediciones Tecnologicas, 17-21.
  • Pelegrin, Y. (2001). Algas en la “botica”. Departamento de recursos del mar de la Unidad de Mérida del Cinvestav. Rev. Avance y Perspectiva, 20.
  • Lenox, C. E. (2016). Role of dietary fatty acids in dogs & cats. Today’s Veterinary Practice Journal: ACVN Nutrition Notes6(5), 83-90.