Mal rossino nei suini: sintomi, cause e trattamento

Il mal rossino nei suini è una malattia di origine batterica presente nell'industria suina. Si manifesta in varie forme e può essere fatale.
Mal rossino nei suini: sintomi, cause e trattamento

Ultimo aggiornamento: 15 luglio, 2021

Le malattie dei suini sono molto importanti, non solo a livello di benessere del singolo animale, ma anche per quanto riguarda l’allevamento. Nell’industria della carne, il controllo delle malattie infettive è fondamentale per ottenere una produzione adeguata. Una delle condizioni che è considerata onnipresente in questo settore è il cosiddetto mal rossino nei suini. 

Il fatto di avere una sovrappopolazione di suini facilita la diffusione di patologie e infezioni se non vengono prese misure preventive. Il mar rossino ha diverse forme di presentazione in un animale, e può causare morte improvvisa in qualsiasi individuo e aborto nelle donne in gravidanza. Nelle righe seguenti vi descriviamo nel dettaglio questa malattia, i sintomi, le cause e il trattamento. 

Cos’è il mal rossino nei suini?

L’erisipela, il mal rossino o la malattia della pelle del diamante, è causata da un batterio Gram-positivo comune nel suolo, Erysipelothrix rhusiopathiae. Si tratta di un patogeno zoonotico che viene trasmesso attraverso uccelli migratori, tacchini e maiali, quindi trova un posto perfetto nel settore per rimanere e prosperare da ospite a ospite.

Sebbene sia una malattia zoonotica e possa essere trasmessa all’uomo, è altamente improbabile. Perché ciò avvenga, infatti, una ferita aperta sulla pelle della persona dovrebbe essere contaminata dal sangue di un maiale infetto. 

Nelle industrie che eseguono la corretta gestione, non consentono il sovraffollamento ed eseguono rigorosi protocolli di disinfezione, questa patologia è rara.

Cause

La comparsa della malattia e la sua diffusione sono strettamente legate ad una non corretta gestione degli scarti di suino, nonché ad un basso livello di igiene e ad una scarsa prevenzione in termini di malattie infettive. Pertanto, le principali cause che portano alla comparsa e allo sviluppo del mal rossino nei suini sono le seguenti: 

  • Un pavimento bagnato contaminato dalle feci.
  • Sistemi di alimentazione contenenti latticini.
  • Recinti sovraffollati, senza protocollo di disinfezione tra gli ingressi e le uscite degli animali.
  • Sistema idrico contaminato da batteri.
  • Cambio di suini tra gruppi già gerarchici. Lo stress deprime il sistema immunitario e i batteri hanno un tempo più facile stabilirsi nel corpo.
  • Cambiamenti improvvisi di temperatura.
  • Mancanza di igiene durante i mesi caldi.
  • Diete contenenti aflatossine.
  • Alto carico parassitario, che consente l’ingresso di batteri attraverso la parete danneggiata dell’intestino.
  • Introduzione di animali non vaccinati.
Mal rossino nei suini

Forme cliniche del mal rossino nei suini

La malattia ha diverse forme cliniche. L’aspetto di ciascuna di esse dipenderà da quanto i batteri sono in grado di viaggiare all’interno del corpo e del sistema immunitario dell’animale. Successivamente, vi elencheremo ciascuna delle forme cliniche del mal rossino nei suini. 

Forma artritica

La forma artritica del mal rossino a nei suini si verifica quando la malattia diventa cronica. Se un suino viene infettato da Erysipelothrix rhusiopathiae, può verificarsi setticemia e i batteri possono raggiungere le articolazioni. 

Questo fatto può causare zoppia e infiammazione alle articolazioni, principalmente ai garretti e al carpo. È anche comune che si verifichino sulle ginocchia o sui gomiti. Il liquido sinoviale in queste articolazioni colpite diventa sierosanguinoso. Allo stesso modo, possono comparire altre lesioni, come la poliartrite fibrinosa non suppurativa o l’erosione della cartilagine. 

