Integratori di magnesio per cani: perché sono importanti?

03 marzo, 2021
Il magnesio è un oligoelemento essenziale per il corretto funzionamento del corpo. Ma perché è importante dare integratori di magnesio ai cani?

Le diete equilibrate per i cani forniscono la quantità sufficiente di magnesio di cui l’animale ha bisogno. Tuttavia, in alcuni casi, a causa di specifiche condizioni di salute, i cani possono avere bisogno di integratori di magnesio.

La quantità di magnesio nel corpo è inferiore a quella del calcio o del fosforo. In realtà, per il 60-70% il magnesio è immagazzinato principalmente nelle ossa. Oltre alla funzione di fornire una struttura allo scheletro, il magnesio è coinvolto in altre vie metaboliche del corpo. Difatti, è il catione intracellulare più abbondante, da cui dipendono molte delle funzioni del corpo.

Gli alimenti più ricchi di questo oligoelemento sono per lo più di origine vegetale. Tra questi ci sono i cereali integrali i legumi ed anche i latticini.

Gli integratori di magnesio possono essere usati come un farmaco nei cani in gravidanza o nel postpartum.

Gli integratori di magnesio nei cani possono essere utilizzati come un farmaco terapeutico per curare o regolare la preeclampsia nei cani in gravidanza. L’eclampsia è causata da un calo dei livelli di calcio nel sangue. Il magnesio può anche essere usato per trattare certi tipi di aritmie.

Cane in gravidanza, benefici integratori di magnesio.

Gli integratori di magnesio nei cani migliorano il diabete

Il magnesio migliora il controllo glicemico negli esemplari con diabete mellito. Quando l’integrazione di magnesio viene aggiunta alla dieta, aiuta ad abbassare le concentrazioni di glucosio sia a digiuno che dopo i pasti. Inoltre, aumenta anche la sensibilità all’insulina.

Prevengono l’arteriosclerosi

Fino a qualche tempo fa, l’arteriosclerosi non era una malattia comune nei cani. Infatti, i cani erano considerati resistenti a questa condizione. Tuttavia, al giorno d’oggi vengono segnalati sempre più casi di arteriosclerosi nei cani. Si pensa che questo avvenga a causa della loro vicinanza all’uomo, del loro ruolo di animali domestici e della cattiva alimentazione a cui sono sottoposti. Ad esempio, molti cani sono alimentati in eccesso e con cibo destinato agli umani.

Questa malattia è caratterizzata dalla formazione di placche fibrose in uno degli strati delle vene e delle arterie e da depositi di grasso. In questi casi, gli integratori di magnesio possono abbassare i trigliceridi nel sangue, l’infiammazione e aumentare l’HDL o il cosiddetto “colesterolo buono”.

Veterinario esamina le articolazioni di un cane.

Aiutano a contrastare l’ipertensione

Gli integratori di magnesio agiscono assieme ai farmaci per l’ipertensione nei cani, aumentandone la loro efficacia. Pertanto, è interessante l’uso combinato di questi integratori con farmaci mirati per l’ipertensione. In ogni caso, sempre sotto stretto controllo veterinario.

Possono aiutare la salute dei cani con malattie renali croniche

La perdita progressiva della funzione renale è accompagnata da un’alterazione della calcificazione ossea e da una diminuzione dell’escrezione di fosforo e promuove anche la calcificazione vascolare. Tutto questo può portare all’iperfosfatemia del cane, che può provocare un’intossicazione e, in alcuni casi, la morte.

Il magnesio, combinato con altri componenti, aiuta l’assorbimento del fosforo libero. Questo migliora la calcificazione delle ossa e riduce la concentrazione di ioni fosfato nel sangue.

Il magnesio come condroprotettore

Molti condroprotettori o altri integratori di cartilagine per cani contengono magnesio. Questo perché, occasionalmente, i problemi articolari possono iniziare con una carenza di magnesio nella dieta o un’incapacità di assimilare il magnesio. Così, il magnesio è responsabile di fissare il calcio e di permetterne il riassorbimento.

  • Ávila Adarme, H. R., Rairán, N., & Rafael, L. (2016). Diagnóstico histopatológico de arterioesclerosis en perros (Canis lupus familiaris). Revista de Medicina Veterinaria, 1(32), 79-89.
  • Barbagallo, M., & Domínguez, L. J. (2013). Magnesio, diabetes y síndrome metabólico. Cirugía y Cirujanos, 81(5), 365-367.
  • De Francisco, Á. L., & Rodríguez, M. (2013). Magnesio y enfermedad renal crónica. Nefrología (Madrid), 33(3), 389-399.
  • García, M. Y., Bernando, M. L. D., & Burguera, M. P. (2006). Cuantificación y evaluación de calcio, magnesio, estroncio, cobre, zinc y hierro en muestras óseas y suero sanguíneo de pacientes con artrosis. VITAE.
  • Martínez Gómez, E. F. J. (1988). Influencia de la dieta rica en magnesio sobre la aparición de fibrilación ventricular en el infarto agudo del miocardio experimental en perros (Doctoral dissertation, Universidad Autónoma de Nuevo León).
  • Reséndiz Aparicio, J. C., & Aguirre García, E. (2008). Epilepsia, magnesio y valproato. Revista Mexicana de Neurociencia, 9(3), 206-214.
  • Risso, A. L. (2016). Conceptos Básicos de Nutrición en perros y gatos.