Il pangolino trasmette il coronavirus COVID-19?

20 Marzo 2020
Sarà vero che il pangolino trasmette il coronavirus COVID-19? Se sì, che conseguenze ci sono per quanto riguarda la gestione di questa malattia? Vediamolo in questo articolo.

In questo momento, la comunità scientifica sta cercando di capire se il pangolino trasmette o meno il coronavirus COVID-19. È importante sottolineare che i coronavirus (CoV) sono noti ai virologi veterinari da decenni.

In generale, i coronavirus infettano uccelli e mammiferi in modo specifico e per specie. Pertanto, sono noti ceppi specifici di coronavirus, che contagiano esseri umani, gatti, cani, roditori, conigli, furetti, mucche, tacchini e maiali. Di seguito faremo un breve riassunto di ciò che sappiamo finora sul COVID-19.

Coronavirus e infezione umana

I coronavirus furono identificati per la prima volta alla fine degli anni ’60. Da quel momento, quattro CoV che colpivano l’uomo (HCoV) erano noti per causare lievi infezioni, come il comune raffreddore.

È interessante evidenziare che questi quattro HCoV dal livello patogeno basso per l’uomo sono strettamente connessi ai coronavirus che colpiscono gli animali. Secondo vari studi che hanno analizzato le sequenze genomiche attualmente disponibili, sono queste le specie animali considerate ospiti naturali:

  • HCoV-HKU1: roditore.
  • HCoV-NL63: pipistrello.
  • HCoV-OC43: roditore: intermediario degli animali da fattoria.
  • HCoV-229E: pipistrello: intermediario dell’alpaca.

Coronavirus altamente patogeni per l’uomo

Fino al 2002-2003, i CoV non erano considerati altamente patogeni per l’uomo. Eppure allora si verificò lo scoppio del coronavirus con sindrome respiratoria acuta grave (SARS-CoV) nella provincia del Guangdong, in Cina. Questo virus si è diffuso in tutto il mondo.

Immagine del coronavirus

Più tardi, nel 2012, un altro coronavirus altamente patogeno, il coronavirus da sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS-CoV), è emerso in Arabia Saudita e in altri paesi del Medio Oriente. In entrambi i casi, si riteneva che i virus fossero originati da pipistrelli. Inoltre, sono state trovate prove che indicano queste specie come ospiti intermediari:

  • SARS-CoV: pipistrelli: civetta delle palme mascherata (Paguma larvata)
  • MERS-CoV: pipistrelli: cammelli dromedari
  • COVID-19: pipistrelli: intermediario?

È a causa dei due precedenti che è stata formulata l’ipotesi secondo cui il COVID-19 può anche essere di origine animale. In effetti, le analisi della sequenza genomica supportano il fatto che anche COVID-19 abbia avuto origine nei pipistrelli. Tuttavia, il suo ospite intermediario non è ancora noto.

Come agisce un virus?

I virus di solito si diffondono tra animali della stessa specie. A volte i virus possono incrociarsi o “ricombinarsi” e causare malattie in un’altra specie.

È importante sapere che i virus possono essere trasmessi dagli animali all’uomo principalmente in due modi:

  • Direttamente dall’ospite naturale o dalle sue secrezioni contaminate dal virus.
  • Attraverso un altro organismo che funziona come un ospite intermediario.

Va notato che i virus hanno i geni separati in segmenti. Pertanto, il genoma segmentato consente ai virus di diverse specie di mescolarsi o ricombinarsi per creare un nuovo virus. In questi casi, è normale che virus di due specie diverse infettino la stessa persona o animale contemporaneamente. Questo processo è noto come co-infezione.

Pangolino

Pertanto, il nuovo virus ha nuove proprietà. Ad esempio, potrebbe essere in grado di infettare l’uomo e diffondersi facilmente da persona a persona, e in questi casi si verifica una pandemia. A causa della novità della struttura virale, la maggior parte delle persone avrà poca o nessuna protezione contro le infezioni.

Il pangolino trasmette il coronavirus?

Indagini epidemiologiche hanno rivelato che molti pazienti iniziali erano esposti alla fauna selvatica nel mercato ittico all’ingrosso di Wuhan. Questo è il più grande mercato di pesce della Cina centro-meridionale, dove vendono diverse specie di pipistrelli, visoni, serpenti, ratti.