Forma orticarioide

Una delle forme meno patogene della malattia è orticarioide o cutanea. In questi casi, il batterio infettante non è così dannoso, e si verifica in animali che hanno già una certa immunità. 

La forma orticarioide si presenta con macchie tonde o poliedriche di uno 5 o 6 centimetri di diametro, sporgenti e di colore rosso. Questo segno clinico è considerato patognomonico per la malattia, cioè nessun altro disturbo lo fa sviluppare. 

In generale, queste macchie progrediscono in vescicole e alla fine guariscono, a meno che l’infezione non diventi cronica o si sviluppi la forma setticemica.

Forme setticemiche

È un’infezione di tipo acuto. Entro 12-24 ore, l’invasione locale può diffondersi in tutto il corpo e invadere gli stessi globuli bianchi. I batteri rimangono nel flusso sanguigno, specialmente nei capillari e nelle piccole venule. Questo fatto può causare trombi, edema e accumulo di globuli bianchi nella parete dei vasi. 

Dopo questi effetti, possono verificarsi infiltrazioni e i tessuti periferici ai vasi iniziano a necrotizzare. Ciò provoca uno shock sistemico a livello organico e la morte dell’animale.

Forma endocardica

Come nella forma artritica di questa patologia nei suini, anche la variante endocardica si manifesta in una fase cronica. In questo caso, i batteri raggiungono il tessuto endocardico e lo infiltrano. Di solito, le forme endocardiche e artritiche compaiono contemporaneamente, dopo lo sviluppo della forma setticemica.

Diagnosi del mar rossino nei suini

Grazie agli anni di esperienza accumulati, un allevatore può sapere o sospettare quali malattie possono colpire una mandria. Nel caso del mal rossino nei suini, la forma orticarioide viene visualizzata in modo univoco e inequivocabile. 

Diagnosticare correttamente una malattia nell’industria animale è il modo migliore per controllarla, prevenirla ed eliminarla. In ogni caso, pur essendo sicuri di ciò che accade a un essere vivente, è fondamentale verificare la diagnosi attraverso esami di laboratorio. In caso di erisipela, è necessario un test PCR.

Trattamento

Il trattamento della malattia rossa nei suini è efficace solo nei casi acuti e sempre all’inizio della malattia. La penicillina è l’antibiotico generalmente utilizzato per combattere le riacutizzazioni. Nel caso delle forme croniche, il trattamento è diverso. Gli animali molto giovani e le femmine gravide di solito muoiono, poiché non esiste un approccio efficace per la loro condizione. 

Quando si tratta della forma artritica, a volte viene presa in considerazione l’amputazione dell’arto colpito, per prevenire la proliferazione e la diffusione dei batteri. In questo modo, gran parte dei microrganismi viene isolata e l’infezione non progredisce.

In ogni caso, quando si verificano focolai, l’isolamento degli animali malati è essenziale, così come un controllo rigoroso dei lavoratori che si trovano con entrambi i gruppi di animali. Ciò impedisce ai batteri di diffondersi attraverso le persone.

La malattia rossa nei suini può avere molte cause.

Il modo migliore per agire contro la malattia rossa nei suini è la prevenzione. L’uso di vaccini nei suini e negli animali appena arrivati in allevamento, nonché l’applicazione di sieri endovenosi che aumentano il sistema immunitario degli animali contro l’erisipela, sono le vie da seguire affinché questo patogeno non proliferi nel bestiame suino. 

Potrebbe interessarti ...
5 cose da sapere sul coronavirus canino
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
5 cose da sapere sul coronavirus canino

Il coronavirus canino viene dalla famiglia dei coronavirus. Ha una incidenza molto alta nei cani che vivono in ambienti sovraffollati come i canili...



  • Cuevas Moreno, Victor., & Moreno Avalos, M. S. (2012). ERISIPELA PORCINA (ERYSIPELOTHRIX RHUSIOPATNIAE) (No. MONOGRAFIA LAGUNA SF977. E7. C83 2012).
  • Robbins, R. C., Almond, G., & Byers, E. (2014). Swine Diseases and Disorders. Encyclopedia of Agriculture and Food Systems, 261.