Acquario domestico: dove bisogna collocarlo?

· 4 novembre 2018
Avere un acquario richiede responsabilità. I pesci hanno bisogno di attenzione costante e cure particolari.

La scelta del luogo ideale in cui mettere l’acquario domestico è essenziale per garantire ai vostri pesci di vivere e crescere nel miglior habitat possibile.

In questo articolo vi daremo tutte le informazioni necessarie e qualche consiglio utile per collocare l’acquario domestico nella zona più adatta della vostra casa.

Un acquario non è un ornamento, richiede cura!

E’ senz’altro vero che un bell’acquario può trasformarsi in un elegantissimo ornamento della casa.

Ma oltre al lato estetico, non bisogna dimenticare che è, soprattutto, un vero e proprio ecosistema. All’interno, ci sono molte vite che meritano di essere curate e preservate.

Avere un acquario richiede responsabilità. I pesci hanno bisogno di attenzione costante e cure particolari. Non dovrete occuparvi solo della loro dieta, ma anche dell’igiene, della tranquillità dell’ambiente, della temperatura e della quantità di luce che gli arriva.

Persino se decidete di aggiungere flora all’interno dell’acquario, occorrerà rispettare delle ulteriori misure preventive.

I pesci sono molto sensibili e basta davvero poco per mettere in pericolo la loro sopravvivenza.

Vediamo dunque come fare per garantire sempre il loro benessere e proteggere la loro salute come meritano.

Acquario a sfera

È consigliabile posizionare l’acquario in un ambiente domestico regolarmente frequentato. In questo modo, è possibile osservare il comportamento dei pesci e riconoscere eventuali cambiamenti nelle dinamiche di questo piccolo ecosistema sottomarino.

Dove collocare l’acquario: tutelare la salute dei pesci

Un acquario è sinonimo di tranquillità ed equilibrio. E così dovrebbe essere anche il posto che avete scelto per posizionarlo, si tratti della vostra casa o del vostro ufficio.

Non lasciate mai un acquario all’aperto. I colpi di freddo e di calore sono molto pericolosi per la salute di qualsiasi pesce.

L’ideale è preferire un ambiente ventilato e con una buona incidenza di luce solare. Le correnti d’aria eccessive possono cambiare la temperatura dell’acqua, per questo motivo sono da evitare.

Luminosità ed elettricità

Anche l’eccessiva luminosità può essere dannosa: troppa luce può causare una sovrappopolazione di alghe.

Ciò significa uno squilibrio nell’ecosistema all’interno dell’acquario. Inoltre, i raggi solari in eccesso possono surriscaldare l’acqua e generare cambiamenti negativi.

Un’altra precauzione fondamentale è quella di posizionare l’acquario in uno spazio dove ci sono poche fonti elettriche.

Non dimenticare che l’acqua è il miglior conduttore naturale di energia elettrica. Per il movimento o l’attività dei pesci, è possibile che vengano generati degli schizzi. Bastano poche gocce d’acqua per causare un importante corto circuito in casa.

Collocare l’acquario in casa secondo il Feng Shui

Il Feng Shui dedica particolare attenzione agli acquari come elementi di armonizzazione degli ambienti. Ma è necessario scegliere il luogo ideale per godere dei benefici energetici di una vasca per i pesci.

Vi consigliamo di utilizzare una bussola per poter trovare la corretta posizione, rispettando i dettami di questa antica filosofia cinese.

Il consiglio è semplice e chiaro: l’acquario dovrà sempre essere posizionato sul lato destro di una finestra. Preferibilmente nella zona nord della casa o nell’ambiente di lavoro. Questa disposizione sarebbe perfetta per fornire buone energie all’ambiente.

L’acquario non dovrebbe mai essere posizionato a sinistra, in quanto potrebbe attirare vibrazioni negative. Principalmente nei rapporti di lavoro e con il vostro partner.

Un ulteriore consiglio derivante dal Feng Shui riguarda il numero di pesci da inserire nel vostro acquario. Il totale deve essere sempre multiplo di 9, poiché questo numero rappresenta l’abbondanza.

I colori giusti

Per ottimizzare i benefici energetici, vale la pena dedicare tempo anche alla scelta dei colori dei pesci che andranno a comporre il vostro acquario domestico.

Abbiamo raccolto in un breve elenco, alcuni dei colori più popolari, con la spiegazione di ciò che trasmettono:

  • Arancione: prosperità / abbondanza.
  • Rosso: ricchezza / guarigione / potere.
  • Nero (e marrone scuro): autorità / denaro / saggezza.
  • Blu: Serenità / abbondanza.
  • Bianco: pace / pulizia

Differenti tonalità e ambiente

E’ interessante armonizzare i colori dei pesci con quelli degli ambienti di casa vostra, creando così una specie di unità energetica positiva. Il colore dominante dovrebbe essere quello che per voi ha un significato più appropriato. Evitate i contrasti troppo forti.

Pesci rossi nuotano in un acquario domestico

Quando si cerca di migliorare l’ambiente di lavoro, si consiglia di posizionare l’acquario in un punto in cui possa essere osservato da tutti i collaboratori. In modo che nessuno sia danneggiato o si senta discriminato.

Gli acquari possono anche essere usati per trasmettere serenità ai malati. Ecco perché sono così comuni negli studi dentistici e in altre cliniche.

L’importanza della pulizia del vostro acquario domestico

Una volta scelto il luogo perfetto in cui posizionare l’acquario domestico, ricordate che dovrete occuparvi anche della sua corretta pulizia.

L’igiene è un elemento fondamentale per salvaguardare la vita dei pesci e degli altri microorganismi che popoleranno questo piccolo ecosistema.

I pesci respirano, si idratano e si nutrono, dentro l’acqua. Pertanto è essenziale che tutto sia in perfette condizioni. Altrimenti, non è possibile assicurare la loro sopravvivenza.

L’ideale è avere un sistema di filtri adatti alle dimensioni e al numero di pesci del vostro acquario.

Dovrete anche disinfettare l’interno dell’acquario e cambiare completamente l’acqua almeno una volta al mese.

È molto importante evitare l’accumulo di cibo sul fondo. Questa è la principale fonte di contaminazione in un acquario e può rappresentare un serio problema per eventuali malattie.