Le malattie trasmesse dai conigli all'uomo

Per garantire la vostra salute e quella dei vostri animali, le malattie trasmesse dai conigli non vanno trascurate se convivete con uno. Qui potete conoscere le più importanti.
Le malattie trasmesse dai conigli all'uomo

Ultimo aggiornamento: 22 settembre, 2021

Questi lagomorfi sono diventati molto popolari nelle case. Tuttavia, le conoscenze su come prevenire le malattie trasmesse dai conigli non sono così estese come nel caso di cani e gatti.

Pertanto, il primo passo per evitare problemi quando si hanno questi animali domestici sarà conoscere le zoonosi più comuni e come possono essere diffuse tra animali e tutori. Inoltre, qui troverete suggerimenti sulla prevenzione in questa materia.

Quali sono le malattie trasmesse dai conigli?

Ci sono diversi tipi di malattie che potete contrarre dal contatto con un coniglio. Qui le troverete classificate in base all’agente infettivo che le provoca, ovvero: patologie virali, fungine, batteriche e parassitarie.

Malattie causate da parassiti

In generale, se i conigli non escono all’aperto e sono in condizioni igieniche ottimali, non dovrebbero ospitare parassiti. Tuttavia, se così fosse, possono trasmettere una serie di malattie:

  • Cheyletiellosi: la Cheyletiella parasotivorax è un acaro molto contagioso e capace di infettare anche l’uomo, anche se solitamente scompare da solo in circa 3 settimane. Produce dermatiti localizzate e prurito. Questo acaro è noto come “forfora ambulante” perché a volte è possibile vederlo muoversi direttamente attraverso il pelo.
  • Giardiasi: Giardia duodenalis è un protozoo flagellato che si deposita nel tratto intestinale dell’animale, producendo diarrea continua. Non colpisce gli esseri umani a meno che non siano immunodepressi, ma la diarrea in un coniglio può essere fatale se non viene trattata in tempo.
  • Leishmaniosi: i conigli possono fungere da serbatoio asintomatico per la Leishmania infantum, ma una zanzara flebotomi ha bisogno di mordere il coniglio e poi una persona per infettarlo. Negli esseri umani, la leishmaniosi provoca difficoltà nella respirazione e nella deglutizione, ulcere sulla pelle, sulla bocca e sulle labbra, congestione e sangue dal naso, febbre, affaticamento, debolezza, perdita di appetito e sudorazione fredda.
  • Coccidiosi: i coccidi sono protozoi che vivono principalmente nell’apparato digerente. Possono causare diarrea (a volte sanguinolenta), infiammazione intestinale e disidratazione. Sono trasmessi all’uomo attraverso la manipolazione delle feci.
  • Microsporidiosi: Encephalitozoon cuniculi è facile da riconoscere perché lascia i conigli con la testa su un lato, poiché causa la sindrome vestibolare. Nell’uomo colpisce anche il sistema nervoso, principalmente il cervello (e i reni).
Le malattie trasmesse dai conigli

Malattie trasmesse dai conigli causate da funghi

Molti dei funghi che i conigli contraggono possono essere trasmessi all’uomo, di solito attraverso il contatto diretto con le spore. Inoltre, sono spesso difficili da sradicare a casa. Le malattie fungine più comuni sono 2:

  1. Tigna: questa malattia si contrae entrando in contatto con le spore di funghi dermatofiti dei generi Microsporum e Trichophyton. L’alopecia che questo fungo produce negli animali è caratteristica, in quanto di forma circolare. Nell’uomo provoca irritazioni circolari che provocano un forte prurito. È molto difficile sradicare le spore di tigna da una casa.
  2. Sporotricosi: il fungo Sporothrix schenckii nell’uomo produce noduli cutanei che si diffondono attraverso le vie linfatiche per diventare ascessi e ulcere. Ha una forma in cui colpisce i polmoni ed è fatale, ma è molto insolita.

Malattie batteriche

È qui che si trovano la maggior parte delle malattie che i conigli trasmettono all’uomo. Il principale fattore di contagio è per contatto diretto con l’animale o per via oro-fecale. Ecco le malattie batteriche più comuni in quest’area:

