Il carattere dei pitbull

I pitbull in genere non vengono raccomandati come razza. Per via del loro carattere forte, hanno bisogno di un padrone che assuma un ruolo autorevole e, soprattutto, disposto ad educarli fin da cuccioli.
Il carattere dei pitbull
Georgelin Espinoza Medina

Scritto e verificato la biologa Georgelin Espinoza Medina.

Ultimo aggiornamento: 27 dicembre, 2022

Il temperamento e la personalità dei cani sono diversi da esemplare a esemplare. Sebbene ogni razza abbia una predisposizione genetica ad alcuni comportamenti, in realtà non tutto è già scritto nel DNA. Anche ciò che si impara svolge un ruolo nello sviluppo del comportamento finale. Si sente sempre dire che alcuni animali domestici sono aggressivi, in particolare i pitbull, animali bollati come cattivi e persino assassini.

Fin dalla loro origine, i pitbull sono stati associati al combattimento e alla difesa, poiché questi erano i compiti che svolgevano di solito. Tuttavia, nel corso della storia il loro ruolo è cambiato. In seguito a un buon addestramento, possono risultare utili nel rilevamento di droghe o anche come cani da salvataggio. Se volete conoscere il carattere di questa razza, assicuratevi di leggere questo articolo. Chiariremo dubbi e miti su questo cane.

Caratteristiche della razza

I pitbull sono cani dal corpo robusto e muscoloso, generalmente dall’aspetto un po’ “squadrato”, questo perché la lunghezza che si misura dalle spalle alle natiche equivale a quella dalle spalle al pavimento. Hanno una testa ampia e possente, dotata di mascelle molto forti, caratteristica che li rende cani temibili. Gli occhi sono rotondi, e si collocano nella parte inferiore del cranio.

Hanno una pelle spessa sulla quale si trova un pelo corto, fitto, compatto e ruvido. I peli risultano lucidi e ogni esemplare può presentare una grande varietà di colori. Hanno una coda spessa alla base, con l’estremità a punta, mentre le zampe in genere sono piccole.

Il carattere dei pitbull

Per quanto ogni razza abbia delle caratteristiche e modelli di comportamento specifici, che sono definiti dalla genetica, in realtà il carattere definitivo è il prodotto dell’apprendimento e dell’interazione, soprattutto durante i primi mesi di vita. Infatti, vari studi riportano che il modo in cui viene gestito un cane può influenzare fino all’80% del suo carattere finale.

In genere il carattere dei pitbull è forte fin da quando sono cuccioli, infatti persino i loro giochi prevedono risse e lotte innocenti. Questo loro carattere dominante deve essere controllato e placato.

È normale che il pitbull cerchi di diventare il capobranco e di scavalcare il suo proprietario. Per questo motivo ha bisogno di un padrone che abbia preferibilmente esperienza nella gestione dei cani o che non si faccia intimidire dal suo animale domestico.

Quanto sono aggressivi i pitbull?

Abbiamo già detto che i pitbull sono classificati come aggressivi e pericolosi, per via del loro impiego nei combattimenti e nella difesa dei territori, ad esempio negli allevamenti. Sono stati anche coinvolti in alcuni tragici incidenti in diverse parti del mondo. Nonostante questo, non sono cani aggressivi di per sé: tutto dipende dall’addestramento e dalla socializzazione durante l’infanzia.

Alcuni studi hanno rivelato che i pitbull sono una delle razze di cani più aggressivi (sia con gli estranei che con chi vive con loro). Tuttavia, è stato anche osservato che gli esemplari con un temperamento aggressivo avevano interagito poco con altri cani nelle prime fasi dello sviluppo (tra 5 settimane e 5 mesi).

Come ogni cane, se durante la crescita vengono addestrati a combattere e a difendersi, questo sarà il loro comportamento da adulti. Se, invece, interagiscono con altri cani fin dalla tenera età, avranno un carattere più sociale. Pertanto, il loro livello di aggressività dipenderà dall’educazione che riceveranno.

Altri aspetti sul carattere dei pitbull

Chiarita la questione dell’aggressività e del comportamento dominante dei pitbull, va notato che anche questi animali, come tutti, presentano degli aspetti positivi. Tra questi spicca la natura protettiva verso i propri piccoli e persino verso i padroni e i loro figli. Pertanto, sono in grado di svolgere un ruolo importante come custodi di mandrie. Per questo motivo vengono anche chiamati “cani Tata”.

Oltre a questo, i pitbull di solito sono abbastanza obbedienti, coraggiosi e laboriosi. Ecco perché si distinguono in diversi compiti in cui sono di aiuto all’uomo. Sono molto intelligenti e fedeli al loro proprietario.

Alcuni consigli per la gestione dei pitbull

Per terminare questo articolo, vi daremo alcuni suggerimenti per una gestione responsabile del pitbull, al fine di evitare incidenti. Ve li elenchiamo di seguito:

  • Esercizio fisico regolare: questa razza è forte e attiva, quindi per poter rilasciare tutta quell’energia è necessario che facciano esercizio in modo costante. Si può utilizzare dei giochi o fargli fare una passeggiata giornaliera di almeno 15 minuti. In questo modo li manterrete felici e si sentiranno amati.
  • Uso del guinzaglio: quando si portano a spasso i pitbull si consiglia di tenerli al guinzaglio e, se necessario, utilizzare la museruola. In questo modo si eviteranno incidenti indesiderati, in particolare in caso di cani aggressivi e addestrati alla difesa. Inoltre, in alcuni posti l’uso di questi strumenti è obbligatorio per questa razza.
  • Attenzione costante: un altro aspetto da non trascurare con questo tipo di animale domestico è l’attenzione costante. I pitbull non vanno lasciati soli o con altri cani, animali e tanto meno bambini. Questa regola di base vi aiuterà a prevenire eventuali incidenti.
  • Addestramento: il modo migliore per disciplinare questi cani è attraverso l’addestramento. L’ideale è rivolgersi a una persona professionale, formata nell’addestramento del cane e in grado di controllare il carattere forte dei pitbull. Anche la socializzazione precoce è un aspetto importante.

In sintesi, il carattere del cane dipenderà molto dall’educazione che riceve. Se sono stati addestrati correttamente, il carattere dei pitbull sarà molto socievole e gestibile. Sono cani come tutti gli altri, a cui piace giocare e che chiedono solo di essere amati. Sono intelligenti e leali, ma hanno bisogno di un padrone forte, capace di guidarli durante la loro fase di crescita.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Barrera, G., Elgier, A., Jakovcevic, A., Mustaca, A., & Bentosela, M. (2009). Problemas de comportamiento en los perros domésticos (Canis familiaris): aportes de la psicología del aprendizaje. Revista de Psicología, XVIII(2), 123-146.
  • Gómez, L., Atehortua, C., & Orozco, S. (2006). La influencia de las mascotas en la vida humana. Revista Colombiana de Ciencias Pecuarias, 20, 377-386.
  • Luna, C. (2011). Determinación de las poblaciones de riesgo frente a la agresividad de perros pitbull y rottweiler a partir del año de edad en tres clínicas veterinarias de la ciudad de Latacunga. [Tesis de pregrado, Universidad de Cotopaxi]. http://repositorio.utc.edu.ec/bitstream/27000/808/1/T-UTC-1168.pdf
  • Rehpani, J., & Almorahiza, A. (2012). Estudio en general de los pitbull. [Tesis de pregrado, Universidad de Guayaquil]. http://repositorio.ug.edu.ec/bitstream/redug/2322/1/JORGE%20TESIS%207%20final.pdf

Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.