Lilo, l’husky che ha adottato una gattina

Vi abbiamo raccontato molte storie di grandi amicizie tra animali che non conoscono distinzione di razza, colore e perfino specie. Oggi vogliamo parlarvi di Lilo, una cagnolina husky e di come ha adottato una gattina.

Lilo, una cagnolina husky senza cuccioli

Lilo vive con i suoi padroni e i suoi fratelli. Ha subito un’operazione che le ha precluso la possibilità di avere cuccioli. Certamente non si aspettava che la vita le avrebbe regalato un cucciolo adottivo: Rosie.

Rosie era una gattina abbandonata alla nascita: senza tetto, cibo e acqua. Ma qualcuno ha avuto compassione di lei: i padroni di Lilo. Quando l’hanno portata a casa la micetta era stremata, poteva a stento aprire gli occhi ed era debolissima.

Appena arrivata nella nuova casa, Rosie ha notato la presenza di Lilo e degli altri due husky. Era spaventata e nervosa, probabilmente si sentiva osservata da tutti, padroni di casa compresi.

Per questo i due hanno pensato di lasciarla un po’ sola, in una stanza con Lilo, al riparo dagli sguardi, senza pubblico e senza pressioni. Questa idea è risultata fantastica perché in poco tempo Lilo ha cominciato a comportarsi come una mamma. La gattina ha risvegliato il suo istinto materno e Lilo l’ha adottata come se fosse stato un proprio cucciolo.

Abbiamo già parlato del fatto che le cagne possono soffrire di gravidanza isterica. Questa condizione le porta ad avere gli stessi sintomi della gravidanza, tra cui la produzione di latte. Bene, il desiderio di maternità di Lilo era così forte da renderla in grado di allattare la gattina.

Il latte materno è senza dubbio il miglior alimento al mondo per un neonato e il caso di Rosie lo dimostra. La micetta si è rimessa rapidamente e presto ha potuto aprire gli occhi, camminare dritta e perfino correre, saltare e giocare.

Adesso si è ripresa completamente. È un membro della famiglia in più e vive felice con la sua mamma canina e gli zii. Non sappiamo se pensa di essere un husky o se sa di essere un gatto; quello che però sappiamo è che grazie all’umanità dei suoi padroni e al grande impegno di Lilo, Rosie è viva ed è felice.

Non vi sembra una storia tenera?

Altre storie di amicizia senza limiti

Questo non è l’unico caso: cogliamo l’occasione per ricordare altri casi di amicizie senza limiti.

scimmia-adotta-un-cagnolino-orfano

Fonte dell’immagine: Dinamalar – World’s No 1 Tamil News Website

  • Sammie e Simon si sono conosciuti in un rifugio per animali, entrambi vittime di maltrattamento. Dal momento che i due cani hanno fatto amicizia, Simon ha assunto il compito di prendersi cura di Sammie. Sono diventati amici inseparabili.
  • Orsa e lupo. Alcuni mesi fa vi abbiamo raccontato di come un’orsa e un lupo che vivono allo zoo siano stati visti giocare e passeggiare insieme, come due compagni inseparabili. La loro amicizia è dovuta al fatto che sono cresciuti insieme e fin dall’inizio sono diventati reciprocamente indispensabili senza guardare alle loro differenze, perché l’amicizia non bada a queste cose.
  • Fosberg e Rony. Fosberg, un cane, aveva stretto una bella amicizia con un gattino. Quando quest’ultimo morì piombò nella tristezza. Presto gli trovarono un nuovo compagno di giochi, Rony un gatto nero che è diventato la gioia della sua vita.
  • Juniper e Moose. Volpe e cane sono i protagonisti di questa amicizia. La famiglia di Juniper ha trovato un cucciolo di volpe e lo ha portato a casa. I due animali sono diventati da subito inseparabili.

Queste sono solo alcune delle storie che si possono raccontare; senza dubbio rappresentano un esempio di fedeltà e amicizia senza pregiudizi. Perché l’amicizia non conosce colore, razza o specie.

Fonte dell’immagine: tiempo.hn

Categorie: Curiosità Tags:
Guarda anche