Le malattie della pelle più comuni nei cani

15 novembre, 2015
 

Molti allevatori di animali sono fieri del pelo dei loro cani e se ne prendono ogni giorno grande cura, talvolta però senza rendersi conto che la bellezza della pelliccia è direttamente relazionata allo stato di salute della pelle. Con questo articolo vogliamo dunque trattare il tema delle malattie della pelle più facili da riscontrare nei cani.

Parassiti e piaghe

Il fenomeno di pulci e zecche è spesso alla base di una svariata quantità di malattie della pelle nei cani. Questo tipo di parassiti punge i cani al fine di alimentarsi con il loro sangue, causandogli un prurito tale da costringere l’animale a grattarsi in maniera compulsiva. In genere, le punture di pulci e zecche sono causa di arrossamenti e infiammazioni nella zona colpita, che potrà peggiorare a forza di grattarsi.

È bene tenere a mente che per questo genere di problemi devono essere presi seri provvedimenti quanto prima, in modo tale da evitare che, oltre a causare fastidi e dermatiti all’animale, si contraggano malattie più gravi come l’ehrlichiosi canina o, in caso di infestazioni particolarmente gravi, l’anemia.

Rogna e scabbia

La rogna demodettica e la rogna sarcoptica sono malattie causate da acari che genereranno un’importante infiammazione sulla pelle. Con l’avanzamento della malattia, il cane comincerà a perdere il pelo, e sentirà inoltre un prurito sempre più acuto su tutto il corpo.

Il trattamento di questa malattia prevede l’uso di shampoo e spray specifici, oltre a medicinali che servano all’animale a sopportare il dolore e il prurito. Fortunatamente, un cane sottoposto a trattamento potrà in breve tempo recuperarsi del tutto, e se la malattia non ha raggiunto uno stadio avanzato, non rimarrà alcun effetto visibile sulla pelle.

 
cane-ammalato

Dermatofitosi

La dermatofitosi è una malattia altamente contagiosa causata da un fungo, e può colpire sia i cani che l’uomo. E’ caratterizzata dall’apparizione di macchie rosse nella pelle in corrispondenza delle quali avverrà la caduta del pelo.

Si presenta inizialmente come una piccola lesione, che va poi ad estendersi per tutta la zona circostante ed eventualmente sugli altri animali o membri della famiglia. Questo fungo va trattato non appena viene individuato, per evitarne una rapida diffusione.

Irritazioni da allergie

All’incirca il 10% dei cani soffre di un qualche tipo di allergia che può sfociare in una dermatite atopica. Anche se la causa principale delle allergie è legata al consumo di determinati alimenti, esse possono anche derivare da fattori come il polline, gli insetti o i parassiti.

Si verificherà l’apparizione di arrossamenti, di pustole o di infiammazioni alla pelle, sulle palpebre o sulle labbra. Quando la malattia colpisce la pelle essa è solitamente accompagnata da prurito, bolle e secchezza che portano alla desquamazione del tessuto. I trattamenti alle allergie si basano di norma sull’implemento di una dieta di eliminazione monitorata dal veterinario.

 

Apparizione di calli

Nonostante non si possa parlare di una malattia, anche i calli possono essere causa di disturbi quando appaiono sulle congiunture del cane.

Sono denominati calli quei punti neri, rinsecchiti, crostosi e privi di peluria che si formano a causa di un eccessivo sfregamento delle congiunture contro superfici dure. Il problema relativo ai calli è che, se non vengono curati, possono arrivare a ulcerarsi o a scoppiare, causando sanguinamenti e un forte dolore all’animale.

carezza-cane-2

Traumatismi della pelle

Gli incidenti possono essere causa di conseguenze permanenti per la pelle dei nostri animali. Nei casi più gravi in cui appaiono cicatrici, come nel caso di i interventi chirurgici, bruciature o colpi, saranno richiesti un monitoraggio e dei controlli costanti al fine di evitare ulteriori inconvenienti futuri.

Il trattamento delle ferite gravi prevede l’uso di antibiotici, cicatrizzanti e antisettici; una ferita che non si è cicatrizzata bene può causare conseguenze che vanno dalla suppurazione a infezioni gravi, per cui si raccomanda di curare le cicatrici per tempo, così da evitare maggiori fastidi al cane.

 

Uno degli ambienti dove i cani tendono a farsi maggiormente male è la cucina. Evitate dunque al vostro cane di accedervi, almeno non mentre state cucinando.

Tumori

Il fenomeno dell’apparizione di tumori e cisti è comune nei cani in età avanzata, e nonostante non sempre si tratti di neoplasie cancerogene, sarà sempre necessario un trattamento onde evitare che si propagano. Il trattamento previsto potrà variare in base alle dimensioni del tumore e della ciste e alla gravità degli stessi.