Gli effetti della musica sugli animali

06 giugno, 2020
Per gli animali la musica degli umani può essere stressante, ma alcuni ricercatori hanno realizzato delle versioni adatte a ciascuna specie.
 

Siamo sempre stati curiosi di conoscere gli effetti della musica sugli animali, ma è difficile sperimentare con i nostri animali domestici. Ci ha pensato la scienza, riuscendo a rivelarci il modo in cui alcuni animali reagiscono alla stimolazione musicale.

Esistono diversi studi che utilizzano strategie di ricerca diverse con diverse specie animali, per cui non esiste ancora una risposta univoca. In questo articolo, citeremo alcuni casi interessanti per spiegare gli effetti della musica sugli animali.

Gli effetti della musica sugli animali: Sul bel Danubio blu

Uno studio su 161 cani residenti in un rifugio ha valutato l’effetto di diverse melodie e generi sul comportamento canino. Da questo studio è venuto fuori che la musica classica, in particolare Sul bel Danubio Blu di Strauss, riduce l’ansia.

Carezze sulla testa di un vitello

Infatti, è stato osservato un aumento significativo del sonno e una riduzione dell’abbaiare. Al contrario, l’effetto della musica heavy metal non è stato così positivo, poiché ha provocato aumento dell’abbaiare, riduzione del sonno e spasmi. In breve, tutti i sintomi che un vero metallaro non presenta quando ascolta il suo genere musicale preferito prima di andare a dormire, ma un cane sì.

La sinfonia pastorale di Beethoven per le mucche

Come i cani, anche le mucche preferiscono la musica classica. Lo studio ha dimostrato una significativa riduzione nei tempi di mungitura per le mucche che avevano ascoltato musica classica.

La sinfonia pastorale di Beethoven e Bridge Over Troubled Waters di Simon & Garfunkel si sono rivelati un vero successo.

 

Queste melodie hanno persino prodotto aumenti modesti nella produzione di latte, del 3%. Al contrario, quando le mucche hanno ascoltato canzoni rumorose come Tigerfeet dei Mud e Size of a Cow dei Wonderstuff, non vi è stato alcun aumento nella produzione di latte.

Cane a casa che si rilassa


Gli effetti della musica sugli animali: le quaglie

Nel 2016, un gruppo di ricercatori filippini ha pubblicato uno studio su come diversi tipi di musica influenzano le prestazioni, la qualità delle uova, il comportamento e l’economia nell’allevamento delle quaglie giapponesi.

Durante lo studio, un totale di 165 esemplari, divisi in 5 gruppi, sono stati sottoposti per quattro mesi a 12 ore continue di musica. I gruppi di studio erano: controllo (senza musica) e mix di vari generi: classica, heavy metal, reggae.

L’analisi ha rivelato che le quaglie esposte alla musica casuale e classica hanno mostrato un peso corporeo finale più elevato, rispetto agli altri gruppi. La qualità delle uova era più alta anche nei gruppi che hanno ascoltato musica varia e classica.

Topo vicino a delle cuffie: gli effetti della musica sugli animali
 


Mozart per i roditori

Un altro studio di questo genere si è occupato di determinare l’effetto della musica sulla memoria e sull’apprendimento degli animali. Per raggiungere questo scopo, sono stati analizzati 40 topi, esposti a 10 minuti al giorno di musica per 10 settimane.

I ricercatori hanno adattato per i roditori la Sonata per due pianoforti in re maggiore di Mozart. La versione era due volte più veloce e un’ottava più alta dell’originale.

I gruppi di topi hanno ricevuto gli stimoli musicali prima (A), durante (D) e il terzo prima e durante (AD) il test della memoria. Il gruppo dei topi di controllo (C) è rimasto silenzioso. L’apprendimento spaziale e la capacità di memoria sono stati testati in un labirinto radiale a 8 bracci.

Alla fine, gli autori hanno riferito che i topi esposti alla musica prima e durante (AD) hanno mostrato un miglioramento significativo nell’acquisizione di compiti.

Un miglioramento passeggero

È interessante notare che l’effetto della musica era temporaneo. Infatti, testando il gruppo campione, 4 ore dopo il trattamento, il miglioramento osservato era scomparso.

La musica modificata per adattarsi alla portata dell’udito dei roditori migliora la loro capacità di apprendimento all’interno del labirinto e la memoria, ma questi effetti si fanno notare solo durante il test. Dopo scompaiono.

Ad ogni modo, questi risultati sono promettenti, in quanto consentono lo sviluppo di un modello per studiare i disturbi della memoria umana.

 

La musica è uno stimolo positivo

In conclusione, questo insieme di studi evidenzia che la musica è sicuramente una forza universale di espressione. Pertanto, è in grado di influire sulle emozioni sia degli esseri umani che degli animali.

Restiamo in attesa della prossima ricerca su questo campo, per scoprire gli effetti della musica sugli animali.

  • Kogan, L. R., Schoenfeld-Tacher, R., & Simon, A. A. (2012). Behavioral effects of auditory stimulation on kenneled dogs. Journal of veterinary behavior, 7(5), 268-275.
  • Cabaral, N. C., Untalan, H., & Rieta, P. G. (2017). Type of Music on the Growth and Laying Performance, Behavior and Marketability of Quails. Open Science Journal, 2(4). https://pdfs.semanticscholar.org/f0bc/341505cfcae0f6e1ff6d32e1f4fdcc5c5923.pdf
  • Korsós, G., Horváth, K., Lukács, A., Vezér, T., Glávits, R., Fodor, K., & Fekete, S. G. (2018). Effects of accelerated human music on learning and memory performance of rats. Applied animal behaviour science, 202, 94-99.