Infezioni del gatto che possono contagiare l’uomo

· 28 Marzo 2019
I gatti possono darci molto amore e farci compagnia, ma possono anche diffondere malattie e infezioni che non dovrebbero essere prese alla leggera

Molte infezioni del gatto che possono contagiare l’essere umano provengono da morsi e graffi, mentre altre vengono trasmesse senza bisogno di contatto diretto.

Ci sono diverse infezioni del gatto che possono contagiare l’essere umano. Per questo motivo diventa essenziale conoscerle per prevenirle e agire in tempo.

Zoonosi è il termine scientifico utilizzato per indicare le malattie che gli animali, in questo caso i gatti, possono trasmettere all’uomo.

Le zoonosi sono poche, ma comunque pericolose.

Malattie come l’AIDS felino, il cimurro, l’influenza, i raffreddori e gli anchilostomi non possono essere trasmessi dagli animali alle persone. Tuttavia, altre, come la toxoplasmosi, la toxocariasi o la malattia da graffio del gatto, tra le altre, possono contagiare l’essere umano.

Le infezioni del gatto che possono contagiare l’essere umano

La maggior parte delle infezioni del gatto che possono contagiare l’essere umano si verificano attraverso morsi, graffi o contatto diretto con l’animale o con le sue feci. Morsi e graffi di gatto possono trasmettere germi dalla bocca del gatto alla pelle e questo può causare un’infezione, che può essere grave.

In generale, la pulizia immediata della zona lesa con acqua e sapone ridurrà al minimo il rischio di infezione, ma se si verificano gonfiore e infiammazione è meglio consultare un medico.

I principali tipi di malattie che i gatti possono trasmettere alle persone sono la rabbia, la salmonella, la tricofitosi, la toxoplasmosi, la malattia da graffio di gatto, l’infezione da Campylobacter e la toxocariasi.

Infezioni del gatto: la rabbia

La rabbia è un’infezione virale fatale che colpisce il cervello e il midollo spinale e provoca irritazione e infiammazione.

I gatti malati sono stati infettati da un altro animale, di solito randagio, che trasporta il virus nella sua saliva. Questo virus si diffonde principalmente per mezzo di punture.

Infezioni del gatto trasmesse tramite morso

Questa malattia, che si manifesta più spesso nei cani che nei gatti, può diffondersi anche quando i gatti affetti dalla rabbia mordono gli umani. Quando compaiono i sintomi, la rabbia è sempre fatale sia per gli animali che per gli umani.

I sintomi della rabbia possono richiedere tra i 20 e i 60 giorni per manifestarsi e variano da persona a persona, ma uno su cinque soggetti che hanno la rabbia sviluppano una paralisi crescente.

I sintomi appaiono spesso come influenza, mal di gola, mal di testa, febbre, nausea e vomito. Depressione, irrequietezza e insonnia spesso segnano anche l’insorgenza dei sintomi della rabbia.

Infezioni del gatto: la salmonellosi

I batteri della salmonellosi o salmonella si trovano nell’intestino e nelle feci di uomini e animali, così come in molti prodotti alimentari, specialmente nella carne cruda.

I batteri della salmonellosi possono causare intossicazione alimentare, che a sua volta porta a diarrea e vomito.

Le persone possono essere infettate dalla salmonellosi tramite il contatto diretto con i loro animali domestici o le loro feci.

Lavarsi le mani correttamente è essenziale dopo aver toccato gli animali domestici, soprattutto dopo aver pulito le gabbie degli animali o essere stati a contatto con le feci. I sintomi dell’avvelenamento da salmonellosi sono mal di testa, febbre, diarrea e crampi addominali.

La tricofitosi

La tricofitosi o piede d’atleta è una malattia della pelle causata da un fungo. È anche conosciuto come dermatofitosi. Provoca lesioni circolari sotto la pelle. La tricofitosi è un’infezione nello strato morto di pelle, capelli e unghie. Può essere facilmente trasmessa tra animali domestici e persone attraverso il tatto.

Bambini dormono con gatto

Il segno più comune di tricofitosi è un’eruzione dolorosa e pruriginosa. A volte, l’eruzione cutanea può diventare squamosa e si possono formare delle vesciche.

La tricofitosi solitamente colpisce i piedi, l’inguine, il cuoio capelluto e le unghie. C’è anche una forma di tricofitosi del corpo che può svilupparsi ovunque sulla pelle.

Infezioni del gatto: la toxoplasmosi

La toxoplasmosi è un’infezione causata da un parassita a cellule singole, toxoplasma gondii, che può riprodursi solo nelle cellule che rivestono l’intestino dei gatti.

Anche se è vero che la maggior parte degli animali domestici può essere portatrice di questa malattia, solo i gatti vengono contagiati dalle uova che causano questa infezione.

