Inquinamento delle acque: come influisce sui pesci?

07 gennaio, 2021
L'inquinamento dell'acqua è causato dall'azione umana. I rifiuti di plastica, lo scarico e l'eutrofizzazione sono alcune delle sue cause principali.

Gli ecosistemi acquatici del pianeta sono gravemente colpiti dall’inquinamento delle acque causato dall’attività umana. Purtroppo, la biodiversità dei pesci e di altre specie è in declino a causa di questo fenomeno.

I metalli pesanti, le microplastiche, i cambiamenti fisico-chimici nell’acqua e l’eutrofizzazione dei laghi e dei fiumi, influenzano direttamente la diversità, l’abbondanza e il ciclo di vita dei pesci marini e d’acqua dolce. Proseguite con la lettura per scoprire alcuni dei principali problemi derivanti dall’inquinamento delle acque.

Microplastiche nell’acqua

L’essere umano è l’unico produttore di plastica e, quindi, la sua presenza nella terra o nell’acqua è una diretta conseguenza della nostra attività. Nonostante i pochi sforzi per ridurre il suo consumo, abbiamo la prova della presenza di microplastiche nell’oceano dagli anni ’60 in avanti.

Le microplastiche sono pezzi molto piccoli di materiale inorganico che inquinano l’ambiente. La National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) considera questo termine per descrivere le materie plastiche di diametro inferiore a cinque millimetri.

Questi elementi possono avere molteplici origini: pneumatici, prodotti per la pulizia, cosmetici, abbigliamento, rifiuti di plastica di uso quotidiano (bottiglie, sacchetti, contenitori e cannucce), processi industriali, ecc. Si stima che tra il 2% e il 5% di tutte le materie plastiche prodotte finisca negli oceani.

Tipi di microplastiche

Le microplastiche sono suddivise in diverse categorie. Sono riassunti qui di seguito:

  • Primarie: sono le particelle di plastica lanciate direttamente nell’ambiente. Ad esempio, dentifrici, gel e altri prodotti cosmetici attraverso le acque di scarico.
  • Secondarie o nanoplastiche: hanno origine dal degrado di grandi oggetti di plastica, come sacchetti, bottiglie o reti da pesca. Esse rappresentano la più grande percentuale di microplastica dell’oceano.

Le materie plastiche non si degradano, ma vengono scomposte in parti più piccole. In seguito, vengono ingerite da tutti i tipi di animali marini e d’acqua dolce: pesci, crostacei e molluschi. Inoltre, finiscono per alloggiare nei tessuti di questi animali e molti di loro ci raggiungono attraverso la catena alimentare.

I livelli di microplastiche in una specie marina non sono solo dovuti al consumo diretto di queste particelle. Purtroppo, aumentano anche a causa dell’ingestione di altre specie che hanno mangiato a loro volta microplastiche ad un certo punto del loro ciclo di vita.

L’inquinamento delle acque modifica il comportamento dei pesci

Fiumi e mari sono depositi per grandi quantità di scarichi di acque reflue, che sono prodotti dall’attività industriale e mineraria. Questi rifiuti, generano un grande impatto sull’acqua e sui suoi abitanti.

Tanto è vero, che sono stati osservati cambiamenti nel comportamento dei pesci nel Tamigi a causa dello scarico di rifiuti, come cocaina o caffeina, nelle fognature della città.

Queste sostanze stupefacenti, che raggiungono i pesci attraverso i resti dell’urina dei consumatori, provocano gli stessi effetti di euforia e iperattività che le persone sperimentano. La ricerca in condizioni sperimentali replicata in laboratorio produce gli stessi risultati negli animali.

Queste sostanze si accumulano nel cervello, nei muscoli, nelle branchie e nella pelle e generano un cambiamento nel comportamento dei pesci che può influire sulla loro sopravvivenza. Questo è particolarmente importante in relazione al comportamento di fuga davanti ai predatori.

L’eutrofizzazione dell’acqua

L’eutrofizzazione è un eccesso di nutrienti nell’acqua dovuto all’accumulo di rifiuti organici. Questi nutrienti, composti principalmente da azoto e fosforo, causano la proliferazione incontrollata di alghe che finiscono per consumare l’ossigeno nell’acqua. Ciò avviene di solito in sistemi in cui il rinnovo dell’acqua è scarso, come i laghi e i bacini idrici.

Le cause dell’eutrofizzazione delle acque possono essere molteplici. Per esempio, i fertilizzanti, gli escrementi di bestiame e l’attività industriale. Oltre a ciò, troviamo anche le emissioni di ossidi di azoto e di zolfo che precipitano dall’atmosfera sotto forma di pioggia o di rifiuti delle attività forestali.

L’esplosione di alghe, che accompagna la prima fase di eutrofizzazione, fa sì che l’acqua diventi torbida, impedendo alla luce di penetrare sul fondo del corpo idrico.

Le piante degli strati inferiori non sono in grado di fotosintetizzare e rinnovare l’ossigeno in questi strati e finiscono per morire, così come i pesci e le altre specie animali. Molte delle morti di massa dei pesci hanno la loro origine nell’eutrofizzazione delle acque.

Il risultato di questa reazione a catena è acqua dall’aspetto torbido e denso con una grande quantità di biomassa. Questo potrebbe sembrare positivo a prima vista, ma porta alla perdita di qualità dell’acqua e alla diminuzione della biodiversità delle specie dell’ecosistema.

Eutrofizzazione in un fiume.

Inquinamento delle acque: un’azione di origine umana

Come abbiamo visto in questo articolo, sia la mancanza di vita che un suo eccesso, possono essere deleteri per un ecosistema acquatico. In ogni caso, la presenza di microplastiche nei mari è il nemico più immediato e preoccupante che dobbiamo combattere.

L’inquinamento sta uccidendo la vita marina e d’acqua dolce ed è certamente nelle nostre mani cambiare il corso delle cose. La riduzione dei rifiuti è la chiave della sopravvivenza del pianeta.

  • Microplastics in fisheries and aquaculture, FAO, 2017.
  • The Times. Cocaine in Thames makes eels hyperactive, 2019.
  • Fundacionaquae