Il ruolo dello scoiattolo grigio nella rigenerazione delle foreste

23 dicembre, 2020
Questi piccoli mammiferi hanno un ruolo chiave nella rigenerazione delle foreste americane. Proteggere questi scoiattoli è fondamentale per il futuro degli ecosistemi.

Lo scoiattolo grigio è da tempo considerato uno degli animali più importanti per quanto riguarda la rigenerazione delle foreste. Infatti, gli scienziati hanno dimostrato che questi piccoli mammiferi sono dei leader quando si tratta di dispersione dei semi.

Gli scoiattoli grigi abitano le foreste degli Stati Uniti, dove troviamo tre specie: lo scoiattolo grigio orientale (Sciurus carolinensis), lo scoiattolo grigio dell’Arizona (Sciurus arizonensis) e lo scoiattolo grigio della California (Sciurus griseus).

Sebbene si tratti di specie diverse tra loro, il comportamento è simile: raccolgono e disperdono i semi, contribuendo così a rigenerare le foreste. Ma come lo fanno? Scopriamolo in questo articolo.

In che modo lo scoiattolo grigio rigenera le foreste?

I fattori che fanno sì che gli scoiattoli grigi ricevano la medaglia d’oro come migliori rigeneratori delle foreste sono diversi. Tutti sono legati alla loro capacità di raccogliere i semi e distribuirli intorno.

Lo scoiattolo grigio seppellisce i semi

Il fattore principale che favorisce il successo dello scoiattolo grigio è l’enorme quantità di semi degli alberi che sono in grado di raccogliere. Gli studi condotti con questi animali mostrano che gli scoiattoli seppelliscono il 96,9% dei semi che raccolgono mentre mangiano il restante 3,1%.

Di questa grande quantità di semi che gli scoiattoli grigi seppelliscono, il 30% non verrà mai recuperato. Questi piccoli mammiferi seppelliscono i semi con l’idea di recuperarli quando il cibo scarseggia durante l’inverno, ma in realtà succede molto raramente.

Questi semi sepolti e non recuperati sono, per la maggior parte, l’inizio della rigenerazione di una foresta. Infatti, i semi sepolti germineranno e daranno origine a un nuovo albero.

Uno scoiattolo su uno sfondo bianco.


Seleziona i semi più sani

Il secondo fattore più importante che mostra l’efficienza dello scoiattolo grigio nel rigenerare le foreste è il tipo di semi che raccoglie. Studi dimostrano che gli scoiattoli preferiscono mangiare subito i semi danneggiati o che contengono parassiti e seppelliscono quelli più sani.

Il risultato di questa azione è il mantenimento della diversità genetica degli alberi, in modo che prevalgano i semi più forti. Pertanto, i semi sani sepolti dagli scoiattoli hanno maggiori probabilità di germogliare e di crescere rapidamente.

Impedisce la proliferazione dei parassiti nelle foreste

Il grande lavoro dello scoiattolo grigio non finisce qui: rimarrete davvero sorpresi da quello che verrà dopo. Pensate che lo scoiattolo grigio tiene a bada i potenziali parassiti delle foreste!

Gli scoiattoli grigi, oltre a nutrirsi di semi, sono ottimi predatori di insetti e larve. Questi artropodi sono fondamentali nella dieta di questi mammiferi, poiché forniscono loro la giusta quantità di proteine ​​e acidi grassi essenziali.

In genere gli scoiattoli mangiano gli insetti e le larve che danneggiano semi e alberi. In questo modo mantengono la foresta più sana impedendo la proliferazione dei batteri.

La rigenerazione delle foreste e il ruolo dello scoiattolo grigio

Ormai è chiaro che il ruolo dello scoiattolo grigio e dei semi che mangia è fondamentale per la rigenerazione delle foreste. Tuttavia, non tutte le specie di scoiattoli procedono allo stesso modo.

Ad esempio, anche lo scoiattolo rosso (Tamiasciurus hudsonicus), raccoglie un gran numero di semi. La differenza è che quest’ultimo, a differenza di quello grigio, li conserva nelle cavità degli alberi e ne seppellisce solo l’11%.

Quindi, questi semi “nascosti” negli alberi non serviranno a rigenerare la foresta, poiché non germineranno come quelli seppelliti nel terreno.

Gli scienziati sottolineano inoltre che questi scoiattoli non selezionano i semi sani. In conclusione, lo scoiattolo rosso è un predatore di semi e non un rigeneratore di foreste come quello grigio.

Uno scoiattolo grigio su un albero.


Stato di conservazione dello scoiattolo grigio

Fortunatamente, lo scoiattolo grigio non è una specie minacciata. Anzi, gli ultimi dati della International Union for Conservation of Nature (IUCN) mostrano che il numero di esemplari è in aumento.

Inoltre, le popolazioni non sono frammentate e molti di loro vivono in aree protette. Gli ambientalisti e gli studiosi hanno ampiamente dimostrato che nei luoghi dove si trovano gli scoiattoli, la foresta si rigenera meglio e più velocemente.

  • Cassola, F. 2016. Sciurus carolinensis. The IUCN Red List of Threatened Species 2016: e.T42462A22245728
  • Goheen, J. R., & Swihart, R. K. (2003). Food-hoarding behavior of gray squirrels and North American red squirrels in the central hardwoods region: implications for forest regeneration. Canadian Journal of Zoology, 81(9), 1636-1639.
  • Rosenblatt, D. L., Heske, E. J., Nelson, S. L., Barber, D. M., Miller, M. A., & MacALLISTER, B. R. U. C. E. (1999). Forest fragments in east-central Illinois: islands or habitat patches for mammals?. The American midland naturalist, 141(1), 115-123.
  • Steele, M. A., Wauters, L. A., & Larsen, K. W. (2005). Selection, predation and dispersal of seeds by tree squirrels in temperate and boreal forests: are tree squirrels keystone granivores. Seed fate: predation, dispersal and seedling establishment, 205-221.
  • Zollner, P. A. (2000). Comparing the landscape level perceptual abilities of forest sciurids in fragmented agricultural landscapes. Landscape ecology, 15(6), 523-533.