I gatti la contraggono mangiando roditori o insetti o entrando in contatto con altri gatti infetti o con le loro feci.

Toxoplasmosi

L’infezione da toxoplasmosi viene trasmessa agli esseri umani quando non si lavano le mani dopo essere entrati a contatto con le feci del gatto. Può anche essere contratta mangiando frutta e verdure non lavate cresciute nel terreno contaminato dalle feci di gatto. Anche mangiare carne cruda o poco cotta espone le persone al contagio con la forma inattiva del parassita.

Se una persona ha acquisito la toxoplasmosi dopo la nascita, non ci sono quasi mai sintomi. Nei neonati, i sintomi lievi possono comparire poco dopo la nascita, ma quasi sempre anni dopo. I sintomi variano enormemente, a seconda del tipo di toxoplasmosi con cui una persona è stata infettata.

I possibili sintomi includono febbre, una sensazione generale di malessere e linfonodi ingrossati. Se il sistema immunitario di una persona è stato compromesso in qualche modo, la toxoplasmosi può causare infezioni cerebrali potenzialmente letali.

La malattia da graffio di gatto

La malattia da graffio di gatto è un’infezione che si verifica nella zona in cui si verifica un graffio di gatto causata dal batterio Bartonella henselae. I gatti, i cui artigli sono particolarmente affilati, trasmettono spesso questa infezione, anche attraverso un piccolo graffio.

Questo tipo di batteri infetta le pareti dei vasi sanguigni negli esseri umani, mentre i gatti non mostrano sintomi.

Gatto che soffia

Quando si verifica questa malattia, si può sviluppare una vescica rossa attorno al graffio. Alcuni dei sintomi più comuni della malattia da graffio di gatto sono linfonodi ingrossati, febbre. In alcuni casi, anche diminuzione dell’appetito.

Nella maggior parte delle persone, questi sintomi scompariranno, ma per farlo occorrono dai due ai cinque mesi. Un esame del sangue può rivelare gli anticorpi contro i batteri che causano questa infezione.

Analgesici, drenaggio dei linfonodi e talvolta antibiotici sono i metodi più comuni per combattere questa malattia. La maggior parte delle persone guarisce completamente.

L’infezione da Campylobacter

È un batterio che provoca infezioni intestinali e può essere facilmente contagiato dai gatti agli esseri umani. Il contagio avviene quando le persone non si lavano le mani correttamente dopo essere entrati in contatto con le feci animali, soprattutto con la diarrea.

Il Campylobacter si trova anche nella carne e nel pollame non cotti, nell’acqua non trattata e nel latte non pastorizzato. Per cui le feci animali non sono l’unica origine di questi batteri che causano infezioni.

Alcuni dei sintomi dell’infezione da Campylobacter sono crampi addominali e dolore, diarrea, a volte con sangue, nausea e vomito, oltre alla febbre.

Infezioni del gatto: la toxocariasi

La toxocariasi o la sindrome della migrazione larvale viscerale è un’infezione causata da vermi nematodi parassiti.

Poiché l’uomo non è l’ospite definitivo del verme, le larve non sono in grado di maturare nel suo sistema immunitario, il che le fa migrare in modo irregolare in tutto il corpo causando reazioni infiammatorie.

Il tipo di verme trovato nei gatti è chiamato Toxocara cati. Il contagio agli esseri umani da parte di vermi intestinali è comune, specialmente nei paesi in via di sviluppo, dove i servizi igienico-sanitari sono spesso carenti e l’accesso all’acqua potabile è limitato.

Le cause dell’infezione da vermi intestinali seguono lo schema della maggior parte delle infestazioni da vermi. Le uova del verme vengono scaricate nelle feci di un animale o di un essere umano e possono essere ingerite direttamente se le mani contaminate toccano la bocca.

In seguito si schiudono nell’intestino e le larve penetrano la parete intestinale, entrando così nel flusso sanguigno e causando la diffusione in tutto il corpo.

In base all’età della persona, all’intensità dell’esposizione e alla sensibilità alle larve, i sintomi variano. Questi sono vari e comprendono polmonite, tosse, febbre, eruzioni cutanee e fegato ingrossato.

  • Graziani, C., Galetta, P., Busani, L., Dionisi, A. M., Filetici, E., Ricci, A., … Luzzi, I. (2005). Infezioni da Salmonella: diagnostica, epidemiologia e sorveglianza. Rapporti ISTISAN.
  • Rossi, L., Mancianti, F., Nardoni, S., Sfondrini, E., & Luini, M. (2012). Indagine sulla dermatofitosi in allevamenti bovini del Nord Italia. Large Animal Review.
  • Acheson, D. W. K. (2015). Campylobacter. In Clinical Infectious Disease, Second Edition. https://doi.org/10.1017/CBO9781139855952.150