Il morbo di Aujeszky nei cinghiali e nei maiali

In più occasioni di quanto pensiamo, per trovare una cura per una malattia che colpisce gli animali domestici, dobbiamo osservare i loro simili selvatici.
Il morbo di Aujeszky nei cinghiali e nei maiali

Ultimo aggiornamento: 05 maggio, 2021

Il morbo di Aujeszky è una malattia virale che colpisce la specie suina. È considerata una delle malattie più gravi per il bestiame dal punto di vista economico, a causa degli alti tassi di mortalità che provoca negli allevamenti di suini.

Ad essere motivo di preoccupazione, non è solo il fatto che l’infezione colpisca principalmente il maiale domestico. Da qualche anno anche il cinghiale può veicolare il virus e diffonderlo su tutto il territorio, quindi può trasmetterlo al bestiame domestico con facilità. Vi raccontiamo tutto sul morbo di Aujeszky in questo articolo.

Panoramica sul morbo di Aujeszky

L’agente eziologico di questa malattia è l’herpesvirus suino di tipo 1. Sebbene sia corretto parlare di Aujeszky, la verità è che questa patologia è nota da tempo come pseudorabbia. Ciò potrebbe essere fuorviante, perché questo virus non ha nulla a che fare con l’agente patogeno della rabbia.

La specie bersaglio di questo virus è il suino, domestico e selvatico. Tuttavia, anche altri mammiferi come mucche, pecore, capre, cani, gatti e esseri umani sono suscettibili alla malattia. Questa patologia è fatale solo negli animali.

Un gruppo di maiali da fattoria.

Epidemiologia

Il virus si diffonde mediante la saliva e le secrezioni nasali dei suini infetti per via respiratoria. Inoltre, può sopravvivere per diverse ore nell’aria e contaminare tutti i tipi di superfici. Sono stati rilevati virus vivi anche nelle feci e nel latte dopo diversi giorni.

Alcuni studi affermano che il virus del morbo di Aujeszky può rimanere in vita per mesi nel letame.

È una malattia enzootica presente nelle aree ad alta densità di animali, come gli allevamenti dei suini piccoli. Il maiale adulto, infatti, è molto resistente al virus e funge solo da portatore.

La trasmissione avviene mediante contatto diretto o indiretto con le secrezioni respiratorie e le escrezioni che contengono il virus. Purtroppo è una malattia molto contagiosa.

La via di trasmissione più problematica è la via respiratoria, poiché è la più difficile da controllare. In via eccezionale, le scrofe da riproduzione possono trasmettere il virus direttamente al feto per via transplacentare.

Sintomi nei suini, le principali specie colpite

L’infezione attraverso le vie respiratorie di solito causa:

  • Aborti.
  • Sintomi respiratori come tosse, starnuti, febbre e malessere generale.
  • Elevata mortalità nei suini piccoli, quasi il 100% nei suini di età inferiore a un mese. Tuttavia, dopo un mese di età, la mortalità si riduce al 10%. Pertanto, l’età è un fattore da tenere in considerazione quando si diagnostica la malattia di Aujeszky.

Diagnosi del morbo di Aujeszky

La diagnosi di questa malattia è piuttosto complessa, a causa della mancanza di sintomi nei suini adulti e della mortalità nei suini piccoli. I sintomi sono molto leggeri e non molto rivelatori quando si tratta di individuare un patogeno piuttosto che un altro. Pertanto, è necessario differenziare questa malattia da altre come la colibacillosi o l’influenza.

Quando si sospetta Aujeszky, la conferma deve essere effettuata mediante un test di laboratorio che rileva il materiale genetico del virus. Stiamo parlando di un PCR o di colture di campioni di animali nei laboratori.

Prevenzione, controllo e cura nei suini domestici

Poiché non esiste un trattamento specifico contro il virus, il miglior strumento di prevenzione e controllo è la vaccinazione. In generale, si consiglia di realizzare la vaccinazione di massa di tutti i suini dell’allevamento, maschi e femmine, almeno tre volte l’anno e ad intervalli regolari.

La vaccinazione di massa aiuta a ridurre la diffusione del virus e favorisce la sopravvivenza degli animali. Grazie ad essa, la malattia di Aujeszky è stata debellata, se non completamente, in maniera abbastanza incisiva nei suini domestici.

Il morbo di Aujeszky nei cinghiali

Nonostante il successo della vaccinazione, non bisogna dimenticare che esiste il rischio che il virus si diffonda comunque nel bestiame domestico. Come? Attraverso il contatto con i suini selvatici: i cinghiali.

Branco di cinghiali.

Poiché gli sforzi di eliminazione delle malattie sono sempre diretti al maiale domestico, i cinghiali rimangono non protetti. Ciò fa sì che le popolazioni di suini selvatici mostrino alti tassi di virus Aujeszky.

Il problema più grande si verifica nel caso degli allevamenti intensivi di suini, ad esempio nel caso del maiale iberico. In questi modelli di produzione, il contatto tra il maiale domestico e un cinghiale infetto è molto probabile. Ciò impedisce l’eliminazione definitiva della malattia.

Monitorare le specie selvatiche per salvare le specie domestiche

Pertanto, il vaccino è lo strumento migliore per prevenire e controllare il morbo di Aujeszky, ma non è di alcuna utilità da solo. È necessario accompagnarlo con misure di sicurezza negli allevamenti di suini per evitare il contatto tra animali malati.

Soprattutto, è essenziale evitare il contatto dei bovini domestici con quelli selvatici e, infine, controllare rigorosamente il virus anche nei cinghiali.

Potrebbe interessarti ...
Quali sono le malattie che colpiscono gli animali da fattoria?
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Quali sono le malattie che colpiscono gli animali da fattoria?

Vi diciamo quali sono le malattie che colpiscono gli animali da fattoria, tra cui la salmonellosi e l'influenza aviaria, preoccupanti infezioni.