Inoltre, vengono comunemente venduti gatti di diverse razze, istrici, cani, uccelli e altri animali da allevamento. Questi mercati sono noti come “mercati umidi” in quanto sono tradizionalmente luoghi che vendono animali morti e vivi all’aperto.

È facile immaginare che il sangue e altri fluidi corporei provenienti da diverse specie animali rappresentino un’eccezionale fonte di contagio.

È importante notare che il pangolino non era nell’elenco degli animali sul mercato, forse a causa del divieto di commercializzazione. Dal 1 ° gennaio 2020 il mercato ittico nella Cina centro-meridionale è stato chiuso dal governo municipale di Wuhan.

Prove a favore di questa tesi

Un gruppo di scienziati nordamericani ha identificato un’elevata somiglianza nella sequenza genomica tra COVID-19 con un genoma del coronavirus ricostruito a partire dalla base dati del pangolino.

Un altro gruppo dell’Università di Hong Kong ha isolato i virus dal tessuto del pangolino. L’analisi delle sequenze del genoma virale ha determinato la presenza di due nuovi genomi del coronavirus. I genomi hanno una somiglianza compresa tra circa l’85,5 e il 92,4% con COVID-19.

Molto recentemente, i ricercatori di Guangzhou, in Cina, hanno suggerito che il pangolino (Manis pentadactyla) sono i probabili ospiti intermediari del COVID-19 per l’uomo. Questo suggerimento ha avuto origine dal rilevamento di CoV nei pangolini che sembrano essere strettamente correlati al COVID-19.

Queste informazioni provengono dalle dichiarazioni del rettore dell’Università di Agraria della Cina meridionale, ma non sono ancora state riportate in un articolo scientifico. Tuttavia, è necessaria cautela nella gestione delle informazioni, poiché le analisi genetiche sono ancora in corso.

Manis pentadactyla, ovvero pangolino

In che modo il pangolino trasmette il coronavirus?

Il pangolino è un mammifero sfuggente, con abitudini notturne e ricoperto di squame. Sfortunatamente, la medicina orientale ritiene che le sue varie parti del corpo, in particolare le sue squame, ma anche il sangue, le ossa e gli artigli, abbiano proprietà curative. Se il pangolino trasmettesse il coronavirus, la causa va ricercata nell’uso che l’essere umano fa di questo animale.

Nota finale

La diffusione del COVID-19 è un eccellente esempio della stretta relazione tra salute umana e animale, le condizioni dell’ecosistema e le abitudini umane.

Oggi sappiamo che sono presenti molti virus in natura. Tuttavia, la costante diffusione di questi dai loro ospiti naturali all’uomo e ad altri animali è in gran parte dovuta all’attività umana. Ciò include le moderne pratiche agricole e l’urbanizzazione.

Pertanto, il modo più efficace per prevenire la zoonosi virale è mantenere le barriere tra la natura e la società umana.

Se il pangolino dovesse davvero trasmettere il coronavirus, la sua commercializzazione dovrebbe essere severamente vietata sia in Cina che nel resto del mondo.

* Nota importante: venerdì 24 febbraio è stata annunciata la notizia che il pangolino non è l’origine del coronavirus.

  • Wong, M. C., Cregeen, S. J. J., Ajami, N. J., & Petrosino, J. F. (2020). Evidence of recombination in coronaviruses implicating pangolin origins of nCoV-2019. bioRxiv.
  • Li, J., Li, J., Xie, X., Cai, X., Huang, J., Tian, X., & Zhu, H. (2020). Game consumption and the 2019 novel coronavirus. The Lancet Infectious Diseases.
  • Heinrich, S., Wittmann, T. A., Prowse, T. A., Ross, J. V., Delean, S., Shepherd, C. R., & Cassey, P. (2016). Where did all the pangolins go? International CITES trade in pangolin species. Global Ecology and Conservation8, 241-253.
  • Lam, T. T. Y., Shum, M. H. H., Zhu, H. C., Tong, Y. G., Ni, X. B., Liao, Y. S., … & Leung, G. M. (2020). Identification of 2019-nCoV related coronaviruses in Malayan pangolins in southern China. bioRxiv.
  • Li, J., Li, J., Xie, X., Cai, X., Huang, J., Tian, X., & Zhu, H. (2020). Game consumption and the 2019 novel coronavirus. The Lancet Infectious Diseases.