  • Melioidosi: i batteri Burkholderia pseudomallei causano ascessi negli organi in cui risiedono. Le sedi più comuni sono i polmoni, la milza, il fegato e i linfonodi adiacenti.
  • Campilobatteriosi: i sintomi di Campylobacter jejuni sono generalmente lievi. Consiste in diarrea, dolore addominale e febbre che di solito durano non più di una settimana. Viene comunemente confuso con la gastroenterite.
  • Salmonellosi: i batteri del genere Salmonella sono molto rari nei conigli, ma ci sono casi di zoonosi. Questi agenti patogeni causano gastroenterite, vomito, diarrea, dolori addominali e febbre.
  • Pasteurellosi: causata dal batterio Pasteurella multocida, si trasmette all’uomo attraverso morsi o graffi. Il quadro è caratterizzato dalla rapida formazione di cellulite, con o senza ascessi. Appaiono ferite che trasudano sangue e pus e possono colpire le ossa. Nelle persone con problemi all’apparato respiratorio provoca polmoniti, bronchiti e ascessi polmonari.
  • Yersiniosi: il batterio Yersinia pseudotuberculosis causa una grave condizione nell’uomo costituita da enterocolite, diarrea, febbre e dolore addominale. Se l’infezione progredisce, può creare ascessi epatici e splenici, osteomielite, meningite ed endocardite.
  • Tetano: si trasmette entrando in contatto con ferite aperte o con graffi e morsi che attraversano la pelle. Il batterio che lo provoca è il Clostridium tetani e colpisce il sistema nervoso, che può portare alla morte.
  • Tularemia: nota anche come “febbre da coniglio”, è una malattia raramente trasmessa all’uomo. È causata dal batterio Francisella tularensis e produce sintomi diversi a seconda della via di ingresso, anche se i più comuni sono dolore nella zona interessata, ingrossamento della milza e del fegato, tosse, faringite e lesioni cutanee.
  • Febbre Q: Coxiella burnetii è l’agente che causa la febbre principalmente nei conigli selvatici. Oltre a questa ipertermia, nell’uomo può causare affaticamento, brividi, mal di testa, disturbi addominali, nausea, vomito o diarrea.

Malattie virali

Non sono molte le malattie che i conigli trasmettono attraverso i virus. Forse il più comune in quest’area è l’Arenavirus, che causa la coriomeningite linfocitaria. Si trasmette attraverso le feci e, se produce sintomi, questi sono costituiti da febbre, encefalite o meningite. Se una donna incinta è infetta, provoca malformazioni e persino la morte del feto.

Prevenzione delle malattie trasmesse dai conigli

È raro che un coniglio vi trasmetta una malattia. In generale, quelli che colpiscono maggiormente questi mammiferi (come la mixomatosi o la malattia emorragica virale) sono esclusivi di questa specie. Tuttavia, la prevenzione non guasta mai per evitare problemi. Ecco alcuni suggerimenti:

  • Tenete aggiornate le vaccinazioni e la sverminazione dei conigli.
  • Controllate le feci: i cambiamenti nelle feci dei conigli forniscono molte informazioni utili. La forma, la quantità, il colore o la presenza dei cecotrofi sono aspetti a cui prestare attenzione quando si determina se il lagomorfo potrebbe essere malato.
  • Non aspettate di andare dal veterinario: i conigli, da buoni animali da preda quali sono, nascondono i sintomi delle loro malattie fino a quando non sono molto malati. Prima di qualsiasi segno evidente, chiamate immediatamente la clinica di fiducia.
  • Controllate periodicamente la loro pelliccia: i conigli hanno una pelliccia molto spessa ed è difficile vedere la loro pelle. Per verificare la presenza di funghi, parassiti e altre condizioni della pelle, controllate spesso il vostro animale domestico.
  • Mantenete l’ambiente pulito e disinfettato: l’igiene quotidiana è fondamentale per prevenire l’accumulo di agenti patogeni. Questo è molto importante se diverse specie coesistono nello stesso spazio.
  • Prendetevi cura della vostra igiene: poiché dovete maneggiare resti potenzialmente infetti, lavatevi sempre le mani dopo aver toccato il coniglio o aver pulito la sua area.
Le malattie trasmesse dai conigli

Per concludere avrete notato che si parla solo di zoonosi tra conigli e uomo e non di altre specie. La copertura delle malattie trasmissibili tra diversi animali è irraggiungibile in un unico articolo. Pertanto, prima di adottare un coniglio, consultate il vostro veterinario quali pericoli potrebbero esserci per voi e per gli altri compagni non umani che avete in casa.

Potrebbe interessarti ...
Quali sono le malattie più comuni nei conigli?
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Quali sono le malattie più comuni nei conigli?

Il coniglio, quando vive in casa come animale domestico, di solito non tende a soffrire delle malattie più comuni nei conigli.



  • Macías Herrera, G., & Heuze de Icaza, Y. (2005). El conejo como huésped en la transmisión de la encefalitozoonosis por Encephalitozoon cuniculi. Sociedades rurales, producción y medio ambiente5(11), 26-30.
  • Kötsche, W., & Gottschalk, C. (1974). Enfermedades del conejo y de la liebre (No. SF997. R2. K67 1974.). Editorial Acribia.
  • Harwood, D. G. (1990). Infección por Salmonella typhimurium en una granja de conejos. Cunicultura15(83), 0029-29.
  • Bassols, J., Fernández, A., Gracia, E., & Villa, A. (2004). Etiología de las diarreas en conejos. Boletín de cunicultura lagomorpha, (131), 20-26.
  • van den Berg Elipe, N. M., Martínez, M. V., Sifres, M. V., & Martínez, L. S. (2020). Pasteurelosis en el conejo y la influencia de las condiciones ambientales. Boletín de cunicultura lagomorpha, (198), 28-32.