La carpa: un pesce d’acqua dolce

24 Marzo 2019
Grazie alla sua grande adattabilità, questo pesce fluviale originario dell'Asia e dell'Europa si è diffuso in tutto il mondo, quindi è considerato una specie esotica invasiva.

La carpa è un pesce d’acqua dolce che si distingue per la sua incredibile varietà di colori e dimensioni. Nonostante sia considerata una specie esotica, attualmente vive in tutti i continenti, ad eccezione dell’Antartide.

In questo articolo, conosceremo meglio la carpa d’acqua dolce, il suo habitat naturale e il suo stile di vita.

La carpa: tassonomia e caratteristiche fisiche

Comunemente, si usa il termine “carpa” per indicare numerose specie di pesci appartenenti alla famiglia dei Cyprinus. In questa incredibile biodiversità naturale, la specie più diffusa e riconosciuta è la carpa comune (Cyprinus carpio).

Attualmente, le carpe comuni si suddividono in tre sottospecie distinte, che costituiscono la famiglia delle carpe dorate:

  • Cyprinus carpio carpio: originaria del continente europeo.
  • Cyprinus carpio haematopterus: originaria del continente asiatico.
  • Cyprinus carpio rubrofuscus: originaria del sud-est asiatico.

Queste specie sono caratterizzate dai colori brillanti delle loro grandi squame e dalle pinne robuste. In generale, il colore grigio predomina nella parte superiore del corpo, che può esibire una grande varietà di colori. I toni verdastri e bluastri con contrasti dorati sono di solito i più frequenti in natura.

Il loro corpo è allungato e compatto, ma di notevole robustezza. Le dimensioni possono variare, ma gli esemplari adulti di solito misurano tra i 60 e i 90 centimetri, con un peso corporeo medio di nove chili.

Alcuni esemplari possono raggiungere i 1,2 metri di lunghezza e pesare fino a 40 chili nella loro fase adulta.

Habitat naturale e capacità di adattamento della carpa

Come possiamo vedere, le diverse specie di carpe provengono dalle acque fredde e dolci dell’Asia e dell’Europa. Tuttavia, grazie alla sua impressionante resistenza e adattabilità, la carpa è stata in grado di diffondersi nelle acque dolci di tutti i continenti.

È stato osservato che questi pesci possono sopravvivere anche in ambienti difficili, in cattive condizioni di riproduzione e cattive condizioni di salute, purché la temperatura non superi i 25 ° C.

Tassonomia della carpa

Questa crescita sproporzionata della popolazione delle carpe le include tra le 100 specie esotiche invasive più dannose al mondo. Questa lista è stata stilata dall’Unione internazionale per la conservazione della natura.

Oltre ad essere una specie esotica invasiva, la carpa si è adattata in modo ottimale anche alla vita negli acquari, nelle vasche e negli stagni. Anzi, in queste condizioni sono in grado di godere di una longevità maggiore, con cibo abbondante, igiene e assenza di predatori. Si stima che, in condizioni di vita eccellenti, le carpe possano vivere fino a 60 anni.

Alimentazione della carpa

La carpa è un animale onnivoro, la cui dieta è basata sul consumo di piante acquatiche, crostacei, insetti e persino piccoli pesci. Quando vengono allevati negli acquari o negli stagni, possono mangiare anche vermi, larve, alghe e persino verdure come la lattuga.

Riproduzione e ordine sociale della carpa

Come con la maggior parte delle specie, la primavera annuncia l’inizio del periodo riproduttivo delle carpe. In questa fase, questo pesce cercherà aree più profonde e più fredde, con una vegetazione più densa, per depositare le uova.

Si stima che ogni carpa adulta rilasci una media di 300.000 uova per periodo fertile. Ma alcune specie possono rilasciare più di un milione di uova in un’unica primavera. Immediatamente dopo la deposizione delle uova da parte della femmina, il maschio esegue la fecondazione esterna, in cui rilascia i suoi gameti.

Durante questa fase, i maschi saranno responsabili di rimanere nel luogo di fecondazione fino alla schiusa delle uova.

Generalmente, le carpe neonate impiegano tra i tre e i quattro giorni per abbandonare le uova e iniziare il loro ciclo di vita.

I maschi sono i primi a raggiungere la maturità sessuale, a quattro anni. Le femmine di solito impiegano qualche mese in più per diventare adulte e fertili.

La koi: la carpa allevata in cattività in Giappone

Alla fine del XIX secolo il Giappone si concentrò sulla creazione in cattività di una nuova razza di carpe: la koi. Questi pesci sono più piccoli dei loro “parenti”, ma mantengono la grande varietà di colori e luminosità che caratterizzano queste specie.

Carpa koi

Le carpe koi sono state allevate fondamentalmente come animali domestici, facilmente adattabili agli acquari e alle vasche di pesci.

In realtà, il loro nome in lingua giapponese significa “affetto”. Il loro allevamento ha avuto un tale successo che molti sono diventate allevatori professionisti di carpe e si sono specializzati nelle carpe koi.